NEGLI STATI UNITI LA CAMPAGNA ELETTORALE SI FA IN TRIBUNALE - DONALD TRUMP E I SUOI FIGLI (ERIC, IVANKA E DONALD JR) SONO STATI CONDANNATI PER FRODE. I QUATTRO HANNO ALTERATO IL VALORE DELLE LORO PROPRIETÀ FORNENDO VALORI GONFIATI A BANCHE E ASSICURAZIONI - LO HA STABILITO IL GIUDICE DI NEW YORK, ARTHUR ENGORON. E ORA “THE DONALD” RISCHIA DI PERDERE LA SUA CELEBRE “TRUMP TOWER” NELLA "GRANDE MELA"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Viviana Mazza per il “Corriere della Sera

 

DONALD TRUMP DONALD TRUMP

Donald Trump e i suoi figli adulti — Eric, Ivanka e Donald Junior — sono responsabili di frode, avendo fornito per circa un decennio false informazioni finanziarie gonfiando il valore dei loro asset nei confronti di banche e assicurazioni. 

 

Lo ha stabilito il giudice di New York Arthur Engoron, dando ragione alla procuratrice generale dello Stato Letitia James, pochi giorni prima dell’inizio del processo civile in materia. La causa per frode è stata intentata un anno fa dalla procuratrice democratica James, che ha accusato Trump di aver gonfiato i beni della sua azienda tra gli 812 milioni e i 2,2 miliardi di dollari nell’arco di un decennio, per ottenere migliori condizioni dei prestiti e altri vantaggi economici.

 

sostenitore donald trump sostenitore donald trump

Una frode che James ritiene abbia aiutato l’immobiliarista a ottenere prestiti per la costruzione di un golf resort in Miami, hotel a Washington e hotel a Chicago. Il giudice Engoron ha ordinato anche che alcune delle licenze commerciali di Trump siano revocate come punizione — rendendo così difficili o impossibili alcuni affari per lui e i figli a New York e colpendo anche l’immagine di imprenditore scaltro e di successo che si era costruito prima di scalare la Casa Bianca. 

 

ERIC TRUMP ERIC TRUMP

La decisione non dissolverà la compagnia del tycoon ma terminerà il suo controllo su una proprietà commerciale a Wall Street e di una tenuta a Westchester County; potrebbe anche perdere il controllo di altri beni a New York, inclusa la Trump Tower, anche se probabilmente su questo ci sarà battaglia nei prossimi mesi. […]

 

Ma il tycoon, che accusa James di «persecuzione politica», potrebbe rallentare l’inizio del processo: ha fatto appello accusando il giudice e la procuratrice di avere ignorato una precedente sentenza di tre mesi fa emessa da una corte d’appello, secondo la quale il caso è in parte caduto in prescrizione. […]

polizia fuori da casa trump a mar a lago polizia fuori da casa trump a mar a lago mar a lago mar a lago supporter di trump alla trump tower di new york supporter di trump alla trump tower di new york mar a lago trump12 mar a lago trump12

donald trump junior donald trump junior donald trump junior con il padre donald trump junior con il padre ivanka trump e jared kushner 2 ivanka trump e jared kushner 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…