LA STELLA DEGLI ITALO-AMERICANI SI è SPENTA A 91 ANNI - Stella ha dedicato 21 anni alla NIAF come consigliere d’amministrazione, presidente e amministratore fino al 1999. E NEGLI ULTIMI TEMPI ERA TORNATO IN BALLO PER L’AFFAIRE TULLIANI: GAUCCI AVEVA CONSEGNATO UN MILIARDO DI LIRE AI TULLIANI PER PORTARLO A STELLA. UN PACCO DI SOLDI CHE NON ARRIVARONO MAI A DESTINAZIONE...

Condividi questo articolo


1- FRANK STELLA è MORTO A DETROIT A 91 ANNI...
Dagli account Twitter e Facebook della Niaf (National Italian American Foundation): \"la Niaf piange la morte del suo ex presidente Frank D. Stella. Stella ha dedicato 21 anni alla NIAF come consigliere d\'amministrazione, presidente e amministratore fino al 1999.\"
http://www.facebook.com/pages/The-National-Italian-American-Foundation-NIAF/110762143855

http://twitter.com/niafDC

FrankFrank Stella e Gina Lollobrigida

2- «I TULLIANI DOVEVANO PORTARMI 500MILA DOLLARI MA I SOLDI DI GAUCCI NON SONO MAI ARRIVATI»...

tullianitulliani gaucci

Mary Giuffré per \"Libero\" - Il capo degli italoamericani, Frank Stella, conferma i suoi rapporti con i Tulliani brothers. Dopo il suo coinvolgimento nella vicenda, da parte di Luciano Gaucci, contattiamo il leader americano per farci raccontare la sua versione dei fatti. Stella è stato informato da un amico italiano, in merito agli ultimi avvenimenti, apparsi sui media. Andiamo a trovarlo a Detroit in Michigan, ma purtroppo, Frank Stella, al momento, non è in buona salute ed è ricoverato in ospedale, malgrado questo, anche se con fatica, decide di parlare della vicenda.

Conosceva bene Elisabetta e Giancarlo Tulliani e sapeva che non perdevano tempo per raggiungere i loro obiettivi. Frank Stella, 91 anni, un uomo tutto d\'un pezzo, d\'origine abruzzese, un quasi mancato diplomatico. Congedatosi nella seconda guerra mondiale, con onore, come maggiore dell\'Army Air Force. Vive in uno dei pochi quartieri per bianchi rimasto a Detroit, tutte le mattine va in chiesa e trascorre i fine settimana con la sua numerosa famiglia. È il ritratto dell\'italoamericano di successo, quello che ha conquistato con fatica il rispetto degli americani.

gaucci,gaucci, tulliani FrankFrank Stella con George W Bush e Dick Cheney

Ha supportato vari presidenti degli Stati Uniti, da Nixon, a Reagan, a Bush. Il vecchio Frank, così come lo chiamano gli amici, pesa bene ogni singola parola, dal suo viso non trapela nessuna emozione, nessun fastidio legato alla vicenda Gaucci-Tulliani, ma solo voglia di chiarire i fatti. È stato presidente e chairman di molte associazioni, per oltre 20 anni nel consiglio direttivo della NIAF che rappresenta gli italoamericani, membro del board dell\'Università e dell\'international opera theatre di Detroit.

FrankFrank Stella

Premiato dal governo italiano con l\'onorificenza di \"Grande ufficiale\". I Tulliani gli furono presentati proprio da Gaucci, li incontrava spesso nei suoi brevi soggiorni in Italia e spesso era lo stesso Gaucci a chiedergli dei favori per aiutare il giovane Giancarlo. Mr. Frank Stella, quando incontrò per la prima volta e chi le presentò i fratelli Tulliani? «Tanti anni fa e me li ha presentati Gaucci a Roma». Quali erano i suoi rapporti professionali con Giancarlo Tulliani? È vero che avevate una società immobiliare?

«Mah! Io ho tante società, molti amici e tanti conoscenti. A volte utilizzano il mio nome, anche solo quando mi stringono la mano o mi hanno conosciuto per una volta, per questo, pensano di poter usare la mia immagine, ovviamente, data la mia età e i miei acciacchi, non posso seguire tutto personalmente».

Quale fu la sua prima impressione sui Tulliani? «Avevano tanta voglia di fare...(fa una lunga pausa) Io non mi preoccupavo molto di loro due, mi furono presentati da Luciano e mi sono fidato di lui. Lei era la sua fidanzata, Luciano mi disse di essere molto innamorato. Giancarlo era il fratello, quindi, non avevo motivo di mettere in dubbio la loro buona fede. Luciano voleva aiutare questo ragazzo ed io, essendo suo suo amico, mi misi a disposizione, volevo aiutare la famiglia Gaucci, a me fa sempre piacere aiutare gli italiani».

giancarlogiancarlo e elisabetta tulliani

Chi sono i suoi amici italiani? «Ne ho tanti. Un caro amico è stato Luciano Pavarotti, ma anche Giuliano Gemma, Valentino, Maurizio Costanzo e tanti altri tra politici, artisti e imprenditori». Ma in Italia ha altri partner societari? «Sì, tanta gente seria, ma non ho voglia, ora, di fare l\'elenco delle mie partnership, ne parliamo, forse, un\'altra volta, magari in un\'altra occasione». Da quanto tempo non sente i fratelli Tulliani? «Davvero da tanto tempo».

xnixni 44 galati spogli vertici niaf

Successivamente, è venuto a conoscenza del rapporto tra il presidente della Camera, Fini e la Tulliani? «No, non ne sapevo nulla, non mi interessa». È vero che i Tulliani dovevano darle dei soldi per conto di Gaucci? «Dovevo ricevere un\'offerta da Gaucci, da devolvere a favore di fondazioni benefiche, ma stranamente, \"I don\'t know why\"(non so perché ndr) non ho mai ricevuto nulla». A quanto ammonta la somma? «Erano tanti soldi...».

FrankFrank Stella con i Reagan e Bush padre

Approssimativamente, può dirci quanti soldi le doveva dare? «Non ricordo». Ma si trattava, forse, di cinquecentomila dollari? «Circa, ma era comunque un\'offerta libera fatta per beneficenza, dettata dalla sua generosità, perché Luciano è bravo ed è molto generoso». Che tipo di favore aveva fatto a Gaucci? «Gli ho giusto presentato qualche amico. Ho semplicemente fatto delle connections».

FrankFrank Stella con George W Bush e Dick Cheney

Quando veniva in Italia, incontrava spesso Gaucci e i Tulliani? «Sì, durante i miei soggiorni a Roma, mi è capitato. Ultimamente, però, non viaggio spesso come un tempo, quindi, raramente vengo a Roma». Che ne pensa di questa situazione in cui sono coinvolti Gaucci e i Tulliani? «Sono molto dispiaciuto per Luciano, ci conosciamo da tanti anni, lui è una brava persona e mi dispiace davvero per lui. God bless you!».

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”