TOCCHEREMO IL FONDO PRIMA DI POTER TOCCARE IL FUND - 2 MISERI MILIARDINI DAL ''RECOVERY'' PER QUEST'ANNO: IL CALCOLO DELL'OSSERVATORIO DI COTTARELLI - IL PIANO EUROPEO È STATO ''RITARDATO'' PER COSTRINGERE IL GOVERNO ITALIANO (OVVERO I GRILLINI, VISTO CHE IL PD È BEN FELICE) A RICORRERE AL MES PER QUEST'ANNO. DELLA DOZZINA DI VOCI E DI FONDI CHE REGGONO I TRE PILASTRI SOLO DUE SONO IN GRADO DI DARE SUBITO QUALCOSA: IL ''SOLVENCY SUPPORT INSTRUMENT'' E IL ''REACT''. ECCO COSA SONO

-

Condividi questo articolo


 

Roberto Petrini per ''la Repubblica''

 

 

GIUSEPPE CONTE URSULA VON DER LEYEN GIUSEPPE CONTE URSULA VON DER LEYEN

Saranno assai meno consistenti del previsto le risorse destinate all' Italia dal maxi piano europeo entrato nel dibattito come Recovery fund, ma il cui nome ufficiale è Next Generation Eu. Il piano, come è noto è stato presentato dalla Commissione il 28 maggio scorso, e prevede 750 miliardi di euro, tra contributi a fondo perduto, prestiti e garanzie. Certo di quei soldi ce ne sarà bisogna perché l' economia, come ha testimoniato ieri di nuovo Bankitalia, precipita: quest' anno il Pil, se ci fosse in autunno una nuova ondata epidemica, scenderà del 13 per cento, altrimenti staremo a-9 La prima delusione riguarda l' entità delle risorse destinate all' Italia, fino ad oggi valutate a 172 miliardi.

 

Ebbene l' Osservatorio sui conti pubblici della Cattolica guidato da Carlo Cottarelli in uno studio di Giampaolo Galli svela una inedita contabilità. «L' Italia - spiega il rapporto - risulta assegnataria di 153 miliardi (il 20,4 per cento del totale) di 88,4 miliardi di trasferimenti, 51 miliardi di prestiti e 13,6 miliardi di garanzie». Una cifra, si prosegue, che «diverge» da quella diffusa nei giorni scorsi e utilizzata dal governo italiano.

 

Il motivo? L' Osservatorio della Cattolica fa un' ipotesi: forse nella cifra di 172 miliardi sono stati compresi anche i 69 miliardi di risorse stanziate per rifinanziare i vecchi programmi già esistenti e pari a 69 miliardi. Si salirebbe così ad una cifra complessiva di 819 miliardi e il 20 per cento non sarebbe distante dalla cifra che circola. Quello che è certo che nella tabella a pagina 51 della proposta della Commissione del 28 maggio che distribuisce le risorse pari a 750 miliardi, Paese per Paese, a noi vengono cifrati 153 miliardi. Come 149,3 alla Spagna o 51,8 alla Germania.

 

ursula von der leyen incontra giuseppe conte a palazzo chigi 6 ursula von der leyen incontra giuseppe conte a palazzo chigi 6

Se questa «divergenza» sulla cifra complessiva attribuita all' Italia può essere figlia di un eccesso di entusiasmo, anche l' entità delle risorse disponibili per quest' anno è stata soggetta ad un po' troppo ottimismo. Ad una lettura più attenta dei dossier che circolano ai piani alti del governo, la somma viene drasticamente ridimensionata. Secondo fonti qualificate non sarebbero più di 2 miliardi le risorse utilizzabili cash per quest' anno.

 

Si tratta di quelle di due nuovi fondi, piuttosto importanti: il primo è il Solvency Support Instrument (che complessivamente per l' intera Europa vale 31 miliardi)e che è destinato alla ricapitalizzazione delle imprese con garanzie della Bei e può complessivamente attivare 300 miliardi; il secondo è il React, con 55 miliardi le cui risorse possono essere spese per sanità, piccole imprese, turismo e cultura.

 

Della dozzina di voci e di fondi che reggono i tre pilastri del Piano europeo (investimenti pubblici, investimenti privati, e prevenzione) solo due dunque sono in grado di dare subito qualcosa. A questo si riferiscono i vari esponenti del governo quando ammettono che i 560 miliardi della Recovery e Resilience Facility saranno disponibili solo dal prossimo anno e che si sta trattando per avere qualche "anticipo".

 

I negoziati, anche grazie al contributo del nostro ministro per gli Affari Europei, Enzo Amendola, ci stanno facendo guadagnare terreno ed infatti i due fondi in questione hanno recuperato qualche miliardo in più nelle ultime ore. Per accedere al Recovery, sul quale già molti hanno puntato gli occhi, bisognerà invece attendere il prossimo anno: il Recovery plan, cioè il piano con le riforme e gli impegni dell' Italia, dovrà essere presentato tra ottobre 2020 e aprile 2021 in tempo di sessione di Bilancio.

conte gualtieri conte gualtieri

 

Prima di allora potremo far conto sui programmi Sure per finanziare la cassa integrazione (20 miliardi già autorizzati dal decreto rilancio) e i 30 della Bei già richiesti. Altrimenti c' è il Mes, ma il governo è diviso, tra Pd-Iv e Cinque stelle: e i 36 miliardi sono tuttavia spendibili solo per la sanità.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

“IL DIRITTO ALL’ABORTO NON ESISTE. SI CHIAMA OMICIDIO” – PRENDETEVI CINQUE MINUTI E GODETEVI IL CORPO A CORPO TRA TELESE E ADINOLFI: “CI VUOI PORTARE IN UN MODERNO MEDIOEVO IN CUI GLI INTEGRALISTI DECIDONO PER ALTRI”, “NOVE VOLTE SU DIECI, GIOVANI DONNE RINUNCIANO AI LORO FIGLI PER RAGIONI FUTILISSIME, DICIAMO PURE DEL CAZZO” – “VOI LAICISTI DIFENDETE LA CULTURA DELLA MORTE, MA SIETE BUONI CARINI E LEGITTIMATI. NOI, CHE DIFENDIAMO LA VITA, INVECE, SIANO BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. E CON LE CORNA. L’ITALIA SENZA IL DIVORZIO ERA PIÙ BELLA E PIÙ SANA DI QUESTA” (PAROLA DI UN DIVORZIATO…)

“QUESTO SPIEGA PERCHÉ SONO TORNATO A ROMA IERI NOTTE” – MARIO DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA HA RACCONTATO IL VERO MOTIVO PER CUI HA LASCIATO IN ANTICIPO IL VERTICE NATO DI MADRID: NON C’ENTRA CONTE, MA L’AUMENTO DEI PREZZI DELL’ENERGIA! – “SONO RIENTRATO A ROMA PER L'OK AL DL BOLLETTE ENTRO OGGI. QUESTI PROVVEDIMENTI DOVEVANO NECESSARIAMENTE ESSERE ATTUATI OGGI, SENZA QUESTO CI SAREBBE STATO UN DISASTRO. LE BOLLETTE SAREBBERO ARRIVATE SENZA AGEVOLAZIONI CON RINCARI FINO AL 35 PER CENTO...”