STATI UNITI-ISRAELE, A UN PASSO DAL “VAFFA” - DOPO LE RIVELAZIONI DEL “WASHINGTON POST” (“BIDEN SI AVVICINA ALLA ROTTURA CON NETANYAHU SU GAZA”), ARRIVA LA TELEFONATA DI DISTENSIONE TRA BIDEN E IL PREMIER ISRAELIANO, LA PRIMA DALLO SCORSO 19 GENNAIO - LA CASA BIANCA HA RIBADITO CHE LA SCONFITTA DI HAMAS È UN “OBIETTIVO CONDIVISO”, MA ANCHE CHE UN’OPERAZIONE MILITARE A RAFAH “NON DOVREBBE PROCEDERE SENZA UN PIANO CREDIBILE E PRATICABILE PER GARANTIRE LA SICUREZZA E IL SOSTEGNO A OLTRE UN MILIONE DI PERSONE CHE VI TROVANO RIFUGIO” - TRADOTTO: NO A UN MASSACRO…

-

Condividi questo articolo


Da www.corriere.it

 

netanyahu biden netanyahu biden

HAARETZ: «BIDEN E NETANYAHU SI SONO PARLATI AL TELEFONO»

Il presidente Usa Biden ha parlato al telefono con il premier Benyamin Netanyahu. Lo ha riferito Haaretz. È la prima telefonata tra i due dallo scorso 19 gennaio.

 

Biden ha ribadito che la sconfitta di Hamas è un «obiettivo condiviso», ma anche che un’operazione militare a Rafah «non dovrebbe procedere senza un piano credibile e praticabile per garantire la sicurezza e il sostegno a oltre un milione di persone che vi trovano rifugio». Lo riferisce una nota della Casa Bianca.

 

JOE BIDEN SI FA IL SEGNO DELLA CROCE DAVANTI A NETANYAHU JOE BIDEN SI FA IL SEGNO DELLA CROCE DAVANTI A NETANYAHU

I due leader, si legge nel resoconto, hanno discusso degli sforzi in corso per il rilascio degli ostaggi e a questo proposito il presidente statunitense ha evidenziato la necessita’ di sfruttare i progressi compiuti nei negoziati per garantire il rilascio di tutte le persone tenute in ostaggio. Biden, inoltre, ha chiesto misure urgenti e specifiche per «aumentare la portata e la consistenza dell’assistenza umanitaria ai civili palestinesi innocenti».ÂáI due leader hanno concordato di rimanere in stretto contatto

JOE BIDEN - BENJAMIN NETANYAHU JOE BIDEN - BENJAMIN NETANYAHU

 

NETANYAHU: «NO ALTERNATIVE A CONTROLLO ISRAELE SU GAZA»

«Non ci sono alternative al controllo di Israele su Gaza». Lo ha detto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ai membri del gabinetto durante una riunione del governo, secondo quanto riporta Haaretz. Per Netanyahu, la smilitarizzazione della Striscia di Gaza «richiede il controllo di sicurezza di Israele sull’intera area a ovest della Giordania, compresa la Striscia di Gaza».

 

joe biden bibi netanyahu in israele joe biden bibi netanyahu in israele

«Non c’è alternativa nel prossimo futuro», ha aggiunto Netanyahu, sottolineando che «Israele avrà sempre il controllo della sicurezza» sull’area. Secondo il primo ministro, questa affermazione è stata presentata al presidente degli Stati Uniti Joe Biden e ad altri leader mondiali. «La vittoria è a portata di mano», ha detto, «e dobbiamo affrontare queste crescenti pressioni», ha ribadito.

 

WASHINGTON POST: «BIDEN SI AVVICINA ALLA ROTTURA CON NETANYAHU SU GAZA»

Joe Biden e i suoi consiglieri «sono più vicini» che mai da quando è iniziata la guerra a Gaza «a una rottura con il premier israeliano Benjamin Netanyahu, non considerato più un partner produttivo che può essere influenzato anche in privato».

joe biden bibi netanyahu in israele joe biden bibi netanyahu in israele

 

Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali la «frustrazione nei confronti di Netanyahu ha spinto alcuni dei consiglieri di Biden a fare pressione sul presidente affinché sia più critico in pubblico riguardo al premier israeliano per la sua operazione militare a Gaza». Biden ha finora resistito a portare in pubblico la sua frustrazione verso Netanyahu.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...