SILVIO, SENTI MASTELLA – PER EVITARE TRAPPOLONI IL CEPPALONICO SUGGERISCE A BERLUSCONI DI FAR “SEGNARE” LE SCHEDE PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - DEVE DIRE A FORZA ITALIA DI SCRIVERE “SILVIO BERLUSCONI”, ALLA LEGA “BERLUSCONI SILVIO”, A FDI “BERLUSCONI”... SOLO COSÌ POTRÀ CAPIRE DOVE SARANNO MANCATI I VOTI. POI DOVRA’ PESCARE DALL’ESTERNO. L’ATTEGGIAMENTO PD È RIVELATORE. DIRE “NON CI PRESENTIAMO IN AULA” SIGNIFICA CHE…

-

Condividi questo articolo


Giuseppe Alberto Falci per corriere.it

 

SILVIO BERLUSCONI E CLEMENTE MASTELLA SILVIO BERLUSCONI E CLEMENTE MASTELLA

Clemente Mastella, conoscitore come pochi delle dinamiche del grande gioco del Quirinale, questa volta veste i panni del consigliere di Silvio Berlusconi : «Il presidente ci prova e ci crede. Ha solo, si fa per dire, due nemici: i franchi tiratori che si trovano nel perimetro del suo partito e il grande elettore Omicron». Di tutto questo Mastella ne ha parlato in un colloquio telefonico con Berlusconi.

 

 

Raccontano che uno dei fedelissimi del leader azzurro avrebbe detto all’ex premier: «Perché non chiami Clemente? Una chiacchierata può essere utile». È nata così la conversazione telefonica durata circa mezz’ora. «Non non sono così arrogante da dare consigli a uno come Berlusconi», dice il sindaco di Benevento. «Uno con la mia esperienza, può dare solo un’opinione. Silvio può tentare alla quarta votazione se ha la saldezza dei suoi e degli alleati.

 

Ed è qui che interviene il mio metodo. Berlusconi deve dire a Forza Italia di scrivere sulla scheda “Silvio Berlusconi”, alla Lega “Berlusconi Silvio”, a Fratelli d’Italia semplicemente “Berlusconi”, a Noi con l’Italia “S. Berlusconi”, a Coraggio Italia “Cavalier Berlusconi”... Solo così potrà capire dove saranno mancati i voti. Dopodiché tocca pescare all’esterno».

MASTELLA BERLUSCONI MASTELLA BERLUSCONI

 

 

Dove? «L’atteggiamento del Pd è rivelatore. Dire “non ci presentiamo in Aula” significa che ormai nessuno si fida più delle sue truppe. D’altro canto, un deputato o un senatore del Pd o del M5S che non sarà ricandidato, come potrà mai comportarsi una volta entrato nell’urna? Ha una certezza: tra un anno si ritroverà in mezzo alla strada e solo Berlusconi potrà garantirgli che la legislatura andrà avanti fino al 2023. Le mogli dei parlamentari saranno le elettrici occulte del capo dello Stato».

berlusconi meloni salvini toti berlusconi meloni salvini toti meme del presepe con matteo salvini giorgia meloni silvio berlusconi meme del presepe con matteo salvini giorgia meloni silvio berlusconi RIUNIONE DEL CENTRODESTRA A VILLA GRANDE RIUNIONE DEL CENTRODESTRA A VILLA GRANDE

 

Condividi questo articolo

politica

SERGIO D’ARABIA - LA VISITA LAMPO DI MATTARELLA AD ABU DHABI NON ERA SOLO UN OMAGGIO AL DEFUNTO LEADER DEGLI EMIRATI, KHALIFA BIN ZAYED AL NAHYAN, DECEDUTO LO SCORSO 13 MAGGIO DOPO UNA LUNGA MALATTIA. IL VIAGGIO È SERVITO ANCHE A RIBADIRE I LEGAMI D’AMICIZIA TRA ITALIA ED EMIRATI, CHE CON IL LORO GAS SARANNO FONDAMENTALI PER AIUTARCI A RENDERCI INDIPENDENTI DAL METANO RUSSO - CENTRALE IL RUOLO DI ENI, CHE HA GIÀ 3 LICENZE ESPLORATIVE, E STA LAVORANDO AL PRIMO POZZO ESPLORATIVO OFF-SHORE NEL PAESE DEL GOLFO

IL CAV E’ SEMPRE UN GRAN FIGLIO DI PUTIN - CON L’ENNESIMA CAPRIOLA, BERLUSCONI GIUSTIFICA PUTIN E CRITICA BIDEN E STOLTENBERG: “NON ABBIAMO LEADER NEL MONDO, NON LI ABBIAMO IN EUROPA. UN LEADER MONDIALE CHE DOVEVA AVVICINARE PUTIN AL TAVOLO GLI HA DATO DEL CRIMINALE DI GUERRA, GLI HA DETTO CHE DOVEVA ANDARE VIA DAL GOVERNO RUSSO E FINIRE IN GALERA. CAPITE CHE CON QUESTE PREMESSE PUTIN È BEN LONTANO DAL SEDERSI A UN TAVOLO” - UNA LINEA PIÙ VICINA A QUELLA DI SALVINI CHE DELLA STESSA FORZA ITALIA E DI MARIO DRAGHI…