TRAVAGLIO PRECISA: “FURIO Colombo ha già spiegato che, a cavallo fra gli anni 80 e 90, era presidente della Fiat America, ma senza deleghe finanziarie o bancarie (affidate ai vicepresidenti), occupandosi dei rapporti col governo Usa e le altre istituzioni”…

Condividi questo articolo


Riceviamo e pubblichiamo:

MARCO TRAVAGLIO - Copyright PizziMARCO TRAVAGLIO - Copyright Pizzi

Caro Dago, non posso che felicitarmi per il successo postumo del libro "Il Processo" sui fondi neri della Fiat e di casa Agnelli, da me scritto nel 1997 con i colleghi Novelli e Griseri e pubblicato da Editori Riuniti, dopo il rifiuto di altri noti editori.

hda09 furio colombohda09 furio colombo

Non passa giorno senza che qualche grande giornale ne riporti qualche brano, ovviamente senza citare la fonte (l'altro giorno è stata la volta del Corriere, che raccontava la storia del notaio svizzero Rudolf Staiger, quello dei fondi neri di Agnelli per l'acquisto di Dino Baggio da parte della Juventus).

Che strano: dodici anni fa, quando uscì il libro, non lo recensì nessuno, a parte la Repubblica e il manifesto, per cui lavoravano i miei due coautori. Ora che gli Agnelli sono tutti morti, invece, dàgli agli Agnelli.

Dagospia ieri ha citato Il Processo, a proposito di alcune righe riferite a Furio Colombo e alla banca Fiat con sede a Nassau, la Overseas Union Bank and Trust. Colombo ha già spiegato che, a cavallo fra gli anni 80 e 90, era presidente della Fiat America, ma senza deleghe finanziarie o bancarie (affidate ai vicepresidenti), occupandosi di questioni industriali delle consociate del gruppo negli Stati Uniti (Fiat Allis, New Holland, Ferrari), di comunicazione e dei rapporti col governo Usa e le altre istituzioni.

Del resto, quando i magistrati torinesi scandagliarono il gruppo Fiat in Italia e all'estero, e con mano giustamente pesante, non trovarono alcunchè da contestare a Colombo. Che infatti, a differenza di decine di altri manager operativi in Italia e all'estero, non fu mai nemmeno convocato in veste di testimone.

Inoltre la Oubt non faceva praticamente nulla, a Nassau: era un suo conto aperto in Svizzera (intestato alla celebre società "Sacisa"), gestito da manager italiani ed elvetici a Lugano, a occuparsi dei fondi neri del gruppo. Infatti furono i manager svizzeri a essere ora interrogati, ora indagati. Aggiungo un particolare: "Il Processo" è stato ripubblicato in edizione economica e distribuito insieme all'Unità di Colombo e Padellaro.

Marco Travaglio

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…