ALTRO CHE QUARANTENA: A MOSCA SONO ARRIVATE DECINE DI MIGLIAIA DI CINESI PER FESTEGGIARE IL CAPODANNO, CON IL SINDACO CHE HA PROLUNGATO LE LUMINARIE E I NEGOZI CHE ESPONGONO SCRITTE IN CINESE. NESSUNA FOBIA, DA QUESTE PARTI SOTTOLINEANO CHE IL VIRUS HA UNA MORTALITÀ SIMILE ALL'INFLUENZA STAGIONALE (3%). LA DRAMMATIZZAZIONE SAREBBE RICONDUCIBILE A UNA SCELTA DI XI JINPING, PER DUE MOTIVI FONDAMENTALI…

Condividi questo articolo


Igor Pellicciari per Dagospia

LUMINARIE DI CAPODANNO A MOSCA LUMINARIE DI CAPODANNO A MOSCA

 

Non esiste città europea più asiatica di Mosca. Qui prima che altrove da sempre si respirano le tendenze dell’estremo oriente.

 

E’ una familiarità culturale che negli anni recenti è diventata anche politica, dopo il riavvicinamento strategico Russo-cinese, contromossa alle sanzioni dell’Occidente contro Mosca, che ha sorpreso molti analisti soprattutto americani, convinti che un accordo del genere fosse improbabile in quanto contro natura (geo-politica).

 

Ed invece negli ultimi anni la presenza cinese è aumentata a vista d’occhio nella quotidianità moscovita, a partire dai numerosissimi turisti alto/spendenti che, stimolati dal nuovo clima di amicizia tra i due paesi, vengono nella capitale Russa, attratti dal notevole lifestyle e shopping.

TURISTI CINESI A MOSCA TURISTI CINESI A MOSCA

 

Per chi vive in Russia ma legge le cronache nostrane, colpisce che in questi giorni, con l’arrivo di decine di migliaia di turisti cinesi festanti in occasione delle celebrazioni del loro anno nuovo, ad attenderli ci fosse una Mosca illuminata a festa (il sindaco  Sobjanin ha prolungato le luminarie natalizie fino ai primi di Febbraio e molti negozi espongono scritte ed auguri in lingua cinese) ma nessun segno della fobia crescente nel resto del mondo per il Corona virus. Nè, a quanto è dato sapere, le autorità Russe hanno previsto alcun tipo di precauzione al di fuori di quelle standard per i voli provenienti dalla Cina.

TURISTI CINESI A MOSCA TURISTI CINESI A MOSCA

 

Mosca, che date le sue dimensioni e il clima non mite in genere non sottovaluta le crisi meteorologiche e sanitarie che le si presentano, sembra dare questa volta poco peso al Corona virus il cui tasso di mortalità dei contagiati (sul 3 %), si dice in Russia, è in linea con quello di altri ceppi di influenza e molto lontano da quanto minacciava anni fa la terribile SARS.

 

A sentire Mosca, la drammatizzazione del virus questa volta sarebbe riconducibile ad una chiara scelta in tal senso della leadership a Pechino, dove il Presidente Xi Jinping vuole evitarsi le critiche di debolezza rivolte al suo predecessore Hu Jintao in occasione della SARS.

 

XI JINPING XI JINPING

Questa prova di forza tornerebbe utile al Presidente Xi sia come segnale e deterrente da giocare sul piano della crisi di Hong Kong,  tutt’altro che sfiammata, sia come diversivo e giustificazione al rallentamento della economia cinese, molto più serio di quanto venga percepito da noi.

 

 

 

TURISTI CINESI A SAN PIETROBURGO TURISTI CINESI A SAN PIETROBURGO PUTIN E XI JINPING PUTIN E XI JINPING

 

XI JINPING VIRUS XI JINPING VIRUS

 

Condividi questo articolo

politica

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

LO SCIOPERO GENERALE NON È CONTRO DRAGHI, MA CONTRO I PARTITI! – LANDINI: “IL PREMIER HA TENTATO DI PROPORRE UN PUNTO DI MEDIAZIONE CON LA SUA MAGGIORANZA, MA È STATO BRUTALMENTE MESSO IN MINORANZA DAI PARTITI. PENSANO PIÙ ALLE PROPRIE BANDIERINE ELETTORALI CHE AGLI INTERESSI DELL’ITALIA” – “SCIOPERO IMMOTIVATO? È UN’OBIEZIONE INFONDATA. IL GOVERNO DA MESI HA RICEVUTO LE NOSTRE RICHIESTE UNITARIE SU FISCO, PENSIONI, POLITICHE INDUSTRIALI E LOTTA ALLA PRECARIETÀ. LE RISPOSTE NON SONO ADEGUATE…”