A FIRENZE FANNO LA GUERRA A PRANDELLI. MA IL CALCIO NON C’ENTRA NULLA! IN 45 VANNO AL TAR PER NON FAR REALIZZARE ALL’EX CT UN NUOVO CANCELLO DI ACCESSO ALLA SUA VILLA IN ZONA BOBOLINO - PRANDELLI PERÒ HA GIÀ OTTENUTO LE AUTORIZZAZIONI DEL COMUNE E DELLA SOPRINTENDENZA LE CUI VALUTAZIONI, SECONDO I LEGALI DELL’ALLENATORE, SONO “INSINDACABILI” DA PARTE DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO…

-

Condividi questo articolo


prandelli villa prandelli villa

(ANSA) Un ricorso al Tar per non far realizzare un nuovo cancello di accesso alla proprietà fiorentina dell'allenatore Cesare Prandelli. Lo hanno firmato 45 residenti del Bobolino, zona di pregio, contro l'ex ct della nazionale, il Comune di Firenze e la Soprintendenza. Il ricorso sarà discusso davanti al Tar della Toscana il 17 aprile secondo quanto riporta il Corriere Fiorentino. Prandelli ha una villa su via San Leonardo e vorrebbe realizzare un cancello di accesso alla proprietà su via della Madonna della Pace.

 

prandelli villa prandelli villa

Però per i residenti quell'opera verrebbe completata "mediante un taglio del muro" ponendo problemi di "compatibilità paesaggistica" oltre a "determinare un aumento del traffico veicolare pesante a detrimento delle peculiari caratteristiche del quartiere e dei valori degli immobili", inoltre, secondo i ricorrenti "l'area costituisce uno dei più importanti spazi aperti residuali a ridosso delle mura trecentesche di Firenze e del giardino di Boboli".

 

Prandelli però ha già ottenuto le autorizzazioni del Comune e della Soprintendenza, le cui "valutazioni - spiegano i suoi legali - sono insindacabili da parte del giudice amministrativo", inoltre, aggiungono, si tratta di un accesso verso un terreno agricolo scosceso, percorribile solo a piedi o con trattori.

prandelli prandelli prandelli villa prandelli villa

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."