O LE TASSE O IL BUNGA-BUNGA! - ALTRO CHE PRODI E VISCO: IL RECORD DI PRESSIONE FISCALE ESPLODE CON IL CAVALIER POMPETTA E TREMENDINO TREMONS (PEGGIO DEL 1997, ANNO DELL’EUROTASSA!) - E PREPARIAMOCI AL BORDELLO DEL FEDERALISMO LEGHISTA: INVECE DI RESPONSABILIZZARE I COMUNI, GLI PERMETTE DI INVENTARSI NUOVE ADDIZIONALI E DI SPREMERE I NON RESIDENTI - E POI L’ICI, TOLTA SULLA PRIMA CASA, MA AUMENTATA PER TUTTI GLI ALTRI. AI PICCOLI IMPRENDITORI COSTERÀ 500 MLN €…

Condividi questo articolo


Roberto Petrini per \"la Repubblica\"

BERLUSCONIBERLUSCONI TREMONTI

Lo slogan della primavera del 2008, quando Berlusconi vinse di nuovo le elezioni, era lo stesso del 2001: «meno tasse per tutti». Il comma 2 del programma presentato allora agli elettori e consultabile su Internet è assai chiaro: totale eliminazione dell´Ici sulla prima casa, introduzione del «quoziente familiare», abolizione delle tasse su successioni e donazioni e - immancabilmente - «graduale e progressiva riduzione della pressione fiscale sotto il 40% del prodotto interno lordo».

SILVIOSILVIO BERLUSCONI ROBERTO CALDEROLI GIULIO TREMONTI UMBERTO BOSSI

Delle quattro promesse solo l´Ici sulla prima casa è stata abolita, con costi alti (circa due miliardi ed esiti pesanti sui bilanci comunali). E il resto? Il resto dice che la pressione fiscale in Italia non diminuisce per niente, anzi stando ai recenti dati dell´Ocse, tra il 2008 e il 2009 si è già registrato un aumento di 0,2 punti toccando il tetto del 43,5 (più alto del 1997, anno della biasimata eurotassa di Prodi).

BerlusconiBerlusconi Tremonti Manovra - Nonleggerlo

Crisi internazionale e l´effetto algebrico della caduta del Pil, si difende il governo: la pressione fiscale è un rapporto - si dice - se cala il denominatore (cioè il Pil), non può che aumentare. Tuttavia le cose non sono andate proprio così perché, come ricostruisce un dettagliato studio del Nens, è vero che il Pil è diminuito (di 3 punti nel 2008-2009), ma il gettito è diminuito di meno (ovvero 2,4 punti percentuali). Insomma il gettito fiscale si è ridotto meno di quanto si sia ridotto il Pil, ovvero abbiamo pagato tasse come se la recessione fosse stata meno dura, tasse non giustificate dal livello del Pil. Sono crollate l´Iva e le imposte sulle società, ma una tantum e imposte sostitutive hanno continuato a drenare risorse.

VINCENZOVINCENZO VISCO

Basterebbe, ma c´è da aggiungere che la nostra pressione fiscale, già ai vertici dell´Europa è più alta di quanto appare a prima vista. Ad essere onesti infatti bisognerebbe togliere dalla ricchezza prodotta la quota stimata di sommerso: in questo caso la nostra pressione - calcolata dal Nens e dalla Cgia di Mestre- raggiungerebbe i più alti livelli in Europa collocandosi al 51,7 per cento.

ROMANOROMANO PRODI

E il federalismo? Nell´intento iniziale sindaci e governatori si sarebbero dovuti responsabilizzare: solo chi taglia le spese può ridurre le tasse ed ottenere il consenso degli elettori. Sembra una formula magica, ma i punti di forza del decreto appena bocciato dalla «Bicameralina» sono proprio le tasse sui non residenti, dunque su quelli che non votano: seconda casa e tassa di soggiorno.

Così aumenta la pressione fiscale e i primi cittadini non ne subiscono le conseguenze. Nel marasma politico in cui è stata elaborato il decreto, è entrato anche il via libera alle addizionali comunali (dal 2011) e regionali (dal 2012). A regime, cioè nel 2015, secondo uno studio della Uil, la stangata per il cittadino medio se tutti i Comuni e le Regioni esercitassero l´opzione (il che date le condizioni delle finanze locali, non è da escludere) pari a 647 euro. Senza contare che l´argine all\'aumento della pressione fiscale introdotto con la clausola di salvaguardia nel decreto sul federalismo regionale - nota un esperto come Salvatore Tutino del Cer - è caduto: cancellato con un colpo di penna dall´ultima versione del provvedimento. Aumento della pressione, senza rete di protezione.

bossibossi calderoli

Infine l´Ici: uscita dalla porta per la prima casa rischia di rientrare fragorosamente dalla finestra della seconda con una aliquota media che sale dal 6 per mille al 7,6 (e la possibilità per i Comuni di portarla al 10,6). Ne fanno le spese i proprietari ma soprattutto i piccoli imprenditori che lavorano direttamente nei locali di proprietà: per costoro nella prima versione del decreto era previsto uno sconto sull´imponibile del 50%. Ora per trovare le risorse per ridurre l´aliquota Imu, dovranno pagare sulla rendita catastale piena. Uno scherzetto che moltiplica il malcontento. E che secondo la Cgia di Mestre costerà come minimo mezzo miliardo alle imprese.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA