SIAE IN SUBBUGLIO - LE MULTINAZIONALI DEL DISCO ROTTO ALL’ATTACCO: "BOICOTTATA" LA RIELEZIONE DI ASSUMMA ALLA PRESIDENZA - IN BALLO UNA QUESTIONE DI SOLDI - Le case “madri” delle multinazionali hanno ordinato alle proprie filiali di “fare cassa”...

Condividi questo articolo


Mentre Giorgio Assumma sta per terminare il suo mandato di presidente di garanzia, durato quattro anni, riemergono in Siae quei forti contrasti tra fazioni contrapposte, che la sua presenza aveva fino ad oggi sopito.

Giorgio Assumma e Melania Rizzoli - Copyright PizziGiorgio Assumma e Melania Rizzoli - Copyright Pizzi

L'Assemblea dei rappresentanti degli Associati Siae del 23 giugno, che fra gli altri temi all'ordine del giorno, doveva approvare alcune norme regolamentari necessarie alla gestione e la designazione del Presidente, si è conclusa con un nulla di fatto.

I rappresentanti delle multinazionali musicali e alcuni editori (circa 1/3 dell'intera compagine) al momento di votare le modifiche statutarie, sono usciti dalla sala, facendo così mancare il numero legale, mentre la stragrande maggioranza degli autori e un buon numero di editori italiani erano pronti a procedere alla votazione.

PALAZZO SIAEPALAZZO SIAE

Sembrerebbe che la ragione del contendere non sia tanto quella legata alla gestione della Società, infatti il Bilancio 2008 è stato approvato a maggioranza, senza voti contrari, bensì una ben più urgente e concreta questione di soldi, legata alla ripartizione supplementare di alcuni diritti pregressi.

Dalla vivace discussione avvenuta nella Sala dell'Assemblea di Viale della Letteratura 30, all'Eur, sembra di capire che le case madri delle multinazionali straniere abbiano ordinato alle proprie filiali di "fare cassa" nel più breve tempo possibile. E' noto infatti che l'industria del disco versa sempre più in grave crisi: pirateria e soprattutto scaricamenti selvaggi via Internet, a livello planetario, rendono sempre più difficile la sopravvivenza di colossi che sembravano inscalfibili.

Logo Logo "Sony"

Se anche in occasione della prossima Assemblea dovesse ripetersi quanto già visto, l'Ente pubblico Siae potrebbe entrare in una situazione di crisi ingiustificabile.
Dopo quanto accaduto nella data dell'assemblea, Assumma è sommerso di appelli affinchè si renda disponibile a prorogare la sua presidenza. E' la quasi totalità degli autori e degli editori italiani che glielo chiede, preoccupati che con una nuova reggenza l'ente possa cadere in quella ingovernabilità che già in passato aveva indotto il Governo a commissariare l'ente con Mauro Masi.

logo warner broslogo warner bros

Assumma, che ha sempre dichiarato di non voler continuare, oltre il termine del mandato ricevuto, per riprendere in pieno la sua attività professionale di avvocato, non ha dato ancora alcuna risposta agli appelli.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."