TRUMP LA BUTTA SUL COMPLOTTONE – L’EX PRESIDENTE AMERICANO LASCIA INTENDERE CHE L’FBI POSSA AVER PIAZZATO VOLUTAMENTE PROVE CONTRO DI LUI A MAR-A-LAGO: “VOLEVANO RESTARE SOLI SENZA TESTIMONI. PERCHÉ?” – INTANTO, HA DECISO DI NON RISPONDERE ALLE DOMANDE DEL PROCURATORE DI NEW YORK SULL’INDAGINE CHE RIGUARDA LA TRUMP ORGANIZATION: "NON HO FATTO NULLA DI SBAGLIATO" – E I SUOI ALLEATI PARLANO DI UNA “TALPA TRADITRICE” NELLA VILLA IN FLORIDA…

-

Condividi questo articolo


1 - TRUMP NON RISPONDERÀ A DOMANDE DEL PROCURATORE DI NEW YORK

donald trump donald trump

(ANSA) - Donald Trump non risponderà alle domande nell'ambito delle indagini del procuratore di New York sulla sua società e sulla possibilità che abbia gonfiato il valore dei suoi asset per spuntare condizioni finanziarie migliori. Lo afferma Trump in una nota. "Ho rifiutato di rispondere alle domande in base ai diritti che sono concessi a ogni cittadino dalla Costituzione americana".

 

2 - TRUMP, SPERIAMO CHE FBI NON ABBIA PIAZZATO PROVE

donald trump 2 donald trump 2

(ANSA) - L'Fbi ha vietato allo staff e ai legali di Donald Trump di avvicinarsi e assistere al "raid a Mar-Lago. A tutti è stato chiesto di lasciare la proprietà": gli agenti "volevano restare soli senza alcun testimone che vedesse cosa stavano facendo, prendendo o, speriamo di no, piazzando delle prove". Lo afferma Donald Trump. "Perché hanno insistito a non avere nessuno? Nessun raid c'è mai stato per Obama o Clinton nonostante le grandi dispute che avevano", aggiunge.

 

3 - USA: TRUMP È ARRIVATO NEGLI UFFICI DEL PROCURATORE DI NEW YORK

perquisizione dell fbi a mar a lago immagini aeree 1 perquisizione dell fbi a mar a lago immagini aeree 1

(ANSA) - Donald Trump è arrivato negli uffici del procuratore di New York, dove sarà sentito sotto giuramento. Lo riportano i medi americani. Il tycoon è sotto indagine per le sue società, perché potrebbe aver gonfiato i valori dei suoi asset per spuntare condizioni finanziarie migliori.

 

4 - USA: UNA 'SPIA' A MAR-A-LAGO, LA TEORIA DEGLI ALLEATI DI TRUMP

(ANSA) - Una spia a Mar-a-Lago. Fra gli alleati e i sostenitori di Donald Trump si fa largo l'ipotesi che nella casa dell'ex presidente ci sia una 'talpa traditrice' che avrebbe riportato informazioni all'Fbi e che, quindi, sarebbe dietro il blitz degli agenti federali. La talpa, sostengono, avrebbe passato all'Fbi informazioni e prove su quello che c'era realmente a Mar-a-Lago.

 

5 - TRUMP CRITICA PROCURATORE NEW YORK, 'FATTO NULLA DI SBAGLIATO'
(ANSA)
- Donald Trump attacca il procuratore di New York Letitia James e si difende. "Non ho fatto nulla di sbagliato ed è per questo che dopo cinque anni di indagine i governi federale, statale e locale, insieme alle Fake News, non hanno trovato nulla", afferma Trump, secondo il quale James da anni sta conducendo una campagna contro di lui, la sua famiglia e la sua società. "Ha creato una piattaforma politica e fatto carriera attaccando me e la mia società", aggiunge Trump parlando di "caccia alle streghe politicamente motivata".

