DIES IRAN - TEHERAN NON PERDONA SADAF, LA SUA PRIMA DONNA PUGILE VINCENTE E SPICCA UN MANDATO D’ARRESTO NEI SUOI CONFRONTI: “HA VIOLATO LE LEGGI SULL'ABBIGLIAMENTO” – UN PAESE CHE VIETA ANCORA ALLE SUE FIGLIE DI SALIRE SU UN RING IN PANTALONCINI VISTI ANCORA COME IL DEMONIO: COMBATTERE CON ADDOSSO UN LUNGO JIHAB INVECE COME SI FA? – SADAF PER ORA E’ RIMASTA IN FRANCIA…

-

Condividi questo articolo

sadaf khadem sadaf khadem

Manila Alfano per “il Giornale”

 

Ha vinto, ma di festeggiare in patria non se ne parla. Troppo pericoloso per lei, la prima donna pugile iraniana. Meglio restare in Francia per ora, dove ha appena vinto il suo match. Lei, che sabato scorso è entrata nella storia, che è stata la prima del suo Paese a partecipare ad un combattimento internazionale e a vincere, ora deve nascondersi. Teheran è là, pronta a punirla, colpevolizzarla, incarcerarla: ha già emesso un mandato d' arresto per un abbigliamento disdicevole.

 

Ma il coraggio e la dedizione di Sadaf Khadem parte da lontano. E non è solo una questione di pantaloncini corti e una canottiera al posto dello hijab. Lei che per anni ha fatto tutto da sola, si è allenata di nascosto quando il suo paese vietava questo sport alle donne. «Nel 2017 sono andato in Iran per fare un po' di promozione e alla fine ho fatto un allenamento pubblico con circa 35 atleti sui monti che guardano Teheran, ha raccontato Mahyar Monshipour, ex campione del mondo diventato il suo manager. Sei di loro erano donne.

 

sadaf khadem sadaf khadem

Una mi ha contattato sui social media chiedendomi di farla combattere. Le ho risposto che era impossibile. Poi, due mesi fa la Federboxe iraniana ha aperto la porta alle donne, abbiamo chiesto di fissare un meeting ma sembrava impossibile perché ci chiedevano un allenatore donna, un arbitro donna, eccetera.

 

Così, con l' aiuto del Ministero dello sport l' abbiamo fatta venire in Francia».

Oggi anche lui nei guai, è accusato di «complicità». I due avrebbero dovuto prendere il volo di ritorno martedì, ma sono rimasti in Francia e attualmente soggiornano a Poitiers. Erano già sul taxi per raggiungere l' aeroporto, quando hanno dovuto fare marcia indietro.

sadaf khadem sadaf khadem

 

La notizia dell' arresto era arrivata per messaggino. Sadaf Khadem, insegnante di fitness a Teheran, ha vinto il suo primo incontro di boxe contro Anne Chauvin e ha vinto un tabù. Nella Repubblica islamica è vietato per le donne allenarsi con uomini e partecipare a gare di pugilato. La giovane pugile, che si è battuta come tutti in pantaloncini corti e canotta, è accusata di aver infranto la legge iraniana.

 

«Voglio migliorare al massimo, andare il più lontano possibile e mostrare la strada ad altre donne iraniane affinché possano provare anche loro questo sport», aveva dichiarato la giovane pugile alcuni giorni prima dell' incontro. Oggi, rischia di diventare ben più di un' insegnante, un riferimento per molte di loro che in Patria devono lottare per i diritti più banali. «Ho combattuto in un incontro legale, in Francia, ha detto lei con il coraggio di una leonessa ferita.

 

sadaf khadem sadaf khadem

Ma siccome indossavo dei pantaloncini e una t-shirt, cosa che è assolutamente normale in tutto il mondo, ho sconvolto le regole del mio paese», ha detto Khadem a L' Equipe. «Non indossavo uno hijab, ero allenata da un uomo, e a qualche persona questo sembrerebbe non andare bene». Al momento non ci sono state dichiarazioni ufficiali da parte dell' Iran, ma un dirigente della Federazione di boxe iraniana, ha negato che Khadem verrebbe arrestata nel caso in cui tornasse in patria.

 

sadaf khadem 8 sadaf khadem 8

Eppure. Nei giorni scorsi la Federazione Boxe iraniana aveva chiarito di non avere nulla a che fare con l' organizzazione del combattimento, svoltosi nella cittadina di Royan, ma aveva sottolineato che comunque ogni atleta iraniana deve rispettare le norme dell' abbigliamento islamico. Una madre-patria che vieta ancora alle sue figlie di salire su un ring in pantaloncini visti ancora come il demonio. Combattere con addosso un lungo jihab invece come si fa?

sadaf khadem 7 sadaf khadem 7 sadaf khadem 6 sadaf khadem 6 sadaf khadem 9 sadaf khadem 9 sadaf khadem 5 sadaf khadem 5 sadaf khadem 11 sadaf khadem 11 sadaf khadem 1 sadaf khadem 1 sadaf khadem 13 sadaf khadem 13 sadaf khadem 2 sadaf khadem 2 sadaf khadem 10 sadaf khadem 10 sadaf khadem 12 sadaf khadem 12 sadaf khadem 14 sadaf khadem 14 sadaf khadem 16 sadaf khadem 16 sadaf khadem 3 sadaf khadem 3 sadaf khadem 4 sadaf khadem 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute