TA-ROCCO, OGNI TANTO SCANSATI - GLI ITALIANI SI SONO DOVUTI SCIROPPARE UNA CONFERENZA STAMPA DI CONTE SUL DPCM CHE NON HA ANNUNCIATO NULLA MA HA MOSTRATO CASALINO - AL TERMINE DEL DISCORSO DI CONTE, L'INQUADRATURA SI È APERTA (CON UNA SCELTA PRECISA E IRRITUALE) CON L’OBIETTIVO DI INQUADRARE L’AITANTE TA-ROCCO - PARENZO: “UNA DIRETTA TV A RETI UNIFICATE PER QUESTA ROBA? UN DELIRIO”

-

Condividi questo articolo

ROCCO CASALINO E GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO E GIUSEPPE CONTE

 

CASALINO: “È UNA PRASSI CONSOLIDATA PER TUTTI I LEADER DEI PAESI EUROPEI O DELLE ISTITUZIONI INTERNAZIONALI FARSI ACCOMPAGNARE DAL PROPRIO PORTAVOCE IN OCCASIONE DI DICHIARAZIONI ALLA STAMPA”

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/casalino-scrive-dagospia-ldquo-nbsp-prassi-consolidata-250282.htm

 

1- ROCCO CASALINO, IL "BALLETTO" PER FARSI INQUADRARE MENTRE GIUSEPPE CONTE PARLAVA: CHE IMBARAZZO (PER L'ITALIA)

 

 

Da www.liberoquotidiano.it

 

Qualcosa che non avremmo voluto vedere. Qualcosa di imbarazzante. Riavvolgere il nastro fino a ieri sera, domenica 19 ottobre, quando in tarda serata Giuseppe Conte si è palesato per presentare il suo ultimo dpcm. Con lui, come sempre, Rocco Casalino, al quale era stato deputato il compito di chiamare i giornalisti per gli interventi dopo il punto stampa. E fin qui, tutto bene.

INQUADRATURA FUORI ASSE PER RIPRENDERE CASALINO INQUADRATURA FUORI ASSE PER RIPRENDERE CASALINO

 

Il punto, però, è che in molti hanno notato come l'inquadratura si sia aperta al termine del discorso del premier. Una scelta precisa, specifica, irrituale: obiettivo, inquadrare il portavoce del presidente del Consiglio, che si trovava a lato rispetto a Conte. Insomma, per inserire Casalino nell'inquadratura, la regia ha decentrato le immagini, le ha sbilanciate, contravvenendo ai principi estetici della televisione. Una circostanza fortuita? Chissà. Di certo non lo era per i social, che si sono scatenati contro "il posizionamento cinematografico" dell'onnipresente Casalino.

 

ROCCO CASALINO CONFERENZA STAMPA DI CONTE ROCCO CASALINO CONFERENZA STAMPA DI CONTE

2 - DPCM, DAVID PARENZO CONTRO GIUSEPPE CONTE: "DIRETTA TV A RETI UNIFICATE PER QUESTA ROBA? UN DELIRIO"

Da www.liberoquotidiano.it

 

Se anche David Parenzo si scaglia contro Giuseppe Conte, per il premier si mette male. Si parla dell'ultimo dpcm, il pacchetto di provvedimenti contro il coronavirus annunciato con il solito show a tarda sera e a reti unificate. Una serie di regole che a detta di molti sono troppo soft. Gli enti locali sono già in rivolta e accusano premier e governo di fare lo "scaricabarile", di non decidere e delegare a loro tutte le decisioni scomode.

giuseppe conte marco impagliazzo rocco casalino giuseppe conte marco impagliazzo rocco casalino

 

E su questi temi, Parenzo, insiste su Twitter: "Una diretta tv a reti unificate per illustrare un dpcm che dà ai sindaci la possibilità di vietare gli assembramenti e per spiegare che le palestre hanno una settimana per mettersi a norma? Mi pare davvero un po' pochino! Delirio", conclude tranchant aggiungendo l'hashtag #fatepresto. Insomma, se anche Parenzo si "ribella" a Conte, come detto, per il premier si mette malissimo.

 

david parenzo foto di bacco david parenzo foto di bacco

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209