LO SCONTRO A DISTANZA TRA GIORGIA MELONI E ELLY SCHLEIN STA RIATTIZZANDO I GIOVANI: I CITTADINI TRA I 18 E I 24 ANNI INIZIANO A SENTIRSI PIÙ COINVOLTI DALLA POLITICA - IL TARGET UNDER 25 SI POLARIZZA SU DUE PARTITI (PD CON IL 25,6% E FRATELLI D'ITALIA CON IL 23,3%) EMERGENDO DALL'AREA DELL'ASTENSIONE E DELL'INDECISIONE - UN ITALIANO SU DUE NON È SODDISFATTO DI COME IL GOVERNO HA GESTITO IL POST-NAUFRAGIO DI CUTRO: LA MELONI AVREBBE DOVUTO OMAGGIARE LE SALME MOLTO PRIMA DELLE STRETTE DI MANO DATE AI PARENTI DELLE VITTIME…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alessandra Ghisleri per “la Stampa”

 

MELONI SCHLEIN 1 MELONI SCHLEIN 1

Martedì 13 marzo il sondaggio di Euromedia Research […] evidenzia la riconferma di Fratelli d'Italia come primo partito con il 29,2% dei consensi, nonostante un piccolo calo dello 0,4% nell'arco di due settimane. La vera sorpresa comunque è il Partito Democratico che torna sopra la soglia psicologica del 20,0% (20,3%). Il Movimento 5 Stelle occupa il terzo posto con il 15,0% perdendo ancora poco più di mezzo punto percentuale (-0,6%). Segue la Lega di Matteo Salvini con il 9,4%, Azione-Italia Viva con l'8,4% (+0.1%) e Forza Italia con 6,5% (-0,4%). Alleanza Verdi e Sinistra (2,6%) insieme al partito di Giuseppe Conte pagano il prezzo più pesante della novità Elly Schlein.

GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - 8 MARZO - VIGNETTA BY MACONDO GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN - 8 MARZO - VIGNETTA BY MACONDO

 

Dall'elezione del nuovo Segretario del Partito Democratico infatti si è creata una nuova attenzione attraverso due poli principali che si confrontano tra loro […] Giorgia Meloni e Elly Schlein […] rappresentano quelle nuove generazioni che disegnano una delle più importanti priorità per il Paese. I temi delle due leader sono sempre più identitari e nei discorsi prefigurano una nuova Italia più evoluta e femminile […] anche i cittadini italiani nella fascia tra i 18 e i 24 anni iniziano a sentirsi e a dichiararsi più coinvolti dalla politica.

 

SCHLEIN MELONI SCHLEIN MELONI

[…] è significativo che il target under 25 si polarizza nelle sue scelte emergendo proprio da quell'area dell'astensione e dell'indecisione e concentrandosi principalmente su due partiti: Partito Democratico con il 25,6% e Fratelli d'Italia con il 23,3%. Questo significa che 1 giovane su 4 che decide di esprimere la sua preferenza sceglie una di queste due leader. I ragazzi rivendicano un approccio meno teorico, più pratico e pluralista, sicuramente lungimirante, perché le nuove generazioni necessitano di farsi carico di loro stessi e del futuro […]

 

GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN

Questo confronto tra le due leader si è palesato proprio nella tragedia di Cutro (Crotone). […] il 46,6% dei cittadini non si ritiene soddisfatto di come il governo ha gestito tutte le fasi del post-naufragio e tra questi spicca la spaccatura all'interno dell'elettorato di Forza Italia. Il mancato passaggio di Giorgia Meloni in qualità di Istituzione davanti ai feretri dei migranti forse le avrebbe reso più dolci le critiche delle opposizioni, o forse chissà avrebbe implementato l'area del disappunto […]

 

Resta il fatto che per il 47,5% degli intervistati la Presidente del Consiglio avrebbe dovuto omaggiare le salme molto prima delle strette di mano date ai parenti delle vittime. E alla fine, anche sulla visita ai caduti di Cutro il confronto è stato ancora tra le due leader, perché nessun altro leader di partito si è palesato e se ne è parlato. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...