LA STRATEGIA EUROPEA PER ISOLARE IL BUBBONE ITALIA È INIZIATA OGGI - PER DECIDERE LE NUOVE CARICHE DELL’UE, POPOLARI, SOCIALDEMOCRATICI E LIBERALI; ESCLUSI L’ITALIA E LA POLONIA, REI DI SOVRANISMO, E LA GRAN BRETAGNA, ORMAI FUORI – SE MACRON PORTA LA VESTAGER, LA MERKER VUOLE QUEL TIPINO FINO DI WEIDMAN PRESIDENTE DELLA BCE. NON SOLO…

-

Condividi questo articolo


MARGRETHE VESTAGER MARGRETHE VESTAGER

DAGONEWS

La strategia europea per isolare il bubbone Italia è iniziata con una serie di incontri che devono decidere le nuove cariche dell’UE. Oggi, al primo incontro, intorno al tavolo troviamo socialdemocratici, popolari e liberali; esclusi l’Italia e la Polonia, rei di sovranismo, e la Gran Bretagna, ormai fuori.

 

MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN MARIO DRAGHI JENS WEIDMANN

Lor signori hanno discussi il nome del presidente della commissione: favorita è Margrete Vestager, politica danese della Sinistra Radicale (5%), portata da Macron e liberali. In cambio la Merkel, a nome dei popolari, vuole quel tipino fino di Weidman presidente della Bce al posto di Draghi. Non solo: Angelona potrebbe ottenere anche la presidenza del Consiglio europeo al bavarese Manfred Weber.

MERKEL MACRON SANCHEZ JUNCKER MERKEL MACRON SANCHEZ JUNCKER

 

Resta da coprire la presidenza del Parlamento Europeo con un socialdemocratico: si fa avanti la candidatura di uno spagnolo (Madrid ha ormai sostituito Roma sovranista a Bruxelles).

 

merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 5 merkel e macron firmano il trattato di aquisgrana 5 manfred weber manfred weber

 

 

Condividi questo articolo

politica

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”