BIERHOFF SCOPRE L’ACQUA CALDA: "IN ITALIA NEGLI ANNI ‘90 I GIOCATORI SI PAGAVANO IN NERO" - L’EX BOMBER DI UDINESE E MILAN, ORA DIRIGENTE DELLA FEDERCALCIO TEDESCA, A 'T-ONLINE': “QUANDO SONO ARRIVATO NEL ’91 GIRAVANO TANTISSIMI SOLDI A NERO NELL’ECONOMIA DEL CALCIO. LA POLITICA POCO DOPO HA MESSO UN FRENO. OGGI IL PROBLEMA NON SONO I CAMPIONI SUPERPAGATI, MA LA MEDIOCRITÀ PAGATA TROPPO”

-

Condividi questo articolo

Da ilnapolista.it

 

bierhoff bierhoff

Il direttore delle squadre nazionali della Federcalcio tedesca, la DFB, è Oliver Bierhoff, ex capocannoniere della Serie A e bomber del Milan scudettato di Zaccheroni. In un momento in cui la Germania si ritrova a vestire il ruolo di pioniere del calcio post-Covid Bierhoff affronta in una lunga intervista a T-online.de il tema tanto abusato della grande industria del pallone. Che deve cambiare, modificare i parametri di spesa, programmare il futuro. E ricorda il passato, quello italiano, in cui il calcio faceva molti dei suoi affari “a nero”.

 

“Discutiamo già dal 1990 di commissioni per i trasferimenti troppo elevate, mi ricordo il dibattito sugli stipendi che prendevano in Italia Lothar Matthäus o Andreas Brehme. Quando sono arrivato io in Italia nel 1991, giravano tantissimi soldi a nero nell’economia del calcio. Ma la politica poco dopo ha messo un freno. La maggior parte dei salari dei calciatori è diminuita del 50% in pochissimo tempo. Eppure i giocatori erano contenti lo stesso”.

 

 

Anche adesso che c’è la crisi, dice Bierhoff, “tutti vogliono solo ottenere un pezzo in più della torta. Invece dovremmo discutere di come ridurre le commissioni, gli stipendi o i consulenti, ad esempio. Ma avrebbe senso solo in termini a parità di concorrenza, con scelte a livello europeo”.

 

 

 

 

Anche perché per la gente comune il calciatore è sempre di più un ricco spendaccione.

bierhoff bierhoff

 

“Non penso che lo stipendio elevato sia il problema dei tifosi, per quanto paradossale possa sembrare. Messi, Cristiano Ronaldo o Jo Kimmich non sono il problema. Alla gente piacciono, comprano le loro maglie e vanno allo stadio grazie a questi giocatori. Il problema è la massa di mediocrità che nuota attorno a questa attrazione ed è “pagata in eccesso”.

 

Bierhoff interverrebbe sulle “discrepanze finanziarie tra la Champions League e i campionati nazionali, a volte anche tra campionati nazionali. In Germania siamo più avanti dal punto di vista della redistribuzione sociale. Ma se i club hanno l’obiettivo di raggiungere la Champions League il rischio finanziario che si assumono è molto elevato”.

 

Un pezzo dell’intervista riguarda i giovani e descrive molto bene l’attenzione alla programmazione che hanno in Germania.

bierhoff bierhoff

 

“La formazione dei giovani talenti crescerà di importanza. Le conseguenze economiche della crisi sono enormi, quindi i club dovranno salvarsi così. Come DFB sto lavorando con le squadre nazionali e come direzione dell’Accademia per fare in modo che i migliori calciatori europei giocheranno in Germania tra cinque o dieci anni. E per fare questo puntiamo sempre di più sull’individualità nell’allenamento migliorando il coaching individuale, la promozione della creatività e la trasmissione di valori chiari. Negli ultimi anni ci siamo concentrati troppo sulla tattica”.

 

“Per quanto paradossale possa sembrare, è stato utile per i giovani giocatori scendere dalla ruota del criceto del calcio competitivo per due o tre mesi. È importante come hanno utilizzato il tempo, allenandosi individualmente, sviluppando punti di forza ed eliminando le debolezze. Nell’allenamento tattico di gruppo, questo non è sempre così facile”.

 

E per farlo l’approccio è scientifico:

 

“Per esempio ora stiamo studiando il Liverpool: come fanno a vincere una partita ogni tre giorni con tensioni così elevate e uno stile di gioco così intenso? Ovviamente ci aiuta il buon rapporto con Jürgen Klopp e la nutrizionista del Liverpool Mona Nemmer. Possiamo utilizzare i fatti scientificamente provati per la nostra pratica quotidiana”.

bierhoff bierhoff

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

cronache

sport

SPROFONDO GIALLOROSSO – DURISSIMO J’ACCUSE DI GIANCARLO DOTTO: "DOPO ROMA-UDINESE SIAMO OLTRE LA VERGOGNA. QUESTA SQUADRA, QUESTA SOCIETÀ SONO ORMAI PEGGIO DI UN FILM HORROR. SOLO OGGI CI RENDIAMO CONTO DEI MIRACOLI CHE FECE SABATINI. DA QUANDO LO HA SCARICATO, LA ROMA È UNA LUPA ZOPPA. PALLOTTA E BALDINI SEMPRE PIÙ AVVINTI DI QUA E LA ROMA CON I SUOI TIFOSI SEMPRE PIÙ SMARRITI DI LÀ: DUE MONDI ORMAI INCONCILIABILI PROTESI SOLO A LIBERARSI L’UNO DELL’ALTRO. CHE FACCIANO IN FRETTA. L’AGONIA NON PUÒ DURARE PIÙ A LUNGO"

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute