SORCI VERDINI - DENIS CONTINUA A FARE LO STRATEGA ANCHE DAI DOMICILIARI, ED È ASCOLTATISSIMO: NON SOLO DA BERLUSCONI O DAL GENERO SALVINI, MA ANCHE DALL’ALTRO MATTEO, L’AMICO RENZI, CON CUI NON SI È MAI INTERROTTO IL CANALE DI COMUNICAZIONE - OGNI 15 GIORNI PASSA 48 ORE A ROMA: VEDE, INCONTRA, TELEFONA E MUOVE LE SUE PEDINE. MA COSA VUOLE OTTENERE?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Carmelo Lopapa per “la Repubblica”

 

denis verdini denis verdini

(…) «Scrivo lettere, ebbene sì, come Silvio Pellico, e allora? È consentito perfino ai detenuti... » si è sfogato ieri (Verdini, ndR) con gli ex parlamentari di Ala commentando il clamore che aveva suscitato sui giornali la corrispondenza. Ma fossero solo le lettere. Il fatto è che Denis si muove a tutto campo.

 

E chi lo pensa chiuso nella sua prigione dorata di Pian de' Giullari, a due passi da Firenze, sottovaluta il personaggio. Mai domo, il leone Verdini. Con Matteo Salvini, il genero, compagno della figlia Francesca, e con Matteo Renzi, il canale di comunicazione non si è mai interrotto.

salvini renzi verdini salvini renzi verdini

 

Tanto per cominciare, l'ex senatore ha avuto dal Tribunale di Sorveglianza il permesso per tornare a Roma per 48 ore ogni quindici giorni, dunque due volte al mese, quasi sempre mercoledì e giovedì. È in cura da un dentista, quello degli onorevoli, e non può farne a meno da mesi, a quanto pare.

 

denis e francesca verdini foto barillari denis e francesca verdini foto barillari

Il settantenne ex banchiere risiede nella nuova dimora di Via Barberini, nel cuore della città. Vede, riceve, incontra, telefona dall'ufficio di via della Scrofa, ex quartier generale berlusconiano che oggi più modestamente ospita l'ufficio della società del figlio Tommaso. Bastano un paio di stanze.

 

Telefonate tante, del resto non vietate dai giudici, come gli incontri. E i pranzi e le cene. Sempre al Pastation, il ristorante di Tommaso, a cento metri da Montecitorio. Un tempo il tavolo di Denis era a vista, alla sinistra dell'ingresso. Oggi per proteggere lui e gli eventuali ospiti, il tavolo viene allestito nella saletta riservata al piano di sotto.

 

Gli ultimi avvistati lì l'11 gennaio (e immortalati dal Fatto ) sono stati il segretario e il senatore Udc Lorenzo Cesa e Antonio De Poli. «Un caso..», minimizza il primo. Personalissime consultazioni - detestate dai ministri e dai nuovi big forzisti - al termine delle quali Verdini ha tirato le somme con Berlusconi.

RENZI VERDINI RENZI VERDINI

 

Raccontandogli in queste ore che potrà contare su 455 voti di centrodestra, che all'appello ne mancano 55, ma che almeno altri venti saranno assenti per Covid, dunque il buco sarebbe di settanta voti. «E anche se conquisti una trentina dal Misto non ce la puoi fare - è stata la conclusione spietata - solo Matteo ti può salvare». Inteso come Renzi, coi suoi 46. Un'impresa, appunto. Perfino per il Sudamerica.

DENIS VERDINI MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI DENIS VERDINI MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI nicola latorre, denis verdini luca lotti nicola latorre, denis verdini luca lotti paolo romani denis verdini paolo romani denis verdini denis verdini luca lotti denis verdini luca lotti

 

Condividi questo articolo

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

GRAZIE DEL PENSIERO, MA DECIDIAMO NOI - KIEV RISPONDE SENZA TROPPO ENTUSIASMO AL PIANO DI PACE ITALIANO SVELATO DA "LA REPUBBLICA": "BENE L'INIZIATIVA, PERÒ L'INTEGRITÀ TERRITORIALE DELL'UCRAINA VA RISPETTATA" - IL MINISTRO DEGLI ESTERI KULEBA: "L’UCRAINA APPREZZA IL SUPPORTO DELL’ITALIA. QUALSIASI TENTATIVO INTERNAZIONALE DI RIPORTARE LA PACE SUL TERRITORIO UCRAINO E IN EUROPA È BENVENUTO" - BORRELL: "APPOGGIAMO TUTTI GLI SFORZI, MA LE CONDIZIONI DEL CESSATE IL FUOCO LE DOVRÀ DECIDERE KIEV"