SIAMO ALLE COMICHE: NELLA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA GUIDA SICURA, LANCIATA DAL MINISTERO DEI TRASPORTI DI SALVINI, SI SONO DIMENTICATI LA CINTURA DI SICUREZZA! – NEI FILMATI PUBBLICATI IERI ONLINE DAL MINISTERO, CHE MOSTRANO COME LE SCELTE DEL CONDUCENTE POSSANO DETERMINARE INCIDENTI OPPURE PREVENIRLI, NON COMPARE (O SI VEDE A MALAPENA) L’ELEMENTO FONDAMENTALE PER SALVARE LA VITA AI CONDUCENTI (URGE UN CONSULENTE PER LA COMUNICAZIONE?)  - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto da www.wired.it

 

lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 3 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 3

La nuova campagna di comunicazione lanciata dal ministero dei Trasporti per sensibilizzare i giovani sulla sicurezza stradale ha dimenticato un macroscopico dettaglio: la cintura di sicurezza.

 

Il dicastero guidato da Matteo Salvini nella giornata di martedì 20 febbraio ha rilasciato tre spot sul tema della sicurezza alla guida, nei quali vengono riprodotti alcuni atteggiamenti attribuiti, come guardare i social mentre si guidata, attribuiti a ragazzi e ragazze in macchina con gli amici.

 

lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 4 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 4

Ognuno dei filmati ha un incipit unico che presenta la scena. Poi, quando i giovani si ritrovano in auto lo schermo si divide in due parti per mostrare le possibili scelte del conducente: una chiaramente sbagliata, nonché fatale, e l'altra corretta. Tuttavia nei video è stato tralasciato un elemento fondamentale della sicurezza al volante: la cintura di sicurezza. Questo avviene anche negli spezzoni in cui dovrebbero essere mostrate le pratiche corrette.

 

lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 6 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 6

Fai l’unica scelta possibile è il titolo della campagna sulla sicurezza stradale realizzata dal dicastero guidato dal vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini. L'obiettivo è quello di sensibilizzare soprattutto i giovani e i neopatentati.

 

L’iniziativa, prodotta dalla Bartlebyfilm con la regia di Daniele Falleri, è stata realizzata in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri e l’Associazione italiana content e digital creators, e vede la partecipazione, oltre al coinvolgimento dei ragazzi della Scuola romana di recitazione Action Academy. Testimonial sono la conduttrice Elisabetta Gregoraci, l'ex pilota di Formula 1 Giancarlo Fisichella e il creator Luca Campolunghi.

 

matteo salvini sale in macchina matteo salvini sale in macchina

In ogni video i ragazzi, che parlano con uno slang esasperato, mettono in scena alcuni comportamenti pericolosi al volante: il vizio di guardare lo smartphone al volante; le challenge sulla velocità, l'uso di droga (simboleggiata da uno spinello). A un certo punto lo spot arriva a un bivio, quello della “scelta” del titolo, e vengono mostrate in parallelo le opzioni: da un lato l'esito dei comportamenti pericolosi, come distrarsi alla guida guardando il cellulare, comporta un incidente fatale; dall'altro i comportamenti corretti, che si dovrebbero adottare quando ci si mette al volante, garantiscono sicurezza.

 

Nel primo episodio della serie, le ragazze che si distraggono nel guardare lo smartphone durante il loro tragitto sono vittime di un incidente. Nell'altra metà dello schermo, invece, la conducente non si lascia distrarre e non incorre nell'impatto. Tuttavia la ragazza che mostra all'amica lo smartphone non indossa la cintura di sicurezza. Come fanno anche le altre due amiche sedute ai sedili posteriori. Sbagliando.

 

lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 8 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 8

Quella di non utilizzare la cintura di sicurezza anche nelle storie con esito “positivo” della campagna rischia di essere un'assenza grave nella comunicazione del messaggio di attenzione che si vuole trasmettere. Qualcuno potrebbe dissentire, sostenendo che, essendo una campagna sulla sicurezza in strada, l'obiettivo sia quello di mostrare tutte le pratiche scorrette e le tragiche conseguenze derivanti da questa scelta.

 

C'è però da dire che allacciare la cintura di sicurezza è una delle primissime manovre che notano gli esaminatori di guida durante l'esame pratico per il rilascio della patente. In questa campagna del ministero dei Trasporti anche quando c'è, la cintura di sicurezza passa in secondo piano [...]

 

In uno dei tre video, infatti, la ragazza al volante indossa effettivamente la cintura, ma quasi non si vede: forse sarebbe stato meglio cercare di sottolineare come questa corretta [...] sia letteralmente un salva-vita. [...]

lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 7 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 7 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 10 lo spot del ministero dei trasporti sulla guida sicura senza le cinture di sicurezza 10

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…