'IO NON MI ALLENO. NON METTO A RISCHIO LA SALUTE DI MIO FIGLIO' – TROY DEENEY, IL CAPITANO DEL WATFORD DI POZZO DICE NO ALLA RIPRESA DEL CALCIO. TRE POSITIVI (UN GIOCATORE E DUE MEMBRI DELLO STAFF AL COVID) – DOPO I PRIMI 748 TEST LA PREMIER LEAGUE HA ANNUNCIATO SEI POSITIVI TRA GIOCATORI E MEMBRI DELLO STAFF DI TRE CLUB. TUTTI MESSI IN ISOLAMENTO…

-

Condividi questo articolo

Da repubblica.it

La Premier League ha annunciato che su una prima serie di 748 test sei tra giocatori e membri dello staff appartenenti a tre club diversi sono risultati positivi al coronavirus e messi in isolamento per sette giorni.

troy deeney troy deeney

 

I tamponi sono stati svolti tra domenica e ieri in vista della ripresa degli allenamenti di oggi, quando diverse squadre si sono ritrovate nei rispettivi centri sportivi per le prime sessioni di lavoro in piccoli gruppi. Il massimo campionato inglese è fermo dal 13 marzo a causa dell'emergenza Covid, e mancano ancora 92 partite per la sua conclusione. La lega inglese aveva inizialmente individuato in venerdì 12 giugno la data della possibile ripresa del campionato, ma con ogni probabilità il ritorno in campo verrà rimandato di almeno una settimana.

 

DEENEY

(ansa) "Io non mi alleno". Dice no alla ripresa del calcio Troy Deeney, capitano del Watford, squadra di Premier League di proprieta' della famiglia Pozzo, alla guida anche dell'Udinese. Le squadre del massimo campionato inglese riprendono oggi allenamenti a piccolo gruppi dopo lo stop per la pandemia, ma il 31enne Deeney ha detto no. "Basta una persona infetta all'interno del gruppo: mio figlio di 5 mesi ha difficolta' respiratorie e non voglio metterlo in pericolo". Deeney aveva già espresso le sue perplessita' nella riunione tra Lega e capitani, sottolineando come i calciatori di colore e asiatici corrano statisticamente più rischi degli altri.
 

WATFORD

Da sport.virgilio.it

troy deeney troy deeney

Con tanto di comunicato ufficiale, il Watford ha reso nota la positività al Coronavirus di tre persone che lavorano per il club. Nessun nome (per questioni di privacy), solo la conferma che si tratta di due membri dello staff e di un calciatore.

I tre positivi sono stati già messi in isolamento per sette giorni come da protocollo. Al termine di questa quarantena forzata, verranno nuovamente sottoposti al tampone. La Premier League ha avuto sei casi di positività su 748 test effettuati.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”