VOX O NON VOX, QUESTO È IL DILEMMA DEI POPOLARI SPAGNOLI – LA SCELTA DEL PREMIER SOCIALISTA, PEDRO SANCHEZ, DI ANDARE A ELEZIONI ANTICIPATE, HA PRESO ALLA SPROVVISTA ALBERTO NUNEZ FEIJOO, LEADER DEL CENTRODESTRA. I POST-FRANCHISTI GLI HANNO TESO SUBITO LA MANO E PUNTANO A UN’ALLEANZA PER LE POLITICHE. LUI È TERRORIZZATO DI PERDERE IL VOTO MODERATO, MA SENZA IL LORO CONTRIBUTO NON RIUSCIRÀ MAI AD OTTENERE LA MAGGIORANZA – DAGOREPORT: PERCHÉ IL CAOS POLITICO A MADRID RISCHIA DI FAR ESPLODERE L’ASSE MACRON-SCHOLZ IN UE

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Alessandro Oppes per “la Repubblica”

 

alberto nunez feijoo 2 alberto nunez feijoo 2

Ai tempi dell’università, giurisprudenza a Santiago de Compostela, i suoi compagni di corso dicono che fosse un alunno «secchione ma non brillante». Ora, a 62 anni, mentre si prepara a giocare la partita della vita tentando la conquista della Moncloa, Alberto Núñez Feijóo dovrà dimostrare tutta l’astuzia, la scaltrezza e il coraggio che molti dei suoi stessi colleghi di partito del Pp ritengono che gli siano mancati da quando, nell’aprile del 2022, ha assunto la presidenza della formazione di centrodestra spagnola e la guida dell’opposizione al governo progressista.

 

pedro sanchez pedro sanchez

Non c’è stato neppure il tempo di godersi i festeggiamenti per la brillante vittoria alle amministrative di domenica scorsa […] che il premier Pedro Sánchez ha spiazzato tutti con l’annuncio del voto politico anticipato in piena estate, il 23 luglio. Feijóo non se lo aspettava, e ora dovrà imbastire a tempo di record una strategia efficace per non dilapidare il vantaggio acquisito con l’ultimo successo che gli consente di riconquistare una cospicua fetta di potere a livello locale.

 

[…] Feijóo, che a parole predica «moderazione, serenità e rispetto istituzionale » […] nelle prossime settimane […] dovrà fare i conti con l’ultradestra di Vox il cui sostegno risulta indispensabile ai popolari per poter governare in sei delle nove regioni in cui hanno vinto e in almeno 30 capoluoghi di provincia.

 

SANTIAGO ABASCAL GIORGIA MELONI SANTIAGO ABASCAL GIORGIA MELONI

Anzi, il leader della formazione estremista, Santiago Abascal, non ha perso tempo e si è subito messo in contatto con Feijóo per congratularsi e tendergli la mano per un negoziato nel quale, ha avvisato, «non ci sarà spazio per regali né per ricatti». Secondo il numero uno di Vox, le trattative per le autonomie dovrebbero essere la prova generale per la creazione di un “blocco delle destre” in vista delle legislative. Uno scenario da incubo per il presidente dei popolari, terrorizzato dalla prospettiva di perdere per strada una buona fetta di voto moderato.

 

Nei suoi 13 anni alla presidenza della Xunta, il governo regionale della Galizia […] Feijóo riuscì sempre a tenere a debita distanza Vox e a governare in solitario. Ora sarà molto più difficile. Per tentare di uscire dall’imbarazzo, […] ha riformulato in questi giorni a Pedro Sánchez una vecchia proposta alla quale il leader socialista non aveva mai dato ascolto: accettare che, a livello locale, governi la lista più votata. In questo modo conserverebbe otto delle nove regioni in cui ha opzioni di governo e dovrebbe cedere solo l’Estremadura, dove il Psoe ha ottenuto più voti.

 

ALBERTO NUNEZ FEIJOO CON SANTIAGO ABASCAL ALBERTO NUNEZ FEIJOO CON SANTIAGO ABASCAL

Secondo un calcolo fatto da El País […] il Pp passerebbe dagli 89 seggi del 2019 a 143, inglobando quel che resta dei centristi di Ciudadanos, che non si presenterà alle urne, e prosciugando l’elettorato di Vox, che scenderebbe da 52 a 15 seggi.

 

Non solo i popolari non potrebbero governare da soli, ma neppure con l’ultradestra: il totale fa 158, lontanissimo dalla maggioranza assoluta di 176 seggi alle Cortes. Il Psoe, al contrario, conferma la sua forza, e potrebbe crescere leggermente da 120 a 122 seggi. La speranza a questo punto è nell’impulso che potrà dare alla sinistra la discesa in campo di Yolanda Díaz con la piattaforma Sumar […].

alberto nunez feijoo alberto nunez feijoo

PEDRO SANCHEZ ELLY SCHLEIN - MEME BY OSHO PEDRO SANCHEZ ELLY SCHLEIN - MEME BY OSHO abascal abascal MELONI ABASCAL MELONI ABASCAL

alberto nunez feijoo 1 alberto nunez feijoo 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...