1. TIM! TIM! DRAGHI HA UN ASSO NELLA MANICA: ‘’NULLA VIETA CHE POSTE ITALIANE POSSA ENTRARE NELLA PARTITA TIM E SCHIERARSI CON CDP, CHE HA IN MANO CIRCA IL 10% DI TIM"
2. IL GOVERNO È FAVOREVOLE ALLO "SPIN OFF" DI TIM: LO SCORPORO DEI SERVIZI COMMERCIALI (SERVICECO) E DELLA RETE (NETCO). SE BOLLORÉ MIRA ALLA CONQUISTA DI TIM COME VEICOLO PER TRASMETTERE NON SOLO DATI MA CONTENUTI (VIVENDI HA IL 23,8% DI MEDIASET), LO STATO PUNTA AL CONTROLLO DELLE INFRASTRUTTURE STRATEGICHE (SPARKLE CON I SUOI CAVI SOTTOMARINI, TELSY ATTIVA NELLA CYBERSECURITY, NOOVLE, QUALE DATA CENTER & CLOUD)
3.  “SE CON VIVENDI NON SI TROVA UN ACCORDO SUL PIANO INDUSTRIALE DELLO “SPIN OFF”, NULLA VIETA CHE POSTE ITALIANE POSSA ENTRARE NELLA PARTITA TIM - DA PARTE SUA, L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI POSTE MATTEO DEL FANTE HA GIÀ DATO LA SUA DISPONIBILITÀ)

Condividi questo articolo


GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI

DAGONEWS

Via il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli, Mario Draghi ha fatto sapere ai ministri Giorgetti, Colao, Franco e all’amministratore delegato della Cdp Dario Scannapieco, che ha in mano circa il 10 per cento di Tim, e poi al potente Franco Gabrielli, autorità delegata per la Sicurezza della Repubblica, in sostanza quanto segue: ‘’Cari signori, Tim è un asset strategico del Paese (Sparkle con i suoi cavi sottomarini, Telsy attiva nella cybersecurity), che diventa con Noovle, quale data center & cloud, ancor più strategico”.

 

VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE

Quindi il premier è arrivato a mettere il dito nella piega: il governo è favorevole allo "spin off" di Tim, vale a dire lo scorporo dei servizi commerciali (ServiceCo) e della Rete (NetCo). Se Bolloré mira alla conquista di Tim come veicolo per trasmettere non solo dati ma contenuti (Vivendi ha in tasca il 23,8% di Mediaset), lo Stato punta al controllo delle infrastrutture strategiche.

 

sparkle sparkle

A proposito dello scorporo, scrive oggi Carlo Bonini su “Repubblica”: “Un orizzonte da tempo accarezzato e caldeggiato dal nostro sistema di sicurezza nazionale, a cominciare da Aise, la nostra agenzia di intelligence estera che del comparto Sigint (le attività di controllo e spionaggio elettronico e digitale) ha il controllo. E questo nella convinzione che […] il margine di rischio di un'infrastruttura strategica nella pancia di un gruppo che è sul mercato e dunque alle regole del mercato risponde, sia, anche in prospettiva, sempre meno sostenibile”.

Dario Scannapieco Matteo Del Fante Dario Scannapieco Matteo Del Fante

 

A questo punto, Draghi ha scoperto l’asso nella manica: “Se con Vivendi non si trova un accordo sul piano industriale dello “spin off” (difesa dell’occupazione e sviluppo della rete), oltre alla Golden Power da parte del governo, nulla vieta che Poste Italiane possa entrare nella partita Tim e schierarsi con Cassa depositi e prestiti”. Da parte sua, l’amministratore delegato di Poste, Matteo Del Fante, ha già dato al governo la sua disponibilità.

daniele franco mario draghi conferenza stampa sulla manovra daniele franco mario draghi conferenza stampa sulla manovra

 

VITTORIO COLAO FRANCO GABRIELLI VITTORIO COLAO FRANCO GABRIELLI logo TELSY logo TELSY

 

Condividi questo articolo

politica

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

LO SCIOPERO GENERALE NON È CONTRO DRAGHI, MA CONTRO I PARTITI! – LANDINI: “IL PREMIER HA TENTATO DI PROPORRE UN PUNTO DI MEDIAZIONE CON LA SUA MAGGIORANZA, MA È STATO BRUTALMENTE MESSO IN MINORANZA DAI PARTITI. PENSANO PIÙ ALLE PROPRIE BANDIERINE ELETTORALI CHE AGLI INTERESSI DELL’ITALIA” – “SCIOPERO IMMOTIVATO? È UN’OBIEZIONE INFONDATA. IL GOVERNO DA MESI HA RICEVUTO LE NOSTRE RICHIESTE UNITARIE SU FISCO, PENSIONI, POLITICHE INDUSTRIALI E LOTTA ALLA PRECARIETÀ. LE RISPOSTE NON SONO ADEGUATE…”