ZINGARETTI A CINQUESTELLE - IL SEGRETARIO DEL PD SOGNA ELEZIONI ANTICIPATE PER DERENZIZZARE IL PARTITO E TRATTARE CON DI MAIO - E SCEGLIERE INSIEME IL PROSSIMO INQUILINO DEL QUIRINALE - IN QUESTE ORE I 5STELLE STANNO VALUTANDO SE TENERE PRIMA DELLE ELEZIONI DI DOMENICA UN'INIZIATIVA PUBBLICA PER ILLUSTRARE I RISULTATI RAGGIUNTI DAL GOVERNO

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

VIGNETTA BENNY - DI MAIO E ZINGARETTI VIGNETTA BENNY - DI MAIO E ZINGARETTI

Mentre i 5Stelle stanno valutando in queste ore se tenere in settimana un'iniziativa pubblica per illustrare i risultati raggiunti sinora dal governo, ovviamente per la parte che riguarda i 5stelle (l'idea è quella di mettere tutti assieme ministri e sottosegretari e, perchè no, anche l'ormai non più super partes Premier Conte) Luigi Di Maio & company stanno seriamente riflettendo sul che fare in caso di elezioni anticipate. Il grido di battaglia è sempre lo stesso: "Mai con questo Pd" ma tutti sanno, a cominciare proprio dal leader del Movimento pentastellato che non è esattamente così. Così come lo sa bene Nicola Zingaretti, segretario del Partito Democratico.

 

Sono in molti, infatti, all'interno delle due formazioni politiche a sapere bene come stanno le cose e cosa potrebbe accadere dopo nuove elezioni politiche: "Dopo il voto Nicola non avrebbe più motivo di non dialogare con i 5Stelle anche perchè insieme avrebbero i numeri per eleggere il prossimo Capo dello Stato e il Pd è pieno di pretendenti per quella poltrona" spiegano dal Nazareno.

 

NICOLA ZINGARETTI NICOLA ZINGARETTI

"Dopo nuove elezioni politiche Pd e 5Stelle sarebbero due forze non più così distanti dal punto di vista del peso elettorale il che permetterebbe a Zingaretti di evitare lo strapotere dell'interlocutore e di trattare ad armi pari. E poi, cosa ancor più importante, il Pd che uscirebbe dalle prossime elezioni sarebbe totalmente derenzizzato. E questa è la vera condizione posta da Di Maio per aprire una trattativa di governo con il Pd".

 

Gia, questo è il punto che sta più a cuore ai grillini: aspettare che escano di scena tutti gli uomini di Renzi dal Partito Democratico: "Dopo non ci sarà più alcun problema a trattare" fanno notare ambienti pentastellati. Insomma, abbattuta la "conventio ad excludendum" nei confronti di Matteo Renzi tutto sarà possibile. Anche alleanze che in questa legislatura sono impensabili. Ma non nella prossima.

 

Condividi questo articolo

politica