1. TRANQUILLI, LA VERA CRISI NON SI CONSUMERÀ OGGI - DOPO IL VOTO AL SENATO, ARRIVERA' IL RIMPASTO. D’ALTRONDE AI VOLENTEROSI TRANSFUGHI BISOGNERÀ PUR DARE QUALCOSA. E ANCHE NEL PD SONO SETTIMANE CHE QUALCUNO SCALPITA PER ENTRARE NEL GOVERNO (VEDI ORLANDO E DELRIO). SE SUL TAVOLO FINIRANNO PIÙ DI DUE O TRE MINISTERI (COSA CERTA), CONTE SARÀ COSTRETTO A DIMETTERSI. SARÀ IN QUEL MOMENTO CHE SI APRIRANNO LE DANZE
2. SE INVECE IL PREMIER PER CAOS CONTINUERÀ A FARE LA SOLITA MELINA PER NON FARSI METTERE LE GANASCE DAL PD, IL GIOCO DURERÀ AL MASSIMO UN’ALTRA SETTIMANA. ALLA PRIMA OCCASIONE LE COMMISSIONI IMPLODERANNO, L’AULA DIVENTERÀ UNA GIUNGLA E…

Condividi questo articolo


DAGONOTA

giuseppe conte mario monti giuseppe conte mario monti

Tutti parlano, tutti scrivono, ma la vera crisi non si consumerà oggi. E Matteo Renzi sa che il tempo è dalla sua. La domanda nei palazzi del potere è: che farà Giuseppi dopo il voto? Il rimpasto è il minimo sindacale, d’altronde ai Volenterosi transfughi bisognerà pur dare qualcosa. E anche nel Pd sono settimane che qualcuno scalpita per entrare nel governo (vedi Orlando e Delrio).

 

A quel punto lo schiavo di Casalino e Travaglio che farà? Se sul tavolo finiranno più di due o tre ministeri (cosa certa) sarà costretto a dimettersi. Gli stessi responsabili/volenterosi vogliono il Conte ter per racimolare qualcosa in più e il Pd non nasconde a nessuno di pensarla allo stesso modo.

ANDREA ORLANDO ANDREA ORLANDO

 

Sarà in quel momento che si apriranno le danze e che Renzi rientrerà in partita per chiedere la testa di Giuseppi. Se invece il premier per caos continuerà a fare melina per farsi mettere le ganasce dal Pd, il gioco durerà al massimo un’altra settimana. Alla prima occasione le commissioni imploderanno, l’aula diventerà una giungla e Draghi o chi per lui, finalmente, inizierà a scaldarsi a bordo campo...

giuseppe conte giuseppe conte graziano delrio nicola zingaretti graziano delrio nicola zingaretti

 

 

Condividi questo articolo

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

“A ROMA LA SINISTRA FA CAMPAGNA ELETTORALE (NEL GIORNO DEL SILENZIO) INSEGUENDO FASCISTI CHE, PER FORTUNA, NON CI SONO PIÙ” - SALVINI SI SCAGLIA CONTRO LA MANIFESTAZIONE DELLA CGIL CITANDO LEONARDO SCIASCIA: “IL PIÙ BELL'ESEMPLARE DI FASCISTA IN CUI CI SI POSSA IMBATTERE OGGI… È QUELLO DEL SEDICENTE ANTIFASCISTA UNICAMENTE DEDITO A DARE DEL FASCISTA A CHI FASCISTA NON È - IN EUROPA SCORRE IL SANGUE PER MANO DEL TERRORISMO ISLAMICO, UNICO REALE PERICOLO DI QUESTI TEMPI"

LO SPETTRO CHE ALEGGIA SUL GOVERNO: I PARTITI CHE SI METTONO DI TRAVERSO PER RALLENTARE LE RIFORME - L’AVEVA DETTO IL MINISTRO GUERINI: “SE IL VOTO PRODURRÀ UN RISULTATO SBILANCIATO A FAVORE DI UNA PARTE, LE RIPERCUSSIONI TRA PARTITI SI SCARICHERANNO NELL'AZIONE DI GOVERNO” - IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA, BONOMI, HA RINCARATO: “LA SPINTA PER LE RIFORME DELLA PRIMA FASE DEL GOVERNO SI È RALLENTATA” - CON LA LEGGE DI BILANCIO DRAGHI SARÀ CHIAMATO A UNA MEDIAZIONE COMPLESSA TRA REDDITO DI CITTADINANZA, FLAT TAX, QUOTA CENTO, AMMORTIZZATORI SOCIALI E JOBS ACT