donald trump 2 donald trump 2 i documenti di donald trump 1 i documenti di donald trump 1 donald trump al suo Golf Club in New Jersey 5 donald trump al suo Golf Club in New Jersey 5 perquisizione dell fbi a mar a lago immagini aeree 3 perquisizione dell fbi a mar a lago immagini aeree 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – DOPO IL PROVVIDENZIALE INTERVENTO PER LA DESIGNAZIONE DI CARLO FUORTES AL MAGGIO FIORENTINO, IL MELOMANE GIANNI LETTA STA SCALDANDO I MOTORI ANCHE PER LA NOMINA DI MICHELE DALL'ONGARO, ATTUALE PRESIDENTE DI SANTA CECILIA, COME NUOVO SOVRINTENDENTE DEL TEATRO ALLA SCALA - SI VOCIFERA CHE LETTA ABBIA TROVATO UN’INTESA CON LA BACCHETTA ANSIOSA DI UNA RICONFERMA DI RICCARDO CHAILLY, IL QUALE GODE DI UN OTTIMO RAPPORTO CON IL “SOVRANO” DEL TEMPIO MILANESE DELLA LIRICA, “ABRAMO” BAZOLI…

FLASH! - C'E' UN TOSTO RETROSCENA SULLA DESIGNAZIONE DI CARLO FUORTES AL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO. LA CANDIDATURA DELL’EX AD RAI È STATA FORTEMENTE VOLUTA DAL SINDACO DARIO NARDELLA, CON UN PROVVIDENZIALE INTERVENTO DI GIANNI LETTA, SBARAGLIANDO LE FORTI PRESSIONI PER RIMANERE ALLA GUIDA DEL MAGGIO FIORENTINO DELL’EX COMMISSARIO CUTAIA SU SANGIULIANO E SUL PRESIDENTE DELLA REGIONE GIANI - COSÌ, SU SETTE CONSIGLIERI, L’UNICO VOTO CONTRARIO ALLA DESIGNAZIONE DI FUORTES È ARRIVATO DA GENNARO GALDO PER CONTO DEL MINISTERO DELLA CULTURA…

DAGOREPORT – STATI DIS-UNITI D'AMERICA: SIA I DEMOCRATICI CHE I REPUBBLICANI SONO NEL CAOS E NON SANNO COME GESTIRE BIDEN E TRUMP – I DEM CERCANO UN VICE CREDIBILE NEL CASO IN CUI “SLEEPY JOE” DIVENTASSE TROPPO RINCOJONITO, MA MICHELLE OBAMA (CON BARACK AL SEGUITO) SAREBBE TROPPO INGOMBRANTE – I REPUBBLICANI ANTI-TRUMP SPINGONO NIKKI HALEY A CANDIDARSI DA INDIPENDENTE PER FAR PERDERE "THE DONALD". E CHISSA' CHE A QUEL PUNTO, BIDEN NON RESTITUISCA IL FAVORE CHIAMANDOLA A UN RUOLO DI RESPONSABILITÀ...

SALVINI-MELONI. DUELLO IN AUTOSTRADA – IL LEADER DELLA LEGA ANNUNCIA: ‘’STO LAVORANDO A UN'INTERA REVISIONE DEL SISTEMA DELLE CONCESSIONI ENTRO IL 2024" – DAGOREPORT: IL NOCCIOLO DELLA RIFORMA: I PEDAGGI ANDREBBERO DIRETTAMENTE NELLE CASSE DELLO STATO. I CONCESSIONARI SI TRASFORMEREBBERO IN SEMPLICI GESTORI DELLA RETE, PAGATI DALLO STATO PER EROGARE I SERVIZI DI VIABILITÀ E PER EFFETTUARE LA MANUTENZIONE – DIVERSA E CONTRARIA L’IDEA DELLA MELONA: MAXI FUSIONE TRA AUTOSTRADE PER L’ITALIA – OGGI CONTROLLATA DA CDP INSIEME AI FONDI BLACKSTONE E MACQUARIE – E LA FAMIGLIA GAVIO…