NEGLI STATI UNITI DRAGHI E’ ANCORA SUPER MARIO – SEGNATEVI LE PAROLE DI KISSINGER ALLA PREMIAZIONE DI MARIOPIO COME MIGLIOR STATISTA DELL’ANNO: "OGNI VOLTA CHE DRAGHI SI È RITIRATO, NON È MAI STATO UN RITIRO DEFINITIVO" (E IL PREMIER SORRIDE) - L’EX SEGRETARIO DI STATO AMERICANO HA RACCONTATO ANCHE IL PRIMO INCONTRO 30 ANNI FA: “DIVISI CON LUI I MIEI PANINI SULL’AEREO DI UN AMICO COMUNE” (L’AEREO DELL’AVVOCATO AGNELLI?) - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Da open.online

 

KISSINGER DRAGHI KISSINGER DRAGHI

«Ho sempre avuto fiducia in Mario Draghi e nella sua straordinaria capacità di analisi intellettuale». Così l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, oggi 99enne, ha voluto complimentarsi con il premier italiano uscente. La scorsa notte, Draghi ha ricevuto a New York il premio di “Statista dell’anno”. Tra i complimenti più calorosi ricevuti dal premier ci sono senz’altro le parole di Kissinger, secondo cui Draghi «ha sempre dimostrato capacità, coraggio e visione, analizzando le questioni che gli si ponevano con il giusto approccio».

 

L’ex segretario di Stato ha poi ricordato il loro primo incontro in aereo: «Era un volo in cui non si serviva cibo – ha spiegato Kissinger -. Io mi ero portato dei panini e ho finito per condividerli proprio con Mario Draghi».

 

L’ex segretario di Stato americano ha aggiunto che «il suo coraggio e la sua visione faranno sì che resterà con noi a lungo», mentre Draghi, seduto accanto a lui, gli faceva segno con la mano di fermarsi. Prima di accettare il World Statesman Award, il premier italiano ha voluto ringraziare Kissinger per le parole d’affetto. «Sono davvero commosso per tutto quello che è stato detto questa sera – ha detto Draghi dal palco – In particolare, le parole del dottor Kissinger. Mi commuove il fatto che abbia voluto essere qui. La sua presenza è un immenso regalo per me».

 

 

DRAGHI LODATO DA KISSINGER

Gabriele Carrer per formiche.net

 

KISSINGER DRAGHI KISSINGER DRAGHI

“La nostra amicizia è cominciata trent’anni fa”, quando “viaggiavamo assieme sull’aereo di un amico comune che non teneva cibo sull’aereo e io, conoscendolo, portavo dei panini da condividere con il signor [Mario] Draghi”. Che poi poi precisa: esattamente 30 anni fa, cioè il 1992, anno che ha fatto la storia d’Italia.

 

Un aneddoto che a molti dei presenti ha fatto pensare all’avvocato Gianni Agnelli e agli anni Novanta, quando Draghi era direttore generale del Tesoro. Così il quasi centenario Henry Kissinger, presentatosi a sorpresa all’evento, ha iniziato la sua laudatio in occasione della consegna al presidente del Consiglio italiano del “World Statesman Award 2022” della Appeal of Conscience Foundation.

 

agnelli kissinger agnelli kissinger

Il premio gli è stato assegnato dall’organizzazione guidata dal potente rabbino Arthur Schneier “per la sua multiforme leadership nella finanza e nel servizio ai cittadini di cui hanno beneficiato l’Italia e l’Unione Europea e ha aiutato la cooperazione internazionale”. “Draghi è stato una voce potente nella promozione della tolleranza e della giustizia, lo ringrazio per la sua leadership”, ha detto Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, in un messaggio inviato all’evento, sottolineando che il presidente italiano – un “amico” – “ha ricevuto il premio “per il suo lavoro per fare avanzare i diritti umani nel mondo”.

 

 

Durante la serata la fondazione ha premiato anche Jean-Paul Agon, presidente di l’Oreal Group, e Robert Kraft, fondatore di Kraft Group. Il rabbino Schneier, ricordando come la missione della fondazione abbia le radici nella sua esperienza di sopravvissuto all’Olocausto, ha definito Draghi “un leader esemplare”, con “grandi capacità di visione, che unisce e possiede le competenze finanziarie e politiche necessarie per affrontare le complesse questioni economiche, umanitarie e geopolitiche che il mondo ha davanti”.

DRAGHI RICEVE IL PREMIO COME STATISTA DELL ANNO DRAGHI RICEVE IL PREMIO COME STATISTA DELL ANNO

 

Dall’ex segretario di Stato americano Kissinger (la sua “capacità analitica, il coraggio e la visione” ci”dicono che continuerà a essere con noi ancora per molto tempo”) all’amministratore delegato di Blackstone Stephen Schwarzman (“Ha ispirato una rinnovata fiducia globale nell’Italia”) è stato un coro unanime di amicizia, stima e sostegno a Draghi, in viaggio a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Tutti con l’auspicio – dichiarato o meno – che il presidente del Consiglio continui ad avere un ruolo per l’Italia e per l’Europa.

 

DRAGHI RICEVE IL PREMIO COME STATISTA DELL ANNO DRAGHI RICEVE IL PREMIO COME STATISTA DELL ANNO

Presenti in sala Mariangela Zappia, ambasciatrice d’Italia negli Stati Uniti, e il cardinal Pietro Parolin, segretario di Stato della Santa Sede. Ma anche Maurice Lévy, fondatore di Publicis Group, Brian Thomas Moynihan, amministratore delegato di Bank of America, l’ambasciatore John Negroponte, ex direttore dell’Intelligence nazionale e vicesegretario di Stato americano, John Elkann, amministratore delegato di Exor e nipote prediletto di Gianni Agnelli, oltre a molte personalità del mondo economico e finanziario di New York.

KISSINGER MAO 1 KISSINGER MAO 1

 

henry kissinger henry kissinger mario draghi meme mario draghi meme

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO