SPAZIO A COLAO! – MARIO DRAGHI HA CONFERITO LA DELEGA PER IL SETTORE AEROSPAZIALE CHE FU DI TABACCI AL MINISTRO PER L’INNOVAZIONE, E NON AL MISE DI GIORGETTI. IL MOTIVO? VOLEVA DARE UN SEGNALE AI PARTITI E AL SETTORE, DOPO I DISASTRI DELL’EX “LEONE” DEMOCRISTIANO – IN APPENA CINQUE MESI TABACCI ERA RIUSCITO A STRINGERE UN ACCORDO CON IL PRESIDENTE DI ASI, GIORGIO SACCOCCIA, CHE AVEVA CREATO GROSSI MALUMORI NEL RICCO COMPARTO INDUSTRIALE AEROSPAZIALE ITALIANO. NON SOLO: MANCANO TRE GIORNI ALLE NOMINE DI TRE DIREZIONI DELL'AGENZIA SPAZIALE EUROPEA E L'ITALIA RISCHIA DI RESTARE FUORI 

-

Condividi questo articolo


Alessandro Da Rold per “La Verità”

 

VITTORIO COLAO VITTORIO COLAO

Alla fine Mario Draghi ha scelto il ministro dell'innovazione Vittorio Colao come autorità delegata nel settore aerospaziale. Il nome dell'ex amministratore delegato di Vodafone era già circolato a poche ore di distanza dalle dimissioni di Bruno Tabacci, l'ex leone democristiano travolto dalle polemiche dopo appena 5 mesi di gestione delle deleghe spaziali.

 

chiara goretti 2 chiara goretti 2

La nomina di Colao si aggiunge a quella di Chiara Goretti che sarà coordinatrice della segreteria tecnica del Pnrr.Più che la carriera del figlio di Tabacci in Leonardo - uno dei tanti errori lasciati in eredità dall'ex assessore di Milano - a Colao toccherà mettere mano a un settore che da ormai 3 anni si trova in difficoltà sopratutto dal punto di vista geopolitico, con l'Italia fanalino di coda in Europa.

 

BRUNO TABACCI BRUNO TABACCI

L'ex manager Rcs potrebbe essere stato scelto anche per tenere a bada i partiti, da sempre famelici in un settore redditizio (e che dà grande visibilità) come quello spaziale. Non è un caso che l'ex premier Conte abbia sempre cercato di tenere in disparte Colao nell'ultimo anno di governo (nonostante lo avesse interpellato) , anche perché probabilmente avrebbe fatto ombra sia al presidente del Consiglio sia ai partiti di maggioranza, in particolare i 5 stelle.

 

MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI

Di certo sarebbe stato naturale che le deleghe andassero al Mise di Giancarlo Giorgetti, ma Draghi ha scelto diversamente, forse anche per dare un segnale a tutto il settore dopo la fallimentare scelta di Tabacci. Negli ultimi 5 mesi l'ex Dc era riuscito a stringere un accordo di ferro con il presidente di Asi, Giorgio Saccoccia, quest' ultimo ancora dipendente di medio livello dell'Esa (agenzia spaziale europea): appare difficile che possa fare solo gli interessi dell'Italia anche perché poi tornerà in Europa visto che non si ravvisano segnali forti da parte di nessuno per mantenerlo nel suo ruolo a Roma.

 

GIORGIO SACCOCCIA ASI. GIORGIO SACCOCCIA ASI.

Di fatto tra Tabacci e Saccoccia era stato suggellato un accordo di questo tipo. In cambio di un'infornata di posti nelle società partecipate dall'agenzia spaziale, senza particolare attenzione a competenze, il presidente avrebbe avuto mani libere sulla gestione interna dell'Asi e sul Pnrr e quindi sui soldi del Recovery plan.

 

roberto battiston roberto battiston

Scelta quest' ultima che ha creato non pochi malumori nel comparto industriale aerospaziale italiano, anche perché l'attuale amministrazione Asi si troverebbe troppo spesso ad avvantaggiare alcune imprese del Sud penalizzandone altre a nord, tanto che alcune avrebbero minacciato di spostare la sede all'estero. Per di più gli stessi programmi spaziali a cui l'Italia partecipa sono in ritardo.

 

BRUNO TABACCI SI PRENDE LE DELEGHE ALLE POLITICHE SULLO SPAZIO BRUNO TABACCI SI PRENDE LE DELEGHE ALLE POLITICHE SULLO SPAZIO

Tra questi c'è Platino, teorico fiore all'occhiello tecnologico avanzato di Asi dove siamo in ritardo già di 2 anni, un tempo enorme quando si parla di progetti spaziali. Ma il vero dramma delle scelte di Tabacci lo si sente in Europa. Sia il presidente Esa, Joseph Aschbacher, sia il delegato allo Spazio dell'Unione europea, Thierry Breton, ci hanno messo ai margini in questi mesi.

 

VITTORIO COLAO AL QUIRINALE CON IL TROLLEY VITTORIO COLAO AL QUIRINALE CON IL TROLLEY

Tra appena 3 giorni, il 31 agosto, scade il bando di presentazione delle domande per tre importanti direttorati nell'agenzia spaziale europea, Esa. L'Italia arriva impreparata e rischia di restare fuori dopo aver perso la nomina del direttore generale, con le fallimentari candidature di Simonetta di Pippo e Roberto Battiston.

 

simonetta di pippo 2 simonetta di pippo 2

Del resto che Tabacci fosse più impegnato a inserire suoi uomini di fiducia lo dimostra come non abbia ascoltato i consigli di diversi esperti del settore aerospaziale. Nei primi mesi di nomina gli era stato chiesto di fare pressione per avere un uomo al fianco di Breton in Europa, in modo da limitare lo strapotere della Francia. Tabacci non se ne è minimamente preoccupato. Ora tocca a Colao invertire la rotta.

giorgio saccoccia giorgio saccoccia roberto battiston 2 roberto battiston 2 giorgio saccoccia giorgio saccoccia vittorio colao agli stati generali vittorio colao agli stati generali

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”