1. SE CONTE NON VUOLE TORNARE A SPICCIARE CASA, AL PROSSIMO CONSIGLIO EUROPEO CHE DEVE FIRMARE IL PATTO DELL’EUROGRUPPO, NON GLI RESTA CHE ALZARSI, DICHIARARE CHE L'ITALIA NON È D’ACCORDO E GIRARE I TACCHI. A QUEL PUNTO, L’EUROPA CHE FA?
2. IN CASO CONTRARIO, SE CONTE FIRMA QUESTO CAZZO DI PATTO, DOVE IL MES SENZA TROIKA VALE SOLO PER LE SPESE SANITARIE DI AGHI E MASCHERINE (SIC!) MENTRE LA BEI METTE A DISPOSIZIONE DI TUTTI I 27 STATI LA MISERIA DI 200 MILIARDI, È FINITO. NON SOLO I 5STELLE LO GETTANO NELL’OLIO BOLLENTE COME UN SOFFICINO, ABBANDONANDO IL GOVERNO, MA ANCHE ITALIA VIVA DI RENZI GLI TOGLIE LA FIDUCIA. MENTRE METÀ DEPUTATI DEL PD SONO ANCHE LORO CONTRARI AL “MES SANITARIO” - I RETROSCENA CHE HANNO PORTATO ALLA DEBACLE-ITALIA

Condividi questo articolo

CONTE MERKEL SANCHEZ MACRON CONTE MERKEL SANCHEZ MACRON

DAGOREPORT

Ad essere ottimisti, molto ottimisti, l’esito dell’Eurogruppo è una dèbacle per l’Italia. La conferma arriva dai tweet ai suoi amici del vice ministro dell’Economia tedesca, il falco Kukies: “Abbiamo vinto, siamo a posto”. Amen.

 

Cosa è successo? Partiamo dall’inizio. Qualche giorno fa Macron chiama il suo commissario europeo per l’economia Thierry Breton: per favore, convinci quel coglione di Paolo Gentiloni a chiedere l'istituzione di un fondo europeo per l'emergenza coronavirus. Una volta lanciato il Recovery Fund su Faz e Corriere, l’Italia lo ha preso in quel posto. Inizia la manovra diplomatica di Macron. Parla con la Merkel e la convince di mettere nel documento finale dell’Eurogruppo l’idea di Breton-Gentiloni, ma in maniera “sfocata”, blanda, molto blanda.

 

Olaf Scholz e Kukies Olaf Scholz e Kukies

Questo accenno a un fondo sostenuto dall’Unione Europea e non dai singoli stati, è una carta che Macron si è giocato alla fine, una volta che Breton l’ha consegnata al ministro dell’Economia Bruno Le Maire. Tanto la Merkel sa benissimo che per approntare un fondo finanziato dal budget europeo i negoziati saranno lunghi, molto lunghi. Nel documento finale non viene accennato nemmeno come sarà finanziato questo fondo per la ripresa. E la Francia di Macron non ha un urgente bisogno di un Recovery Fund come l’Italia; se arriverà anche fra 5 o 6 mesi per Parigi non cambia granché.

MERKEL MACRON SANCHEZ JUNCKER MERKEL MACRON SANCHEZ JUNCKER

 

Altro cazzo che è entrato nel sederino italiano appartiene alla Spagna, da sempre suddita ai tedeschi perché la Merkel ha dato sempre una mano agli spagnoli. Il partito della Merkel, la CDU, ha sempre avuto al guinzaglio il partito popolare spagnolo. Tant’è che ieri il partito popolare spagnolo, che è all’opposizione, si è astenuto su un Ordine del giorno del premier socialista Sanchez. Una mano lava l’altra e l’Italia è stata tradita.

