IL CALCIO IN TV CHE VERRA’: CON UN MILIARDO ‘MEDIAPRO’ SFIDA ‘SKY’ – ZILIANI: “IL GRUPPO CATALANO CHE IN SPAGNA DETIENE I DIRITTI DELLA LIGA OFFRE 1.193 MILIONI PER IL TRIENNIO 2021-2024 CON UN INCREMENTO DI 28,3 MILIONI A STAGIONE – NASCEREBBE IL CHIACCHIERATO CANALE DELLA LEGA DI SERIE A, CON PROGRAMMI DI APPROFONDIMENTO CHE POTREBBERO PERSINO FAR SCOMPARIRE IL 'CLUB DI CARESSA', COSA INVERO MERITORIA”

-

Condividi questo articolo


Paolo Ziliani per il “Fatto Quotidiano”

 

javier tebas javier tebas

Alzi la mano chi non avverte già un brivido pregustando le sfide, fino a ieri impensabili, del prossimo campionato: tipo Juventus-Inter, con Antonio Conte condottiero nerazzurro a mulinare lo spadone sul campo della Real Casa, oppure Napoli-Juventus, col comandante Sarri a muovere le truppe bianconere alla conquista del San Paolo. Emozionante, non c' è che dire.

 

E però, la partita più appassionante è quella che si sta giocando nelle stanze, nemmeno tanto segrete, del Palazzo, ed è quella dell' assegnazione dei prossimi diritti televisivi: grazie ai quali il calcio italiano campa e senza i quali tutto finirebbe a schifìo.

 

Mediapro Mediapro

Che sta succedendo, vi chiederete? Sta succedendo che i presidenti di serie A, ai quali da sempre interessa una sola cosa, succhiare più soldi possibile alle tv, stanno valutando - in vista del triennio 2021-2024 - una proposta degli spagnoli di Mediapro, messi malamente alla porta due primavere fa, che a molti club pare già ora irresistibile.

 

Per capirci. Allo stato attuale la Lega di serie A incassa da Sky e Dazn, per il triennio 2018-2021, 973,3 milioni a stagione con un incremento rispetto al triennio precedente, quello di Sky e Premium che assicuravano 945 milioni, di 28,3 milioni a stagione.

 

andrea zappia sky q andrea zappia sky q

Ebbene: Mediapro, il gruppo audiovisivo catalano che ha lanciato il canale beIN Sports e che in Spagna detiene i diritti di Liga, Segunda Division e Copa del Rey, è tornato all' assalto e offre - tenetevi forte! - la bellezza di 1.193 milioni con un incremento rispetto a oggi di 219,7 milioni per ognuna delle tre stagioni: un' enormità. Più precisamente Mediapro offre 1.060 come minimo garantito ai quali aggiunge 55 per l' acquisto dell' archivio-immagini e 78 per le spese di produzione del nuovo canale-tv della Lega: in tutto 1.193 milioni che potrebbero persino diventare di più.

Jaume Roures Taxto Benet mediapro Jaume Roures Taxto Benet mediapro

 

Oltre questa quota scatta infatti l' area-guadagno, di 90 milioni, di Mediapro (e siamo a 1.283), dopodichè eventuali surplus verrebbero divisi destinando il 75% ai club e il 25% all' operatore spagnolo. Nascerebbe dunque, stavolta per davvero, il tanto chiacchierato canale della Lega di serie A, attivo 7 giorni su 7 con palinsesti completi di partite in diretta e programmi di approfondimento (che potrebbero persino far scomparire il "Club di Caressa", cosa invero meritoria), da vendere chiavi in mano a qualunque operatore di qualunque piattaforma: satellite, digitale terrestre, canali OTT (internet).

TEBAS TEBAS

 

Per evitare i contenziosi innescatisi col bando precedente, quando Mediapro versò una caparra di 64 milioni e poi venne ricusato per mancata osservanza delle regole, la Lega si impegna stavolta a dare fin dall' inizio il suo okay alla creazione del canale autonomo: una commissione guidata dall' ad Luigi De Siervo è già al lavoro per vagliare la proposta Mediapro e si pronuncerà tenendo conto di quanto dice l' art. 13 della Legge Melandri, che consente alla Lega di "realizzare una propria piattaforma previo ottenimento dell' occorrente titolo abilitativo, ovvero realizzare prodotti audiovisivi e distribuirli direttamente agli utenti, attraverso i canali tematici ufficiali ovvero attraverso un proprio canale tematico".

 

diritti tv diritti tv

I soldi di Mediapro sono tanti, i club scalpitano, il bando è previsto prima di Natale. E vista l' aria che tira, a Sky stanno già dissotterrando l' ascia di guerra. Concludendo: riusciranno i nostri eroi?

MEDIAPRO MEDIAPRO DIRITTI TV SERIE A DIRITTI TV SERIE A PAOLO ZILIANI PAOLO ZILIANI diritti tv diritti tv ZAPPIA ZAPPIA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"