USA E GETTA? CONTE SNOBBA BIDEN ED ESERCITA IL GOLDEN POWER CON IL FONDO AMERICANO KKR DANDOGLI IL VIA LIBERA IN FIBERCOP, LA NEWCO COSTITUITA AD AGOSTO CON TIM E FASTWEB CUI VERRÀ CONFERITA LA RETE SECONDARIA DELL’EX MONOPOLISTA - IN CONSIGLIO DEI MINISTRI È ANDATO IN SCENA UN COMPROMESSO FRA GUALTIERI (LINEA MORBIDA) E PATUANELLI (LINEA DURA). LE PRESCRIZIONI SONO BLANDE MA IL MESSAGGIO POLITICO PIACE A PECHINO E FA IRRITARE WASHINGTON – CONTE CHIAMA BIDEN IN SERATA PER CONGRATULARSI…

-

Condividi questo articolo


Francesco Bechis per formiche.net

 

conte biden conte biden

Compromesso all’italiana. Il governo rossogiallo ha dato un sostanziale via libera al fondo americano Kkr in Fibercop, la newco costituita ad agosto con Tim e Fastweb cui verrà conferita la rete secondaria dell’ex monopolista.

 

Come anticipato da Formiche.net, il Consiglio dei ministri ha dato conto delle nuove prescrizioni stilate dal comitato golden power per l’operatività del fondo all’interno della società destinata a costruire la rete unica italiana. Si tratta di “prescrizioni blande”, precisa un addetto ai lavori, che dunque non intralceranno la società americana tanto da compromettere l’operazione.

 

stefano patuanelli question time in senato 1 stefano patuanelli question time in senato 1

È il frutto di un tiro alla fune tutto interno al consiglio che ha visto due opposti fronti. Da una parte il Mise del pentastellato Stefano Patuanelli, schierato per la linea rigorosa verso Kkr insieme al sottosegretario a Palazzo Chigi Riccardo Fraccaro. Dall’altra la linea morbida (prevalente) del Mef guidato dal dem Roberto Gualtieri.

 

Il segnale politico, però, non è affatto blando. Mettendo sotto lo scrutinio del comitato il fondo statunitense, il governo Conte bis sembra inviare un messaggio ai suoi interlocutori cinesi e in particolare alle aziende che sono state torchiate dai tecnici di Palazzo Chigi nei mesi scorsi. È il caso di Huawei, il colosso tech che si è visto congelare di recente dal golden power un contratto con Fastweb (e ha dovuto mandar giù questa primavera le severe prescrizioni del comitato per gli operatori italiani che ci fanno affari).

stefano patuanelli question time in senato stefano patuanelli question time in senato

 

L’esecutivo, insomma, mette le mani avanti: tanto le aziende americane quanto quelle cinesi che operano nelle infrastrutture strategiche italiane non passano illese per il filtro (comunque doveroso) del comitato.

 

Da Tim e Kkr è improbabile arriverà alcun commento. D’altra parte il fondo americano, entrato a fine agosto in Fibercop con una quota del 37,5% per 1,8 miliardi di euro, preferì il riserbo anche quando il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con un intervento irrituale che fece molto discutere la politica italiana (e sollevare forti dubbi a Washington DC), chiese al Cda di Tim di sospendere per trenta giorni la decisione sulla partecipazione di Kkr.

gualtieri gualtieri

 

Di certo la terza via imboccata dal governo per non dispiacere a nessuno non piacerà a chi, negli Stati Uniti, già nutre qualche dubbio sulla possibilità di fare affari con Roma. Nella serata di venerdì, Palazzo Chigi ha dato conto di un colloquio telefonico fra Conte e il presidente-eletto Joe Biden per congratularsi della vittoria alle presidenziali.

 

Un segnale di continuità (dopo giorni di attesa) che però non cambia la sostanza politica dell’intervento sul fondo. D’altronde Kkr ha la reputazione e la forza di un attore sistemico negli Stati Uniti, e la mossa del comitato rischia di abbassare di una tacca il rating italiano nell’attrazione di capitali americani. Ancora una volta.

 

gualtieri conte patuanelli gualtieri conte patuanelli

 

Condividi questo articolo

politica

“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

 

UN COMPENSO DA LECCARSI I BAFFI - ALDO GRASSO PERCULA D’ALEMA: “C'È UNA FRASE CHE MERITA ATTENZIONE: ‘SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI’. VISTO DA UNA PARTE, È IL GESTO DELL'ULTIMO COMUNISTA (VALGO DI PIÙ MA LO FACCIO PER IL BENE DELL'UMANITÀ). VISTO DALL'ALTRA, È IL GESTO DI UN NEO-LIBERISTA UN PO' INESPERTO (INCAPACE DI MONETIZZARE IL SUO VALORE DI SCAMBIO). VISTO DA NOI: D'ALEMA È UN NEO-IMPRENDITORE VITIVINICOLO, COME AL BANO E BRUNO VESPA…”

SPIE IN TILT: MANCINI BOMBARDATO DA CARLO BONINI – ‘’PIÙ IRRAGIONEVOLE DEL SOLITO, ANIMATO DA ROBUSTI PROPOSITI DI VENDETTA, LO 007 SI È MESSO PERSONALMENTE ALLA RICERCA DELLA FONTE DI "REPORT" CHE IL 23 DICEMBRE LO FILMÒ NEI SUOI CONVERSARI ALL'AUTOGRILL - IL METODO MANCINI È INFALLIBILE. PERCHÉ ANTICO QUANTO IL LAVORO DELLE SPIE. CREA UN PROBLEMA E CANDIDATI A RISOLVERLO – HA SEMPRE GODUTO DELL'AMICIZIA DI UN PESO MASSIMO COME IL PROCURATORE ANTIMAFIA DI CATANZARO NICOLA GRATTERI CHE, A QUALE TITOLO E PER RAGIONI CHE NON È TUTT'ORA DATO SAPERE, NON HA MAI SMESSO DI SPONSORIZZARNE LA NOMINA (“SOLTANTO NELL'AMBITO DI INTERLOCUZIONI E RAPPORTI ISTITUZIONALI”, HA DETTO IERI IL PROCURATORE AL ‘’FATTO’’)’’