PAOLO GENTILONI PAOLO GENTILONI

 

Così quando “Er Moviola” Gentiloni, che ha al fianco due euroburocrati filo franco-tedeschi come Buti e Piantini, ha cercato di incontrare la ministra spagnola dell’economia Nadia Calvino, questa ha fatto orecchie da mercante. Insomma, ha fatto finta di non sentire.

 

E il nostro ministro dell’Economia Gualtieri che ha combinato davanti a questa disfatta? Dato che non ha mai creduto alla linea massimalista dell'”Eurobond o niente” di Conte, davanti al tradimento di Francia e Spagna, si è cagato sotto e ha firmato il patto-dèbacle. Quindi il prode Gualtieri ha girato la patata bollente, meglio: il cetriolo a tre punte, allo schiavo di Rocco Casalino: Caro Giuseppe, per tirare fuori i Recovery Fund dall’anonimato aleatorio del patto dell’Eurogruppo, si fa affidamento nella tua abilità al prossimo Consiglio dei premier europei che dovranno firmare il patto…

Gualtieri Conte Gualtieri Conte

 

A quel punto, se Conte non vuole essere massacrato dalla sua maggioranza, come promesso, ed evitare una figuraccia di merda, al Consiglio dei premier europei non resta che alzarsi, dichiarare che non è d’accordo e girare i tacchi. A quel punto, l’Europa che fa?

 

In caso contrario, se Conte non se ne va e firma questo cazzo di patto, dove il MES senza troika vale solo per le spese sanitarie di aghi e mascherine (sic!) mentre la BEI mette a disposizione di tutti i 27 stati la miseria di 200 miliardi, è finito. Non solo i 5Stelle lo ammazzano, abbandonando il governo, ma anche Italia Viva di Renzi gli toglie la fiducia. Mentre metà deputati del PD sono anche loro contrari al “MES sanitario”.

matteo renzi al senato matteo renzi al senato

 

Intanto Mattarella è attaccato al telefono cercando di riannodare i fili di questo cataclisma. Prima che sia troppo tardi.

di maio conte di maio conte

 

Condividi questo articolo

politica

IL RITORNO DEL VECCHIO KAHN-KAHN - ''LA SOLUZIONE ALLA CRISI SONO I BOND PERPETUI''. L'EX CAPO DEL FONDO MONETARIO INTERVISTATO DAL ''CORRIERE'' CON IL BOSS DI ''LE MONDE'' MATTHIEU PIGASSE, UN SUO PUPILLO: ''LA SITUAZIONE ECONOMICA È PIÙ GRAVE DI QUEL CHE SI DICE. L'AZIONE RESTA INSUFFICIENTE, LA SOLIDARIETÀ EUROPEA INADEGUATA. I BOND PERPETUI CON INTERESSE ALLO 0,5% POTREBBERO FORNIRE FACILMENTE I 1.000 MILIARDI NECESSARI. SI METTE IN COMUNE SOLO UN' OBBLIGO DI PAGARE 5 MILIARDI L'ANNO SU RISORSE PROPRIE. ANCHE I "PAESI FRUGALI" POTREBBERO ACCETTARLO''

PREGARE LA MADONNA IN DIFFERITA - DON FILIPPO DI GIACOMO DURISSIMO CON CHI HA ORGANIZZATO LA PREGHIERA DEL 1 MAGGIO SU TV2000, CHE DOVEVA AFFIDARE L'ITALIA ALLA MADONNA ''IN DIRETTA'' DAL SANTUARIO DI CARAVAGGIO. IN REALTÀ È STATA REGISTRATA IL 27 APRILE, PER ''UNA QUESTIONE DI COSTI''. ''IL SOLITO QUERULO E IMPROVVISATO GENIO DELLA COMUNICAZIONE CEI, CHE CON GLI ALTRI CATTOLICI DI PROFESSIONE HA TURLUPINATO FEDE E SENTIMENTI ALTRUI, E NONOSTANTE QUESTO LA CHIESA CONTINUA A PAGARE LORO LO STIPENDIO''