SI SALVINI CHI PUÒ - IL CAPITONE VUOLE VINCERE ANCHE IN TOSCANA E HA DECISO DI NON ASPETTARE LE ELEZIONI IN EMILIA PER INIZIARE A PUNTELLARE L'ALTRO BASTIONE ROSSO: OGGI NON A CASO HA FATTO UNA CONFERENZA STAMPA DA FIRENZE - IL NODO DEL CANDIDATO: IL LEADER LEGHISTA VUOLE GIOCARSI LA CARTA DI SUSANNA CECCARDI, LA “ZARINA” EUROPARLAMENTARE ED EX SINDACO DI CASCINA, MA LA MELONI… – VIDEO

-

Condividi questo articolo

Giacomo Salvini per “il Fatto Quotidiano”

 

SALVINI FIRENZE SALVINI FIRENZE

Una conferenza stampa in grande stile per dirne "due o tre a Renzi e Nardella" e lanciare la campagna elettorale in Toscana. Il leader della Lega Matteo Salvini ha deciso di non aspettare l' esito delle elezioni regionali in Emilia-Romagna e, dopo la vittoria umbra, prova a fare il colpaccio anche nella (ex) regione più rossa d' Italia: questa mattina ha organizzato un incontro con i giornalisti nel cuore politico di Firenze, Palazzo Vecchio, da cinquant' anni occupato dal centrosinistra.

 

Con lui ci saranno i consiglieri comunali e di quartiere della Lega che in questi anni hanno fatto un' opposizione durissima al successore di Renzi, Dario Nardella. Il discorso di Salvini si concentrerà su due punti: in primo luogo darà il via alla campagna elettorale in vista delle Regionali della primavera e poi metterà nel mirino il suo leader acerrimo delle ultime settimane: Matteo Renzi e, di riflesso, il suo successore e fedelissimo Nardella. Per l' occasione proprio Salvini si è fatto preparare dal capogruppo leghista Federico Bussolin un "dossier" su tutte le falle dell' amministrazione di Renzi e Nardella.

 

renzi nardella renzi nardella

Il leader del Carroccio insisterà in particolare sulle infrastrutture - dall' ampliamento dell' aeroporto di Peretola al tunnel Tav che dovrebbe sotto attraversare la città passando per il nuovo stadio - che ancora oggi restano "bloccate" tra "pastoie burocratiche e volontà politiche" ma anche sulla "insicurezza" del centro di Firenze. Ma la conquista, almeno per una mattina, di Palazzo Vecchio servirà a Salvini per sparare il primo colpo di pistola della campagna elettorale in vista delle regionali di maggio. Parlando con i giornalisti il segretario del Carroccio dovrebbe lanciare il nome con cui il centrodestra correrà alle regionali: quello della zarina ed ex sindaca di Cascina, Susanna Ceccardi.

GIUSEPPE CONTE E MATTEO SALVINI A FIRENZE (DAL PROFILO INSTAGRAM DI GIUSEPPE CONTE) GIUSEPPE CONTE E MATTEO SALVINI A FIRENZE (DAL PROFILO INSTAGRAM DI GIUSEPPE CONTE)

 

Lei, eletta europarlamentare a maggio facendo il pieno di preferenze nel centro Italia (48mila seconda solo a Salvini), nei giorni scorsi ha fatto sapere di essere pronta a "combattere" ma al Fatto dice che questa mattina non ci sarà: "Sono a Bruxelles e non potrò venire perché il mio aereo atterra a Pisa nel pomeriggio - dice dispiaciuta - e non penso che Matteo mi lancerà a mia insaputa".

susanna ceccardi matteo salvini 8 susanna ceccardi matteo salvini 8

 

La cautela di Ceccardi, che con ogni probabilità sarà la candidata del centrodestra, cela una tensione nemmeno tanto velata con gli altri alleati di centrodestra. Nel vertice milanese pre-Umbria, Salvini e Berlusconi avevano garantito a Giorgia Meloni che in Toscana il candidato sarebbe stato di Fratelli d' Italia ma, dopo il voto che ha rischiato di far ballare il governo Conte, adesso il leader del Carroccio vuole prendersi tutto. Meloni da giorni va ripetendo che "il miglior candidato in Toscana sarebbe Paolo Del Debbio" ma lui ha più volte rispedito l' offerta al mittente e non ha il potere di mettersi contro la regina delle preferenze Ceccardi.

BERLUSCONI MELONI SALVINI BERLUSCONI MELONI SALVINI

 

susanna ceccardi matteo salvini 3 susanna ceccardi matteo salvini 3

Forza Italia invece ha già rinunciato mentre da Fratelli d' Italia filtra un certo fastidio per il passo in avanti di oggi di Salvini: "Lui può proporre chi vuole ed è anche legittimo - Giovanni Donzelli di FdI - però non decide il candidato anche per gli altri partiti della coalizione: per questo si dovrà mettere a sedere con gli altri leader del centrodestra".

salvini meloni tesei berlusconi salvini meloni tesei berlusconi susanna ceccardi matteo salvini 2 susanna ceccardi matteo salvini 2 susanna ceccardi matteo salvini 1 susanna ceccardi matteo salvini 1 susanna ceccardi matteo salvini 7 susanna ceccardi matteo salvini 7 susanna ceccardi matteo salvini 5 susanna ceccardi matteo salvini 5 matteo renzi dario nardella matteo renzi dario nardella meloni salvini a firenze meloni salvini a firenze renzi nardella renzi nardella renzi nardella renzi nardella RENZI NARDELLA RENZI NARDELLA

 

Condividi questo articolo

politica

FERMI TUTTI! LILIANA SEGRE NON RICEVEVA 200 INSULTI AL GIORNO…PRIMA DELL'ARTICOLO - GLI ATTACCHI ERANO 197 ALL'ANNO, CONTRO DI LEI E ALTRI EBREI FAMOSI. MA SU ''REPUBBLICA'' IL 25/26 OTTOBRE VENGONO MOLTIPLICATI PER 365, COSA CHE HA (COMPRENSIBILMENTE) FATTO INDIGNARE IL MONDO POLITICO, DA CONTE IN GIÙ. SOLO CHE POI L'ODIO E LE MINACCE SONO SCHIZZATI DAVVERO, TANTO DA FAR SCATTARE LA NECESSITA' DELLA SCORTA. UNA PROFEZIA CHE SI AUTO-AVVERA - LA REPLICA DI ''REPUBBLICA'': ''GLI INSULTI CI SONO, C'E' UN ARTICOLO DEL 'FATTO QUOTIDIANO' DEL 2018 CHE LO CERTIFICA''. QUINDI L'INCHIESTA DI DUE SETTIMANE FA NASCE DA UN ARTICOLO DEL ''FATTO'' DEL 2018??