99 SFUMATURE DI SAPONARA – DOPO IL GOL ALLA LAZIO NEL RECUPERO, IL TREQUARTISTA DELLA SAMP RESTA CON LE CHIAPPE ALL’ARIA  - ECCO CHI LO HA SMUTANDATO – “GRAZIE AI MIEI COMPAGNI PER AVER CONDIVISO CON ME QUESTO MOMENTO DI FOLLIA E SOPRATTUTTO A QUEL BURLONE DI…” – DALL’AMPLESSO CON LA MAGLIA DEL LIVORNO DI LUCARELLI A FOWLER CHE SI “PIPPA” LA LINEA DI FONDO CAMPO: LE ESULTANZE PIU’ STRANE- VIDEO

-

Condividi questo articolo



Da sportmediaset.mediaset.it

 

saponara saponara

Il gol che ha consentito alla Sampdoria di pareggiare contro la Lazio ha scaturito tanto entusiasmo in Riccardo Saponara da non accorgersi che un compagno gli strappava di dosso pantaloncini e mutande lasciandolo mezzo nudo ad esultare con i tifosi. Su Instagram il trequartista ha indicato simpaticamente il colpevole: "Grazie a tutti i miei compagni per aver condiviso insieme a me questo grande momento di follia e soprattutto a quel burlone di Lorenzo Tonelli per avermi smutandato".

 

LE ESULTANZE PIU’STRANE

Da www.ilposticipo.it

 

 

Chi invece ha scelto consapevolmente di mostrare le mutande è Bendtner. Il calciatore danese, dopo la rete realizzata al Portogallo agli Europei, ha mostrato la biancheria intima ma non solo per esultare. Infatti il suo sponsor era una nota agenzia di scommesse. Un gesto che gli è costato 100mila euro di multa.

bendtner bendtner

 

 

Quando si dice attaccamento alla maglia. Cristiano Lucarelli, bomber del Livorno, nella stagione 2003/2004 segna il gol promozione a Piacenza. L’esultanza è del tutto particolare: il calciatore mima un rapporto sessuale con la propria maglietta. Una manifestazione sui generis dell’amore per il Livorno che tornava in serie A.

 

 

Ben di peggio fece Robbie Fowler che dopo una rete, per rispondere alle voci riguardanti alla sua dipendenza dalla cocaina, festeggia in modo poco ortodosso portandosi ai bordi del campo e “sniffando” la linea di fondo. Un gesto che gli causerà non poche polemiche ma che è rimasto impresso nella memoria.

 

fowler fowler bendtner bendtner cristiano lucarelli cristiano lucarelli

 

Condividi questo articolo



media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."