VI RICORDATE QUANDO GIORGIA MELONI IN CAMPAGNA ELETTORALE AVEVA PROMESSO CHE NON AVREBBE TOCCATO LA LEGGE SULL’ABORTO? UNA CAVOLATA! - IL CENTRODESTRA PROVA ANCORA UNA VOLTA A FORZARE LA MANO SULL’ABORTO CON UN EMENDAMENTO AL PNRR APPROVATO IN COMMISSIONE BILANCIO CHE ANDRÀ IN VOTAZIONE ALLA CAMERA: SECONDO LA NUOVA NORMA, DENTRO I CONSULTORI ARRIVEREBBERO I PRO-LIFE CHE DOVREBBERO DISSUADERE LE DONNE CHE VOGLIONO ABORTIRE – M5S E PD INSORGONO E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Michele Bocci per “la Repubblica”

 

diritto all aborto diritto all aborto

I pro-life nei consultori, cioè dentro alle strutture sanitarie dove viene fatto il maggior numero di certificazioni per l’interruzione volontaria di gravidanza. Il centrodestra prova ancora una volta a forzare la mano sul tema dell’aborto, questa volta con un emendamento al Pnrr approvato in commissione Bilancio che andrà in votazione alla Camera. Le Regioni, dice la nuova norma, organizzano i consultori e «possono avvalersi», senza oneri a carico della finanza pubblica, «del coinvolgimento di soggetti del terzo settore» con «qualificata esperienza nel sostegno alla maternità».

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

 

A segnalare l’emendamento sono stati ieri i Cinquestelle e il Pd si è unito subito alla protesta, anche con la segretaria Elly Schlein. Alle Regioni si dà la possibilità di coinvolgere associazioni che potrebbero tentare, vista la loro natura, di dissuadere le donne che vogliono intraprendere il percorso dell’aborto proprio nel luogo dove incontrano i medici. Nessuna amministrazione locale, se l’emendamento passerà alla Camera, sarà obbligata a fare accordi con i pro-vita (che tra l’altro non dovrebbero portare a maggiori spese), ma il segnale è forte e infatti si sono subito alzate le voci contrarie di chi difende il diritto all’aborto.

 

aborto aborto

[…] Secondo Valeria Dubini, presidente di Agite, l’associazione che raccoglie i ginecologi che lavorano sul territorio, «la 194 ipotizza già la partecipazione del terzo settore ma la donna resta al centro, decide lei cosa vuole fare e poi, se sceglie di partorire, può usufruire dell’aiuto da parte del volontariato. Nell’emendamento, del quale non c’era bisogno, sembra essere ipotizzato un ruolo dissuasivo da parte delle associazioni».

 

Secondo Jacopo Coghe invece, portavoce di Pro vita & famiglia onlus, «l’emendamento al Pnrr ricalca quanto è previsto dall’articolo 2 della legge 194». Allora non è chiaro perché sia stato necessario presentarlo.

 

giorgia meloni porta a porta 1 giorgia meloni porta a porta 1

[…]  Schlein annuncia: «Ci opporremo duramente all’emendamento. È in corso un attacco pesante alla libertà delle donne di scegliere sul proprio corpo. Ce lo aspettavamo da questa destra che, ovunque governa, cerca di minare l’attuazione della 194 e di restringere il diritto delle donne che cercano di avere accesso a un’interruzione volontaria di gravidanza». La segretaria del Pd ricorda la lettera diffusa da Giorgia Meloni in campagna elettorale. «Diceva: “Non preoccupatevi, che non toccheremo il diritto all’aborto”». […]

feto 1 feto 1 GIORGIA MELONI AL SENATO GIORGIA MELONI AL SENATO giorgia meloni cinque minuti giorgia meloni cinque minuti feto di plastica feto di plastica

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI