IL CALCIO ITALIANO VICINO ALL’ESPLOSIONE! - LA SERIE A MINACCIA DI USCIRE DALLA FIGC: “VOGLIAMO MAGGIORE AUTONOMIA SUL MODELLO PREMIER LEAGUE” - IL PRESIDENTE DELLA LEGA, LORENZO CASINI, MANDA UN AVVERTIMENTO A GRAVINA: “ATTUALMENTE IL SISTEMA NON RICONOSCE ALLA SERIE A QUELLA AUTONOMIA E QUEL PESO DECISIONALE CHE DOVREBBE AVERE RISPETTO AL PESO ECONOMICO…”

-

Condividi questo articolo


lorenzo casini foto di bacco (1) lorenzo casini foto di bacco (1)

(ANSA) - MILANO, 05 FEB - "L'assemblea ha deciso di avviare un percorso per valutare soluzioni organizzative di maggiore autonomia simili al modello della Premier League". Sono queste le parole con cui il presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini, ha messo sul tavolo la minaccia dei club del massimo campionato di scindersi dalla Figc. Un tema più volte agitato come spettro, ma mai con la forza e l'unanimità vista oggi da parte di tutte le società. A poco più di un mese dall'assemblea straordinaria federale dell'11 marzo, la Serie A mette sul tavolo così la volontà di avere maggiore autonomia decisionale, anche se per ora "è prematuro parlare di dividersi".

 

gabriele gravina foto di bacco gabriele gravina foto di bacco

"Il sistema federale così com'è e il modello organizzativo dove la Serie A è collocata non sono adeguati per raggiungere molti obiettivi che sono nel documento" sulle riforme che la Serie A ha presentato nel dicembre 2022 e che ora sta aggiornando, ha proseguito Casini. "Attualmente il sistema non riconosce alla Serie A quella autonomia e quel peso decisionale che dovrebbe avere rispetto al peso economico - ha aggiunto -. Non si tratta tanto di un consigliere in più, ma si tratta di andare verso un modello che assicuri maggiore autonomia decisionale della Serie A su quello che riguarda la Serie A. L'attuale sistema organizzativa non è adeguato per consentirci di avere il ruolo che ci spetta".

 

lorenzo casini foto di bacco lorenzo casini foto di bacco

Casini poi frena: "Uscire dalla Figc? È tutto prematuro. I club all'unanimità hanno deciso di andare verso questo percorso ulteriore, l'uscita è un tema troppo avanti". In attesa dello scontro a livello federale, la Lega Serie A prosegue il suo lavoro sui temi commerciali. Oggi è stata annunciata la nuova partnership con Enilive, che dalla prossima stagione sarà il title sponsor del campionato in un accordo da 22 milioni annui.

 

Si conclude così il legame con Tim, una delle più longeve sponsorizzazioni della storia del calcio italiano. "Come Lega Serie A teniamo a ringraziare Tim per una collaborazione di 25 anni che ha consentito alla Serie A di crescere e portare il calcio sempre più nelle case degli italiani", ha spiegato Casini. Inoltre, è stata accettata anche la proposta di Trenitalia, con Frecciarossa che rimarrà title sponsor della Coppa Italia per altri tre anni. Entrambe le votazioni sugli sponsor sono passate in assemblea con l'unanimità da parte delle 20 società.

gabriele gravina luciano spalletti gabriele gravina luciano spalletti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…