IL SOTTI-LETTA FINIRA’ SCHIACCIATO DALLO SCAZZO CALENDA-FRATOIANNI? – IL CHURCHILL DEI PARIOLI CHIEDE AL PD DI "PRENDERE POSIZIONE" SULL’AGENDA DRAGHI – L’ALLARME DI TABACCI: “BASTA FATWE E ATTACCHI RECIPROCI, COSI’ SALTA LA COALIZIONE” – SALVINI FA CAMPAGNA ACQUISTI NEL GOVERNO E APRE ALLA CONFERMA DI CINGOLANI MINISTRO - "SI È FATTO CARICO PIÙ DI UNA VOLTA DI USARE IL TERMINE NUCLEARE FACENDO ARRABBIARE PD E MOVIMENTO 5 STELLE”

-

Condividi questo articolo


Da corriere.it

 

Azione: «Dubbi su agenda Draghi? Il Pd parli»

letta calenda letta calenda

«La tensione di queste ore nasce dalla constatazione che di fronte ai continui attacchi personali di Bonelli e Fratoianni, alla continua messa in dubbio dell’agenda Draghi e al voto contrario all’allargamento della Nato di Fratoianni, il Pd non ha preso posizione». È quanto viene spiegato da fonti di Azione.

 

«Divorzio»tra Italexit e Alternativa

«Il quadro di possibile accordo elettorale fra Alternativa e Italexit è sciolto. Laddove c’era un consenso di fondo su una serie di importanti nomi da presentare come candidati, nella composizione in dettaglio delle liste presentata da Italexit abbiamo riscontrato la presenza - anche in ruoli di capolista - di candidati organici a formazioni di ispirazione neofascista». È quanto si legge in una nota di Alternativa.

 

mario draghi roberto cingolani mario draghi roberto cingolani

Salvini su Cingolani ministro: «Ne sarei felice»

«Cingolani futuro ministro? ne sarei felice. Si è fatto carico più di una volta di usare il termine nucleare facendo arrabbiare Pd e Movimento 5 Stelle. Non credo che lui abbia tessere di partito in tasca, non è della Lega, ma se fosse a disposizione ne sarei felice». Così il leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso dell’incontro con la stampa a Lampedusa.

 

L’allarme di Tabacci: «Così salta la coalizione»

mario draghi roberto cingolani mario draghi roberto cingolani

«Avendo una certa età mi permetto di suggerire a tutti coloro che non vogliono regalare il Paese alla destra di smetterla con critiche, fatwe e attacchi reciproci». Lo dichiara Bruno Tabacci, leader di Impegno Civico - Centro Democratico. «La mia preoccupazione - prosegue - è dettata dalla convinzione che serva senso di responsabilità da parte di tutte le forze del centrosinistra. Il primo problema da affrontare è di metodo: non si regge una coalizione in cui alcuni decidono da soli chi può farne parte e chi no e a quali condizioni

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA benedetto della vedova enrico letta carlo calenda benedetto della vedova enrico letta carlo calenda enrico letta carlo calenda enrico letta carlo calenda ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

 

ACCORDO LETTA CALENDA MEME ACCORDO LETTA CALENDA MEME

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE