SGARBI RACCONTA LA STREPITOSA TELEFONATA DI BERLUSCONI ALLA BOSCHI  “PAREVA CAVALCANTI NEI SUOI MOMENTI PIÙ BELLI". COSA LE HA DETTO? “VORREI ESSERE PIÙ GIOVANE SOLO PER POTER CORTEGGIARE UNA DONNA SCESA IN TERRA A MIRACOL MOSTRARE. QUESTA TELEFONATA VALE PER TUTTO QUELLE CHE AVREI VOLUTO FARLE E NON LE HO MAI FATTO…” (COME JERRY CALA’ A MARINA SUMA IN SAPORE DI MARE)

Condividi questo articolo


Aldo Cazzullo per corriere.it

 

SILVIO BERLUSCONI FORZA ITALIA 9 SILVIO BERLUSCONI FORZA ITALIA 9

Vero cult di questa elezione presidenziale è la telefonata stilnovista di Berlusconi alla Boschi. Sgarbi: «Pareva Cavalcanti nei suoi momenti più belli, Dante nella fase della donna angelicata…»

 

Sì, ma cosa le ha detto? «Vorrei essere più giovane solo per poter corteggiare una donna scesa in terra a miracol mostrare…questa telefonata vale per tutto quelle che avrei voluto farle e non le ho mai fatto…» Silvio aveva gli occhi ispirati e un sorriso mistico». E lei, Sgarbi? «Mi sono allontanato e li ho lasciati soli»

berlusconi sgarbi operazione scoiattolo berlusconi sgarbi operazione scoiattolo

 

Sgarbi: «I miei scoiattoli sono pronti a votare la Casellati. Casini? È di destra, ma pure di sinistra. Mi ricorda il prefetto Caruso, candidato dalla Dc morente a sindaco della capitale, che disse: «Tifo sia per la Roma sia per la Lazio» e fu subissato di pernacchie

maria elena boschi alla leopolda 4 maria elena boschi alla leopolda 4 maria elena boschi foto di bacco (1) maria elena boschi foto di bacco (1) boschi boschi maria elena boschi a natale 2 maria elena boschi a natale 2 maria elena boschi foto di bacco (1) maria elena boschi foto di bacco (1) maria elena boschi foto di bacco (5) maria elena boschi foto di bacco (5) MARIA ELENA BOSCHI DURANTE LA VOTAZIONE PER IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA MARIA ELENA BOSCHI DURANTE LA VOTAZIONE PER IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

 

Condividi questo articolo

politica

“FINLANDIA E SVEZIA NELLA NATO? NON ESULTO. E’ IL SEGNO DI UN MONDO PRIGIONIERO DELLA PAURA” - DOMENICO QUIRICO: “SI PARLA, ORMAI UN PO' A VANVERA DELLA NECESSITÀ DI ALLACCIARE NEGOZIATI, DI PARLARSI TRA BELLIGERANTI DIRETTI E INDIRETTI, DI CESSATE IL FUOCO. MA NON ERA QUESTO IL RUOLO PERFETTO, QUASI OBBLIGATORIO DEI PAESI NEUTRALI? CHI SE NON LORO POTEVANO FARE DA MEDIATORI? OGGI IL MONDO SI CHIUDE SU SE STESSO, CERCA GARANZIE ARMATE: O CON NOI O CONTRO DI NOI. LA NEUTRALITÀ E LA SUA STORIA È UN'ALTRA DELLE VITTIME DI QUESTA GUERRA CRIMINALE”