LA SCONVOLGENTE INTERVISTA AL PORTAVOCE DI AL SHABAAB: ''COI SOLDI DEL RISCATTO CI FINANZIAMO LA JIHAD E COMPRIAMO ARMI. I 500 MORTI AL MERCATO DI MOGADISCIO? GLI USA HANNO I DRONI, NOI I KAMIKAZE - SILVIA ROMANO SI È CONVERTITA PERCHÉ HA VISTO CON I SUOI OCCHI UN MONDO MIGLIORE DI QUELLO CHE CONOSCEVA PRIMA. DALLA CELLA? NON MI RISULTA CHE SIA STATA SEMPRE SEGREGATA. CAMBIAVAMO POSTO SPESSO PERCHÉ…''

Condividi questo articolo


al shabaab al shabaab

Liberoquotidiano.it

 

I 4 milioni di dollari pagati dallo Stato italiano per il riscatto di Silvia Romano aiuteranno Al-Shabaab a finanziare le proprie attività terroristiche. Tutto come previsto, insomma. A chiarirlo è lo stesso portavoce dei tagliagole somali, Ali Dhere, in una clamorosa intervista concessa a Repubblica.

 

silvia romano 10 silvia romano 10

Quei soldi, ha spiegato al telefono, "in parte serviranno ad acquistare armi, di cui abbiamo sempre più bisogno per portare avanti la jihad, la nostra guerra santa. Il resto servirà a gestire il Paese: a pagare le scuole, a comprare il cibo e le medicine che distribuiamo al nostro popolo, a formare i poliziotti che mantengono l'ordine e fanno rispettare le leggi del Corano".

 

silvia romano 1 silvia romano 1

Ali Dhere ha parlato anche della conversione all'Islam di Silvia, che tornata in Italia ha spiegato di volersi far chiamare Aisha.  "Da quanto mi risulta Silvia Romano ha scelto l'Islam perché ha capito il valore della nostra religione dopo aver letto il Corano e pregato".

I RAPITORI DI SILVIA ROMANO I RAPITORI DI SILVIA ROMANO

 

silvia romano a ciampino con luigi di maio silvia romano a ciampino con luigi di maio

"Rispetto per le donne" - Al rapimento della cooperante italiana, ha detto ancora il portavoce, hanno partecipato "decine di persone", ma non è stato organizzato dai vertici del gruppo: "C'è una struttura in seno ad Al Shabaab che si occupa di trovare soldi per far funzionare l'organizzazione, la quale poi li ridistribuisce al popolo somalo. È questa struttura che gestisce le diverse fonti d'introiti". Tra cui, appunto, i rapimenti di occidentali.

al shabaab al shabaab

 

Il portavoce spiega poi perché Silvia non è stata maltrattata: "Silvia Romano rappresentava per noi una preziosa merce di scambio. E poi è una donna, e noi di Al Shabaab nutriamo un grande rispetto per le donne". "Abbiamo fatto di tutto per non farla soffrire, anche perché Silvia Romano era un ostaggio, non una prigioniera di guerra.

 

silvia romano 11 silvia romano 11

I prigionieri di guerra li passiamo per le armi, esattamente come fa l'esercito somalo quando cattura un soldato di Al Shabaab. Prima di giustiziare i prigionieri, le truppe di Mogadiscio li torturano per farli parlare, per estorcere tutte le informazioni possibili sulle nostre postazioni strategiche o sulla struttura di comando del nostro gruppo.

 

SILVIA ROMANO ARRIVA A CIAMPINO CON GLI UOMINI DEI SERVIZI SEGRETI ITALIANI SILVIA ROMANO ARRIVA A CIAMPINO CON GLI UOMINI DEI SERVIZI SEGRETI ITALIANI

Ma i nostri soldati sono addestrati anche a soffrire, perciò molti muoiono sotto tortura senza rivelare nulla. Noi invece non dobbiamo torturare nessuno, perché sappiamo tutto, avendo a Mogadiscio infiltrato i nostri uomini in ogni istituzione, ministero, partito politico e perfino nell'esercito somalo".

silvia romano 4 silvia romano 4

 

 

al shabaab al shabaab silvia romano 13 silvia romano 13 silvia romano torna a casa a milano 1 silvia romano torna a casa a milano 1 conte di maio silvia romano conte di maio silvia romano silvia romano torna a casa a milano 13 silvia romano torna a casa a milano 13 silvia romano con la madre e la sorella silvia romano con la madre e la sorella SILVIA ROMANO 2 SILVIA ROMANO 2 silvia costanza romano silvia costanza romano silvia romano 14 silvia romano 14 silvia romano 5 silvia romano 5

 

silvia romano silvia romano silvia romano torna a casa a milano 12 silvia romano torna a casa a milano 12 silvia romano torna a casa a milano 11 silvia romano torna a casa a milano 11 silvia romano torna a casa a milano 10 silvia romano torna a casa a milano 10 conte di maio silvia romano conte di maio silvia romano SILVIA ROMANO 1 SILVIA ROMANO 1

 

SILVIA ROMANO SILVIA ROMANO SILVIA ROMANO SILVIA ROMANO silvia romano torna a casa a milano 8 silvia romano torna a casa a milano 8 silvia romano 12 silvia romano 12 silvia romano 9 silvia romano 9 al shabaab al shabaab silvia romano 6 silvia romano 6 Al Shabaab Al Shabaab silvia romano 7 silvia romano 7 silvia romano 8 silvia romano 8 silvia romano 2 silvia romano 2

  attentato al shabaab all universita di garissa in kenya 5 attentato al shabaab all universita di garissa in kenya 7 attentato al shabaab all universita di garissa in kenya 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...