CHE REGALONE! LA LEGA DI SERIE A VOTA LA NORMA SALVA SAMPDORIA: SUBITO IN ARRIVO IL 40% DEL PARACADUTE PREVISTO PER LE SQUADRE RETROCESSE CHE AMMONTA A 10 MILIONI (SU 25 MILIONI DI EURO) NESSUNO IN LEGA DESIDERA IL FALLIMENTO DEI BLUCERCHIATI. ANZI. NON FOSSE ALTRO PERCHÉ TUTTI I CLUB O QUASI HANNO PENDENZE UNO CON L’ALTRO. MA PER ISCRIVERSI AL CAMPIONATO DI B IL CLUB DORIANO DEVE TROVARE UN NUOVO AZIONISTA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Matteo Pinci per “la Repubblica”

sampdoria - tifosi curva sud sampdoria - tifosi curva sud

 

Il clima di festa, nel salone d’Onore del Coni, è durato poco. Perché da che mondo è mondo, la più tesa delle riunioni di condominio del nostro Paese è l’assemblea della Lega Serie A.

 

Che alla fine, dopo un pomeriggio a discutere di fondi di investimento, ha piazzato un colpo. Su invito del presidente Lorenzo Casini, è passato una sorta di emendamento salva Sampdoria. I club hanno deliberato, infatti, a favore della richiesta delle squadre già retrocesse, Cremonese e proprio la Samp, che volevano l’anticipo del 40 per cento paracadute. Che però ha effetti differenti per le due società.

udinese sampdoria udinese sampdoria

 

La Cremonese, neopromossa un anno fa, incasserà appena 4 milioni di anticipo sui 10 che le spettano dopo un solo anno in Serie A. La Samp, al contrario, beneficerà subito di 10 milioni, visto che la sua quota di paracadute è la più alta possibile, quella da 25 milioni di euro.

 

Come da richiesta, i soldi saranno disponibili già da domani. Ossia, appena in tempo per onorare la scadenza degli stipendi, uno step che, se non soddisfatto, avrebbe segnato il prologo a scenari molto più cupi. Che la situazione della Samp sia disperata infatti è cosa nota: quei soldi sono letteralmente ossigeno.

 

Contestazione TIFOSI SAMPDORIA Contestazione TIFOSI SAMPDORIA

Ovviamente, nessuno in Lega desidera il fallimento dei blucerchiati. Anzi. Non fosse altro perché tutti i club o quasi hanno pendenze uno con l’altro. C’è un problema, però. Che come specifica l’articolo 18 dello Statuto della Lega Serie A, il paracadute viene maturato da tutti i club che retrocedono “a condizione che gli stessi siano ammessi e partecipino effettivamente al campionato di Serie B della stagione successiva a quella in cui è maturata la retrocessione dalla Serie A”. In sostanza, prima di poter ricevere i soldi del paracadute, bisogna essere iscritti al nuovo campionato di B. E almeno nel caso della Samp, l’eventualità è tutt’altro che scontata.

 

massimo ferrero premio guido carli 2023 massimo ferrero premio guido carli 2023

Ma per portare la materia al voto si è esposto direttamente il presidente Casini. Certamente, la mossa politica è una vittoria dell’amministratore dei blucerchiati, l’avvocato Romei, che ha rassicurato l’assemblea: «Non posso dirvi nulla per scaramanzia, ma abbiamo trovato una soluzione», ha detto ai presidenti che prima del voto chiedevano conto e sollevavano l’obiezione regolamentare. Una cosa è certa: quei 10 milioni saranno spesi per far fronte alle spese necessarie per chiudere la stagione. Poi però servirà un nuovo azionista che garantisca la continuità aziendale.

 

E stavolta non è affatto scontato riuscire a trovarlo, nonostante i vari interessamenti, ormai ridotti sostanzialmente a duello tra due: Andrea Radrizzani, padrone del Leeds, e Alessandro Barnaba, che controlla il Lille, e sullo sfondo il vecchio proprietario Ferrero a fare da arbitro della partita.

 

casini de siervo casini de siervo alessandro barnaba alessandro barnaba andrea radrizzani 4 andrea radrizzani 4

(…)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...