ABODI-SCEMING! LA PROPOSTA DI CONI, CALCIO E BASKET AL MINISTRO ABODI PER RENDERE ACCETTABILE L’AUTHORITY PER I CONTROLLI ALLE SQUADRE PROFESSIONISTICHE (E NON TOGLIERE ALLO SPORT L’AUTONOMIA) – L’IDEA E’ QUELLA DI UN ALBO DI REVISORI INDICATI DAL GOVERNO PER SCEGLIERE I MEMBRI DI COVISOC E LA COMTEC, LE COMMISSIONI CHE ATTUALMENTE VIGILANO SUL PALLONE E SULLA PALLACANESTRO…

-

Condividi questo articolo


Matteo Pinci per la Repubblica - Estratti

 

andrea abodi foto gobbi gmt054 andrea abodi foto gobbi gmt054

Trasformare lo scontro in un dialogo. E provare a spostare l’asse di una riforma che voleva essere una rivoluzione in un cambiamento morbido. Che non tolga allo sport l’autonomia. Il Coni sta lavorando con Federcalcio e Federbasket per provare a portare al ministro per lo sport Abodi una soluzione che renda accettabile, per l’universo sportivo, l’authority per i controlli alle squadre professionistiche.

 

Venerdì prossimo, nella giunta Coni, presidente Malagò, ma anche Gravina (Figc) e Petrucci (Fip) come uditore, potrebbe prendere forma una proposta: sostituire l’authority con un albo a cui attingere per scegliere i membri di Covisoc e la Comtec, le commissioni che attualmente vigilano sul pallone e sulla pallacanestro. Così, di fatto, i controlli resterebbero nell’alveo dello sport ma le nomine sarebbero fatte su profili indicati dalla politica.

 

Certo la spaccatura ha saldato i rapporti tra Coni e Figc: «Ci riconosciamo nel Coni — ha detto Gravina — che potrà proporre ipotesi di confronto per migliorarsi». 

 

(..)

 

malagò petrucci malagò petrucci

Unica vera alleata del ministro oggi è la Lega di Serie B che s’è smarcata dalle posizioni contrarie per dirsi unanimemente a favore di un’authority indipendente che controlli il pallone. Il motivo è che il presidente Balata spera — usando un eufemismo — che Abodi possa essere suo alleato per riottenere l’1% della mutualità sui diritti tv della Serie A che dal 2016 è stato trasferito alla Federcalcio. Una partita che vale più di 9 milioni di euro. L’istanza per riottenerla dalla Figc ovviamente passerà inascoltata e quindi la B si sta muovendo parallelamente.

 

A questa vorrebbe sommare anche uno 0,5% dalla Serie A, che però per concederlo chiede che Balata rinunci alla cosiddetta “tassa di solidarietà”. Ossia al prelievo di una percentuale del paracadute per chi retrocede in Serie B per ridistribuirlo tra tutte le altre squadre del secondo campionato d’Italia. La somma di queste due poste, circa 15 milioni, potrebbe coprire per la Serie B il rischio di vedere ridotti gli incassi dalle tv per i prossimi anni.

abodi gravina abodi gravina

 

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)