GHIACCIO BOLLENTE - ARIANNA FONTANA VINCE L’ARGENTO E ACCUSA: “ERA UNO DEI MASCHI DELLA STAFFETTA CHE OGGI HA VINTO IL BRONZO AD ATTACCARMI SUL GHIACCIO PER FARMI CADERE” (FUORI IL NOME!) – POI BOMBARDA ANCORA LA FEDERAZIONE: NON SONO STATA NEL LORO SISTEMA PERCHÉ SAPEVO CHE NON POTEVA FUNZIONARE PER ME. TUTTI FANNO ERRORI MA NON DIMENTICO…”

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

fontana lobello fontana lobello

Prosegue il clima infuocato nella federazione italiana sport del ghiaccio. Teoricamente, è stata una grande giornata con una medaglia d’argento e una di bronzo. Arianna Fontana ha vinto l’argento nei 1.500 metri di short track e subito dopo ha proseguito con le sue accuse. Aveva parlato di pattinatori che l’attaccavano sul ghiaccio, che la facevano cadere. E ai giornalisti ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

 

“I maschi li ho già perdonati, era solo uno che ha continuato ad attaccarmi sul ghiaccio. Tutti fanno errori, le cose io le ho perdonate da tempo, ma non dimentico. Se è uno dei quattro della staffetta che ha vinto il bronzo oggi? Sì”.

ARIANNA FONTANA ARIANNA FONTANA

 

“Le lacrime? Ho tante emozioni che adesso posso lasciare andare. Ho dovuto trattenere tante cose, nei prossimi giorni avrò modo di rilasciare tutto quello che ho dentro”.

 

“Il presidente Gios ha detto “faremo di tutto per avere Arianna a Milano-Cortina, però deve stare sotto le nostre regole”. Io sono dovuta andarmene per poter essere qui e fare quello che ho fatto. Non sono stata nelle loro regole, nel loro sistema perché sapevo che non poteva funzionare per me. Mettere già quel puntino non mette delle buone speranze”.

 

 

ARIANNA FONTANA ARIANNA FONTANA

Il marito, il suo allenatore Anthony Lobello, non ha voluto parlare con i giornalisti. L’agenzia Agi riporta che è forte la tensione tra la Federghiaccio e il ristretto gruppo-Fontana. Stando a fonti internazionali, Anthony Lobello l’estate scorsa e’ stato allontanato dalla pista ghiacciata di Budapest dove era in allenamento con Arianna.

 

Il bronzo nella staffetta sui 5mila metri è stato vinto da Tommaso Dotti, Andrea Cassinelli, Yuri Confortola e Pietro Sighel. Uno di questi è l’atleta accusato da Arianna Fontana.

 

 

Fontana ha poi aggiunto, parlando esclusivamente dei risultati:

 

GIOS GIOS

“È la mia migliore Olimpiade di sempre, è una Olimpiade da incorniciare. Sono qui con un’altra medaglia d’argento. A Sochi avevo preso tre medaglie e pensavo che sarebbe stato difficile fare meglio ma ce l’ho fatta. Dopo Pyeongchang non sapevo cosa sarebbe successo e invece torno a casa con due argenti e un oro, meglio di quattro anni fa. Non potevo chiedere di più”.

ARIANNA FONTANA ITALIA SHORT TRACK ARIANNA FONTANA ITALIA SHORT TRACK ARIANNA FONTANA ARIANNA FONTANA STAFFETTA SHORT TRACK STAFFETTA SHORT TRACK STAFFETTA SHORT TRACK STAFFETTA SHORT TRACK ARIANNA FONTANA ITALIA SHORT TRACK ARIANNA FONTANA ITALIA SHORT TRACK

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

FLASH – COME MAI ANTONIO ANGELUCCI VUOLE COMPRARE L’AGI E “LA VERITÀ” (DA BELPIETRO VUOLE SOLO IL QUOTIDIANO E NON LE ALTRE TESTATE, DA “PANORAMA” IN GIÙ)? IL DEPUTATO DELLA LEGA, ORMAI MELONIZZATO, VUOLE AVERE IL CONTROLLO DI TUTTI I GIORNALI DI DESTRA CON L’OBIETTIVO DI ORIENTARE I PARTITI AL GOVERNO. VUOLE DIVENTARE IL “DEUS EX MACHINA” DELLA LINEA POLITICA DI GIORGIA MELONI, COME MURDOCH FECE CON TRUMP – ANGELUCCI STA PENSANDO A SECHI COME DIRETTORE EDITORIALE DI TUTTO IL GRUPPO (MAGARI TORNANDO ANCHE ALLA GUIDA DI AGI) E VITTORIO FELTRI TORNEREBBE ALLA DIREZIONE DI “LIBERO”