TARTARE DI SALMAN – IL RAPPORTO USA ACCUSA IL PRINCIPE SAUDITA MOHAMMED BIN SALMAN DELL’OMICIDIO KHASHOGGI: “APPROVÒ IL BLITZ PER UCCIDERLO O CATTURARLO". TRA LE INFORMAZIONI SI LEGGE: "GLI AGENTI NON AVREBBERO ESEGUITO INTERVENTI SUL GIORNALISTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE SUPERIORE" - NEL DOCUMENTO SI AFFERMA ANCHE CHE BIN SALMAN VEDEVA IL GIORNALISTA DISSIDENTE COME UNA MINACCIA AL REGNO E SOSTENNE AMPIAMENTE L'USO DELLA VIOLENZA SE NECESSARIO PER METTERLO A TACERE...

-

Condividi questo articolo


Da repubblica.it

MOHAMMED BIN SALMAN KHASHOGGI MOHAMMED BIN SALMAN KHASHOGGI

Gli Stati Uniti hanno diffuso un rapporto sull'omicidio del giornalista e blogger Jamal Khashoggi - assassinato nel consolato saudita a Istanbul nel 2018 - in cui si legge che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman "ha approvato un piano per ucciderlo o catturarlo". Tra le informazioni si legge anche che "gli agenti non avrebbero eseguito interventi sul giornalista senza l'autorizzazione superiore".

 

MOHAMMED BIN SALMAN E JAMAL KHASOGGI MOHAMMED BIN SALMAN E JAMAL KHASOGGI

"Basiamo questa valutazione - si legge nel rapporto - sul controllo del principe saudita sul processo decisionale nel regno, sul diretto coinvolgimento di un consigliere chiave e di membri della cerchia di Mohammed  bin Salman nell'operazione, sul sostegno del principe ereditario all'uso di misure violente per silenziare il dissenso all'estero, incluso Khashoggi".

 

Nel documento dell'intelligence si afferma anche che Mbs vedeva il giornalista dissidente come una minaccia al regno e sostenne ampiamente l'uso della violenza se necessario per metterlo a tacere.  Il rapporto elenca 21 persone che gli 007 americani ritengono con "alta fiducia" complici o responsabili per la morte del giornalista.

joe biden joe biden

 

Il rapporto è stato pubblicato poche ore dopo la telefonata del presidente americano Joe Biden al re Salman dell'Arabia Saudita, padre di Mohammed bin Salman.

mohammed bin salman mohammed bin salman

 

Condividi questo articolo

politica

LUIGINO IN THE USA - DI MAIO SARÀ LUNEDÌ A WASHINGTON PER CELEBRARE I 160 ANNI DI RELAZIONI DIPLOMATICHE TRA ITALIA E STATI UNITI: INCONTRERÀ IL SEGRETARIO DI STATO BLINKEN - L’AMBASCIATORE VARRICCHIO HA APPARECCHIATO UNA SERIE DI INCONTRI CON I PRINCIPALI THINK TANK STATUNITENSI, AZIENDE E ASSOCIAZIONI DI AMICIZIA TRA I DUE PAESI COME LA “NATIONAL ITALIAN AMERICAN FOUNDATION” - SI PARLERA’ DI CINA, RUSSIA, LIBIA - DI MAIO NON SARA’ SOLO: CI SARANNO ANCHE GIULIANO AMATO E GIAMPIERO MASSOLO…

SE NON LO SAI, SACE! - IL TESORO RIDISEGNA I VERTICI SACE: FILIPPO GIANSANTE SARÀ PRESIDENTE, ALESSANDRA RICCI AD - A GIORNI IL DECRETO CHE FA TORNARE IL GRUPPO AL MINISTERO DEL TESORO DOPO ANNI SOTTO IL CONTROLLO DI CASSA DEPOSITI E PRESTITI - SACE STA AUMENTANDO MOLTO I SUOI COMPITI, GARANTENDO PRESTITI BANCARI ALLE GRANDI IMPRESE (22,6 MILIARDI) E IN CASO DI PERDITA SARÀ PROPRIO IL TESORO A RISPONDERNE - E L'ESPOSIZIONE AI RISCHI POTREBBE AUMENTARE DI PIÙ, SE SI AVVERASSE L'IPOTESI, PER ORA SOLO "DI LAVORO", DI DARE COPERTURA AL RISCHIO CONTENZIOSI LEGALI DI MPS, CHE AMMONTA A QUASI 10 MILIARDI…