UN UOMO SOLO ALLO SBANDO - COME DAGOANTICIPATO, LE NOZZE FRANTUMATE TRA PD E M5S HANNO STRAVOLTO I PIANI DI ENRICO LETTA CHE HA DOVUTO AMMAINARE LA BANDIERA DELLA LEGGE ELETTORALE MAGGIORITARIA: ORA SI PUNTA AL PROPORZIONALE CHE EVITEREBBE DI LEGARSI MANI E PIEDI AI CINQUESTELLE ALLO SBARAGLIO - GLI EX RENZIANI PD, CHE ASPETTANO SOLO UN FLOP ALLE COMUNALI PER RISPEDIRE SOTTI-LETTA A PARIGI, SCALPITANO PER…

-

Condividi questo articolo


Carlo Bertini per "La Stampa"

 

enrico letta e oscar camps enrico letta e oscar camps

«Non dobbiamo subire, ma essere protagonisti. Dobbiamo essere noi a dettare l'agenda, con una forte identità». Per Enrico Letta il punto è l'identità, «perché se quella del Pd è forte, cambia il quadro dei 5stelle». Solo un partito più forte può affrontare un percorso non facile di relazione con loro.

 

Ultimi giochi sotto la Mole Le ultime mosse per tentare uno scampolo di intesa nelle grandi città sono disperate: Luigi Di Maio in un incontro alla Farnesina sonda la Appendino per una ricandidatura, ma solo nel caso franasse l'ipotesi di un patto con i dem dopo le primarie: il Nazareno infatti spera in un ticket o in un accordo per il secondo turno con il candidato sindaco uscito dai gazebo. E i 5stelle sono duri da convincere. Ma a Torino, come a Roma, è partito il treno delle primarie: la ferita con i grillini è consumata (si spera solo nei ballottaggi apparentati) e il segretario Pd in Direzione sguaina la spada dell'orgoglio per sedare la minoranza riformista che vorrebbe staccarsi dall'abbraccio (mortale) con i grillini.

letta conte letta conte

 

La sguaina lanciando anche un appello al premier, per «dare una missione nuova a questa maggioranza». Ovvero, puntare, dopo i vaccini e il Pnrr, sulla ricostruzione del paese, con le proposte Pd su giustizia, lavoro, turismo. «Legge Zan, Libia, riforma fiscale: dobbiamo marcare una forte autonomia e le nostre proposte con radicalità», conviene Gianni Cuperlo.

 

ENRICO LETTA PARLA DI DRAGHI A PORTA A PORTA ENRICO LETTA PARLA DI DRAGHI A PORTA A PORTA

Avanti col proporzionale E' la prima Direzione dal suo insediamento: Letta ha voluto riunire tutti, per dirsi le cose in faccia in «un dibattito interno, vivo e vivace». E la pax interna sembra riconquistata, se si vota all'unanimità la sua relazione. Ma i malumori, frutto del crash romano e torinese con i grillini, escono fuori. Giocando d'anticipo, Letta cavalca per primo la linea di un parziale sganciamento: «Con i 5stelle pensiamo a pezzi di strada da fare insieme, ma il Pd ha l'ambizione di guidare il paese». Dismessa l'alleanza strategica dell'era Zingaretti, il rilancio della linea più «autonomista» di Letta già fissata dalla sua elezione, benedetta dalle minoranze, porterà ad ammainare però la bandiera del maggioritario: «perché il proporzionale è consono alla nostra strategia», dice Goffredo Bettini.

 

alessia morani con la mascherina 2 alessia morani con la mascherina 2

E perché un cambio della legge elettorale può avvenire solo con una larga intesa, non per una nostra convenienza», ammette Letta, che pure non si sbilancia e rimanda tutto alle Agorà.

Gli affondi della Morani Ma colpisce come gli ex renziani risorgano dai loro silenzi, con una raffica ben orchestrata di colpi: oltre ad Alessandro Alfieri che esorta alla «prudenza con i 5stelle, perché Conte è in difficoltà»; oltre ad Anna Ascani, «Conte mira al nostro elettorato, non possiamo farci dettare le scelte»; la più dura è Alessia Morani. «Abbiamo discusso t male di alleanza strategica, poco di cosa siamo noi.

 

enrico letta giuseppe conte enrico letta giuseppe conte

Questo epilogo era inevitabile. Le alleanze si fanno partendo dalla condivisione di valori, che non c'è, a cominciare da lavoro e giustizia». E sul vulnus delle donne assenti alle primarie, l'ex capogruppo renziano Andrea Marcucci punge il leader: «Purtroppo dalle parole non siamo passati ai fatti».

enrico letta giuseppe conte 1 enrico letta giuseppe conte 1 MOURINHO ALLA ROMA - VIGNETTA ELLEKAPPA MOURINHO ALLA ROMA - VIGNETTA ELLEKAPPA enrico letta enrico letta enrico letta enrico letta Enrico Letta annuncia la candidatura a segretario del Pd Enrico Letta annuncia la candidatura a segretario del Pd tweet su enrico letta segretario del pd 1 tweet su enrico letta segretario del pd 1 tweet su enrico letta segretario del pd 4 tweet su enrico letta segretario del pd 4 ENRICO LETTA MARIO DRAGHI ENRICO LETTA MARIO DRAGHI ENRICO LETTA ENRICO LETTA

 

Condividi questo articolo

politica

MA CHE È HOLLYWOOD? – AL PROCESSO OPEN ARMS, A PALERMO, COME TESTIMONE CONTRO MATTEO SALVINI, SARÀ CHIAMATO ANCHE RICHARD GERE CHE, NELL’AGOSTO 2019, ERA SALITO A BORDO DELL'IMBARCAZIONE ONG, IN ATTESA DI FAR SCENDERE I MIGRANTI SULLA TERRA FERMA. UN IMPEGNO UMANITARIO DURATO IL TEMPO DI QUALCHE FOTO OPPORTUNITY PER POI DEDICARSI A UNA BELLA VACANZA SU UN MEGA MOTOSCAFO. LA REAZIONE DELL’EX TRUCE DEL PAPEETE: “ALLORA NOI CONVOCHIAMO CHECCO ZALONE O LINO BANFI. MA VI RENDETE CONTO?”

CHI ARRIVA DOPO ANGELONA MERKEL? DOPO I PRIMI EXIT POLL, IL SEGRETARIO GENERALE DELL'SPD RIVENDICA LA CANCELLERIA PER OLAF SCHOLZ. STANDO ALLE PROIEZIONI DELLE 18.48 DELLA ARD, È TESTA A TESTA FRA L'SPD AL 24,9% E CDU-CSU AL 24,7%. I VERDI SONO DATI AL 14,8%, I LIBERALI ALL'11,2, L'AFD ALL'11,3, LA LINKE AL 5. SE GLI EXIT POLL DELLE ELEZIONI IN GERMANIA VENISSERO CONFERMATI, PER L'UNIONE DEI CONSERVATORI TEDESCHI DELLA CDU-CSU SAREBBE IL PEGGIOR RISULTATO DELLA STORIA A LIVELLO FEDERALE…