1. SENTI CHI PARLA! LE “SUPERCAZZOLE” DELLO SMEMORATO PAOLINO MIELI SUI MAGISTRATI CATTIVI CHE POTREBBERO INGUAIARE Il GOVERNO DRAGHI VIA “IL FATTO QUOTIDIANO”-5STELLE
2. DIMENTICO, IL TAPINO, DI AVER DIRETTO IL ''CORRIERE DELLA SERA'' MANETTARO NEGLI ANNI DI TANGENTOPOLI (1992-1997) CON TANTO DI “SCOOP” (PILOTATO DA SCALFARO E BORRELLI) SULL’AVVISO DI GARANZIA PER CORRUZIONE AL PREMIER IN CARICA BERLUSCONI (22 NOVEMBRE 1994) E IMMEMORE DELLE MIGLIAIA DI POLITICI ARRESTATI IN ATTESA DI GIUDIZIO E MESSI ALLA GOGNA DAI SUOI CRONISTI ANTI-CASTA, IN NOME DELLA FIAT (AGNELLI & ROMITI), PRIMA AZIENDA PER DAZIONI MILIARDARIE AI PARTITI, NONCHE' PROPRIETARIA DEL QUOTIDIANO DI VIA SOLFERINO

Condividi questo articolo

paolo mieli corriere della sera paolo mieli corriere della sera

     DAGONOTA

Senti chi parla! Dopo aver attraversato con il suo faccione a forma di salvadanaio l’intero pianeta del talk nel corso dell’ultima crisi di governo, profettizzando a cazzo di cane un Conte Ter o la via del voto, l’altro giorno l’erede del tuttologo catodico, la mitica macchietta napoletana Alessandro Cutolo, l’ex Buddino di via Solferino, Paolo Mieli, si è offerto pure ai microfoni di Radio24.

 

DI PIETRO - COLOMBO - FRANCESCO SAVERIO BORRELLI DI PIETRO - COLOMBO - FRANCESCO SAVERIO BORRELLI

E stavolta indossati i panni del cuoco (smemorato) ha regalato agli uditori una ribollita (acidula) sui danni giudiziari “che negli ultimi trent’anni hanno avuto chi aveva soprattutto una immagine forte”.

sede del corriere della sera in via solferino a milano 2 sede del corriere della sera in via solferino a milano 2

 

Dimentico, il tapino, di aver diretto il Corriere della Sera “manettaro” negli anni di Tangentopoli (1992-1997) con tanto di “scoop” (pilotato da Scalfaro e Borrelli) sull’avviso di garanzia per corruzione al premier in carica Berlusconi (22 novembre 1994)

 

e immemore delle migliaia di politici arrestati in attesa di giudizio e messi alla gogna dai suoi cronisti anti-casta, oggi Mieli è preoccupato (sic!) per le sorti di Mario Draghi che potrebbe essere la prossima vittima indiretta della magistratura (cattiva).  

 

OSCAR LUIGI SCALFARO OSCAR LUIGI SCALFARO

«Guardo cosa bolle in pentola, e vedo che un giornale come il Fatto Quotidiano è schierato dalla parte degli scissionisti dei 5 Stelle”, osserva il Paolino falso garantista. E aggiunge mielesco: “Sarebbe una forma di libera espressione giornalistica se non sapessimo che il Fatto è un giornale molto caro alla magistratura più militante. Aspettiamo e vediamo (…)”.

 

Per concludere: “A volte non c'è stato neppure bisogno di prendere di mira il presidente del Consiglio. Nel 2008 il meccanismo che portò alla caduta di Prodi fu innescato dall'inchiesta contro Clemente Mastella, ministro della Giustizia, e sua moglie».

 

Ovviamente i suoi ragionamenti si basano sulle vicende del passato da emendare come peccati veniali fatti in nome della Fiat di Agnelli & Romiti prima azienda per dazioni miliardarie ai partiti.

DAVIGO TRAVAGLIO DAVIGO TRAVAGLIO

 

Di prove, ovviamente, neppure l’ombra oltre a quella canagliata riservata a il Fatto diretto da Travaglio. Che liquida come “supercazzole” le parole sul circuito mediatico-giudiziario inaugurato proprio dall’ex direttore del Corriere della Sera ai tempi di Mani pulite.

 

FRANCESCO SAVERIO BORRELLI E ANTONIO DI PIETRO FRANCESCO SAVERIO BORRELLI E ANTONIO DI PIETRO

Del resto osservava Michel de Montaigne “Il primo segno della corruzione è il mettere al bando la verità. La nostra verità di oggigiorno non è ciò che si fa credere agli altri”.

gianni agnelli cesare romiti gianni agnelli cesare romiti giuliano amato gianni agnelli cesare romiti giuliano amato gianni agnelli cesare romiti LUCA PALAMARA PUBBLICA SU TWITTER LA FOTO CON MARCO TRAVAGLIO AL CONVEGNO DI UNICOST IN PUGLIA LUCA PALAMARA PUBBLICA SU TWITTER LA FOTO CON MARCO TRAVAGLIO AL CONVEGNO DI UNICOST IN PUGLIA Agnelli Ghidella Romiti Agnelli Ghidella Romiti Romiti Agnelli Romiti Agnelli

 

Condividi questo articolo

politica

L'HANNO MASSACRATO PER QUATTRO ANNI MA SONO GIÀ ORFANI DI LUI - DOMENICA DONALD TRUMP TORNA IN CAMPO DAVANTI ALLA CONFERENZA DEGLI ATTIVISTI CONSERVATORI, PER LA GIOIA DI GIORNALI E TIVÙ - IL "NEW YORK TIMES" HA CONQUISTATO 5 DEI SUOI 6,7 MILIONI DI ABBONATI DIGITALI DURANTE LA SUA PRESIDENZA, IN TELEVISIONE HANNO SBANCATO SIA I CONDUTTORI FEDELISSIMI DEL TYCOON SIA QUELLI PIÙ CRITICI - IL SISTEMA INFORMATIVO ORMAI ABITUATO A QUESTA ADRENALINA SI FARÀ ANDARE BENE LE CAMOMILLE DI "SLEEPY" JOE BIDEN?