IL SUCCO DELLA FINANZIARIA? UNA DICHIARAZIONE DI GUERRA AI LAVORATORI DIPENDENTI - ALDO CAZZULLO: “DIVENTA ESPLICITA E RIVENDICATA LA DISTINZIONE TRA LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI. I PRIMI AVRANNO UNA FLAT TAX DEL 15% FINO A 85 MILA EURO (COMPRENSIVA DI IRPEF, IRAP, IVA). UN LAVORATORE DIPENDENTE DA 50 MILA EURO L'ANNO CONTINUA A PAGARE IL 43% DI IRPEF, CUI SI AGGIUNGONO ADDIZIONALI E CONTRIBUTI: UN LAVORATORE DA 2.500 EURO NETTI AL MESE È CONSIDERATO RICCO (ESSENDO I VERI RICCHI INDISTURBATI A MONTECARLO E IN SVIZZERA). A VOI DECIDERE SE PREVALE LO SCANDALO O IL RIDICOLO”

-

Condividi questo articolo


aldo cazzullo foto di bacco (2) aldo cazzullo foto di bacco (2)

Dal “Corriere della Sera”

 

Caro Aldo, mi chiedo i criteri di questa manovra. Flat tax: perché io devo pagare circa il 40% e chi ha un reddito doppio meno della metà? Aumento pensioni minime: bene, peccato che queste derivino dai pochi o nulli contributi versati. Reddito di cittadinanza: concordo, ma non si ruba ai (reali) poveri per quota 41. Dulcis in fundo: non si adeguano all'inflazione pensioni discrete, ma normali e guadagnate con 43 anni di lavoro e relativi contributi.

Lei che ne pensa?

Francesco De Pace, Pavia

 

Risponde Aldo Cazzullo

Caro Francesco, i l governo ha potuto fare poco perché non aveva molti soldi da spendere, e i due terzi sono andati alla riduzione dei prezzi dell'energia.  Ma un segnale ideologico l'ha dato, ed è apertamente punitivo nei confronti degli elettori che hanno votato per l'opposizione. Legittimo; ma innegabile.

GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI

 

Il più evidente è l'abolizione del Reddito di cittadinanza, misura bandiera dei Cinque Stelle. Però - come fa notare lei, signor De Pace - è altrettanto importante la distinzione, che già esisteva ma ora diventa esplicita e rivendicata, tra lavoratori autonomi e lavoratori dipendenti. I primi avranno una flat tax del 15% fino a 85 mila euro (comprensiva di Irpef, Irap, Iva).

 

Un lavoratore dipendente da 50 mila euro l'anno continua a pagare il 43% di Irpef, cui si aggiungono addizionali e contributi: un lavoratore da 2.500 euro netti al mese è considerato il più ricco d'Italia (essendo i veri ricchi spesso indisturbati a Montecarlo e in Svizzera). A voi decidere se prevale lo scandalo o il ridicolo.

 

GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI

Se poi apre una partita Iva per arrotondare - con 2.500 euro al mese si fatica a mantenere una famiglia numerosa in una grande città -, la flat tax per lui non vale. In campagna elettorale Fratelli d'Italia aveva promesso anche ai lavoratori indipendenti la flat tax «incrementale», cioè sugli aumenti di stipendio.

 

In effetti è stata introdotta; ma non per i lavoratori dipendenti, solo per gli autonomi che non scelgono il regime forfettario. E qui siamo al limite dell'incostituzionalità, alla violazione del principio dell'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. E il ceto medio dipendente non può neppure sperare in futuro nel Pd, l'unico partito dai tempi dei Tories e dei Whigs a punire i suoi elettori (come fece il secondo governo Prodi quando aumentò le aliquote Irpef).

giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

 

Condividi questo articolo

politica

DUE RENZI, DUE MISURE – I TABULATI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA DI “REPORT”, ACQUISITI DALLA PROCURA DI ROMA, FINIRANNO NELLE MANI DEL SENATORE SEMPLICE DI RIGNANO, IN QUANTO PERSONA OFFESA. È LO STESSO CHE FRIGNA PERCHÉ I SUOI MESSAGGI SONO FINITI NEL FASCICOLO DI INDAGINE, A FIRENZE, SULLA FONDAZIONE OPEN? - L’OBIETTIVO DELLA PROCURA ROMANA ERA DARE UN NOME ALLA DONNA CHE AVEVA INVIATO AI CRONISTI IL VIDEO DELL’INCONTRO DI RENZI CON LO SPIONE MANCINI, DOPO LA DENUNCIA DELL'EX PREMIER. PECCATO CHE, INSIEME A QUELLO, I PM (E RENZI) ABBIANO RASTRELLATO TUTTI I CONTATTI DEI DUE GIORNALISTI. E BYE BYE ALLA LIBERTÀ DI STAMPA E ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI…

COME SO STE INTERCETTAZIONI? SO’ GRECHE! – IN GRECIA SI ALLARGA LO SCANDALO SULLA RETE DI SPIONAGGIO DI STATO : IL SETTIMANALE “DOCUMENTO” HA ELENCATO ALTRI NOMI DELLA LUNGA LISTA DI PERSONE SPIATE CON IL SOFTWARE PREDATOR. TRA QUESTI CI SAREBBE ANCHE L’EX CAPO DELLA POLIZIA KARAMALAKIS E LA PROCURATRICE CHE SUPERVISIONA I SERVIZI, VASILIKI VLACHOU – L’OPPOSIZIONE DI SYRIZA AZZANNA IL PREMIER, MITSOTAKIS: “DEVIAZIONE COSTITUZIONALE SENZA PRECEDENTI.SE NON DARÀ RISPOSTE CONVINCENTI SI DIMETTA"