TRUMP NE HA COMBINATA UN’ALTRA DELLE SUE – L’EX PRESIDENTE AMERICANO HA OSPITATO NELLA SUA VILLA DI MAR-A-LAGO IL RAPPER KANYE WEST, E CON LUI SI È PRESENTATO ANCHE NICK FUENTES. PERSONAGGIO CONTROVERSO (EUFEMISMO), FUENTES HA 24 ANNI, È UN SUPREMATISTA BIANCO, GRANDE AMMIRATORE DEL DUCE E PURE ANTISEMITA INCALLITO – GLI EBREI REPUBBLICANI SI SONO OVVIAMENTE INCAZZATI, E “THE DONALD” SI È ARRAMPICATO SUGLI SPECCHI: “NON LO CONOSCEVO, STAVO SOLO AIUTANDO KANYE WEST. CHE GUARDA CASO È NERO”

-

Condividi questo articolo


 

 

 

donald trump kanye west donald trump kanye west

1 - USA: TRUMP SI GIUSTIFICA, NON CONOSCEVO L'ANTISEMITA FUENTES

(ANSA) - Dopo le critiche ricevute, anche da parte di esponenti democratici, per aver incontrato a Mar-a-Lago l'antisemita Nick Fuentes, Donald Trump si giustifica in un post sul suo social media Truth.

 

 "Stavo aiutando un uomo con molti problemi, che guarda caso è nero, Ye (Kanye West), al quale sono stati dimezzati gli affari e che è sempre stato buono con me, accettando la sua richiesta di un incontro a Mar-a-Lago, da solo, in modo che io potessi dargli i consigli di cui aveva bisogno", ha scritto il tycoon a proposito del suo pranzo con il rapper al quale, i media hanno poi rivelato, era presente anche il negazionista dell'Olocausto.

 

nick fuentes nick fuentes

"Lui - prosegue l'ex presidente Usa - si presenta con tre persone, due delle quali non conoscevo, l'altra un politico che non vedevo da anni. Gli ho detto di non candidarsi, una totale perdita di tempo, non può vincere", ha proseguito Trump a proposito del progetto dell'ex marito di Kim Kardashian di candidarsi alle presidenziali del 2024. "Tutte le altre notizie che sono venute fuori sono false e pazzesche!", si conclude il post.

 

2 - TRUMP A CENA COL SUPREMATISTA

kanye west e nick fuentes kanye west e nick fuentes

Viviana Mazza per il “Corriere della Sera”

 

Non è successo niente, ripete Donald Trump sul suo social Truth . «Kanye West mi ha chiamato per venire a cena a Mar-a-Lago. Poco dopo si è presentato inaspettatamente con tre suoi amici, dei quali non sapevo nulla. Abbiamo cenato martedì sera alla presenza di molti altri membri del club nella terrazza sul retro. Una cena veloce e tranquilla». Non è quello che pensano alcuni alleati dell'ex presidente, in particolare nel mondo ebraico-americano repubblicano dove Trump ha tuttora sostenitori.

 

sondaggio di kanye west sul suo viaggio a mar a lago sondaggio di kanye west sul suo viaggio a mar a lago

Aggiungi un posto a tavola a Mar-a-Lago. Protagonisti principali: il rapper Kanye West, che ora si fa chiamare Ye, autore possibilmente della più spettacolare autodistruzione di un'icona americana e candidato (come Trump) alla presidenza nel 2024 dopo una serie di commenti antisemiti per i quali ha perso due miliardi di dollari di contratti in un giorno; e Nick Fuentes, 24 anni, ammiratore di Mussolini, che sul suo canale YouTube «America First» ora sospeso (ma è su Truth ) ha messo in dubbio il numero di vittime dell'Olocausto e definito gli ebrei un'«élite tribale ostile», ha sostenuto che la segregazione razziale era meglio per tutti e che guida i Groyper, giovani di estrema destra che vogliono spingere la destra verso il suprematismo bianco.

 

 

nick fuentes nick fuentes

Fuentes ha detto a Trump che i suoi elettori più fedeli non sono contenti del nuovo approccio «cauto» e poco «autentico» dell'ex presidente e che vorrebbero che appoggiasse di più chi è stato incriminato per l'assalto al Congresso del 2021. «Trump è rimasto davvero colpito da Fuentes - ha riferito Ye - perché a differenza di tanti avvocati e di tanta gente che gli è rimasta intorno dal 2020, lui è davvero un fedelissimo».

 

La Casa Bianca ha subito pubblicato un comunicato di condanna: «L'intolleranza, l'odio, l'antisemitismo non hanno posto in America - nemmeno a Mar-a-Lago. Il negazionismo dell'Olocausto è ripugnante e pericoloso».

kanye west kanye west

 

L'incontro dà molto fastidio ai leader della Republican Jewish Coalition, la coalizione degli ebrei repubblicani che ha tenuto una settimana fa una conferenza a Las Vegas, considerata la prima passerella per i candidati del partito alla Casa Bianca. Nonostante l'entusiasmo per il governatore Ron DeSantis, che nelle elezioni di midterm ha ricevuto una percentuale record del voto ebraico in Florida, anche per Trump c'è stata una standing ovation quando si è connesso in remoto e ha ricordato quanto ha fatto per lo Stato ebraico. Ieri Matt Brooks, direttore della Republican Jewish Coalition, criticava «il virulento antisemitismo di Kanye West e di Nick Fuentes.

 

 

ELON MUSK DONALD TRUMP ELON MUSK DONALD TRUMP

Chiediamo a tutti i leader politici di rifiutare il loro messaggio di odio e di non incontrarli». Anche l'ex ambasciatore in Israele David Friedman, che aiutò Trump a spostare la sede diplomatica a Gerusalemme, scriveva su Twitter all'«amico»: «Ti invito a liberarti di questi barboni, rinnegarli e lasciarli nella pattumiera della storia a cui appartengono».

 

Non sono le uniche brutte notizie da Twitter: Elon Musk, che pure ha riammesso The Donald e Kanye sulla piattaforma, ha dato il suo appoggio per il 2024 a DeSantis, «un candidato sensato e centrista». «Perché non dovrei incontrare Kanye?», scrive Trump su Truth . In tv «ha detto cose gentili su di me» e a cena «nulla di antisemita» (unico momento di tensione: quando gli ha proposto di fare il suo vicepresidente). Quanto a Fuentes, il tycoon insiste: non sapeva chi fosse. Ma il giovane gli ha giurato che DeSantis non ha chance nel 2024.

nick fuentes nick fuentes kanye west e nick fuentes kanye west e nick fuentes donald trump donald trump nick fuentes 2 nick fuentes 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…