UNA SEGA LO SEPPELLIRÀ - ARRESTATO PJOTR PAVLENSKY, L'ARTISTA PAZZOIDE RUSSO CHE HA CREATO UN SITO APPOSITAMENTE PER DIFFONDERE IL VIDEO HOT DI BENJAMIN GRIVEAUX, CANDIDATO A SINDACO DI PARIGI. NON C'ENTRA LA PRIVACY: ERA RICERCATO PER UNA RISSA CHE RISALE A CAPODANNO - IL SUO ''PORNO POLITIQUE'' NEL FRATTEMPO È STATO CHIUSO, GRIVEAUX HA DENUNCIATO E I MEDIA FRANCESI CHIEDONO DI COMBATTERE LA BARBARIE DELLA GOGNA SOCIAL

-

Condividi questo articolo


 

Anais Ginori per ''la Repubblica''

 

benjamin griveaux benjamin griveaux

Da qualche ora, il sito che ha postato i contenuti osé di Benjamin Griveaux non è più visibile. È stato lo stesso artista russo Pjotr Pavlenskij - arrestato ieri dalla polizia per fatti di violenza che risalgono al capodanno scorso - ad annunciare che Pornopolitique.com è stato chiuso dalle autorità francesi, promettendo però di tornare presto con nuove rivelazioni. E già questo fa capire che lo scandalo che ha travolto Griveaux, candidato sindaco di Parigi per il movimento di Emmanuel Macron, non è finito. Se Pavlenskij ha spiegato di voler denunciare «l' ipocrisia» di Griveaux, molti cominciano a pensare che sia stato aiutato.

 

La stessa Marine Le Pen parla di un possibile «complotto».

benjamin griveaux sexting benjamin griveaux sexting

A destare sospetti sono personaggi come il giovane avvocato Juan Branco, già legale di Julian Assange, che l' anno scorso ha firmato un violento pamphlet contro Macron. Branco conosce bene Pavlenskij con il quale ha trascorso l' ultimo capodanno finito con una denuncia contro l' artista per avere ferito all' arma bianca due ospiti che ieri ha portato al suo arresto.

Branco ha ammesso di essere stato consultato da Pavlenskij prima di pubblicare i contenuti hard.

 

Il sito Pornopolitique.com è stato creato nel novembre scorso e Pavlenskij ha messo in linea i contenuti già mercoledì, insieme a un' intervista a Cicciolina, passando per qualche ora inosservato. Sono stati alcuni profili legati ai gilet gialli a rilanciare i contenuti giovedì. Anche il deputato Joachim Son-Forget, eletto con En Marche prima di entrare in dissidenza, ha rilanciato i contenuti di Pavlenskij. Oggi il deputato - che ha cercato di assumere come assistente parlamentare l' ex responsabile sicurezza dell' Eliseo Alexandre Benalla - si difende sostenendo che era un modo di allertare Griveaux.

benjamin griveaux sexting benjamin griveaux sexting

 

Resta anche il mistero sulla fonte di Pavlenskij. Il filmato in cui Griveaux si masturba è stato inviato attraverso Facebook Messenger nel maggio 2018 (quando era portavoce del governo), con la funzione che cancella i contenuti dopo un minuto. Ma la persona che li ha ricevuti ha registrato il video con il cellulare.

 

Le Figaro parla di «agghiacciante incoscienza politica» di Griveaux. Nel suo editoriale dal titolo "L' abbassamento della democrazia", Le Monde auspica un «sussulto» dell' opinione pubblica contro la «barbarie» della delazione online. Il direttore di Libération , Laurent Joffrin, condanna la «la ghigliottina digitale» e «una regressione della civiltà».

benjamin griveaux benjamin griveaux pjotr pavlenskij pjotr pavlenskij i messaggi di benjamin griveaux i messaggi di benjamin griveaux pjotr pavlenskij pjotr pavlenskij emmanuel macron emmanuel macron pjotr pavlenskij pjotr pavlenskij pjotr pavlenskij pjotr pavlenskij petr pavlensky si cuce la bocca petr pavlensky si cuce la bocca pjotr pavlenskij pjotr pavlenskij pavlensky infiamma i pneumatici pavlensky infiamma i pneumatici pavlensky performance a mosca pavlensky performance a mosca petr pavlensky petr pavlensky pavlensky support female punk pavlensky support female punk i messaggi hot di benjamin griveaux i messaggi hot di benjamin griveaux

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…