GIUSTIZIA A MISURA DI RICCHI! DANI ALVES PAGA LA CAUZIONE DA 1 MILIONE DI EURO E TORNA A CASA DOPO OLTRE UN ANNO DI CARCERE PER VIOLENZA SESSUALE. AL SUO ARRIVO NELL’ABITAZIONE NON C’ERA LA EX MOGLIE, MA IL BRASILIANO E’ STATO OMAGGIATO ANCHE DI UN MAZZO DI FIORI. CHI GLIELO AVRA’ INVIATO? – SCOPPIA LA POLEMICA IN DIRETTA TV: “E’ SCANDALOSO” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratti da fanpage.it

 

DANI ALVES DANI ALVES

Dani Alves è tornato a casa. Il pagamento della cauzione da 1 milione di euro gli ha permesso di lasciare il carcere di Brians 2 di Barcellona dove era detenuto dal 20 gennaio 2023. È la prima volta in assoluto che il brasiliano varca la soglia dell'istituto di pena considerati tutti precedenti tentativi falliti da parte dei suoi legali di vedergli riconosciuta almeno la libertà vigilata e provvisoria. Una richiesta sempre bocciata dal Tribunale. Al ritorno nella sua abitazione, l'ex Barça è stato omaggiato anche di un mazzo di fiori da un mittente sconosciuto.

 

 

DANI ALVES fiori DANI ALVES fiori

Dopo 14 mesi e 5 giorni, una condanna a 4 anni e 6 mesi per violenza sessuale, il calciatore brasiliano ha lasciato alle spalle le porte della prigione: dietro le sbarre ha trascorso oltre un anno a rimuginare sulla propria vita andata in pezzi dopo quella sera nella discoteca Sutton della città catalana. Da lì è cambiato tutto. Lì, ha perso tutto: dalla moglie, Joana Sanz, fino alla crisi finanziaria che lo ha investito per essere stato mollato dal club Pumas (che ha rescisso il contratto), dagli sponsor e aver visto il proprio patrimonio congelato dall'autorità giudiziaria.

 

 

L'ex difensore, oggi 40enne, era in compagnia di poche persone (si contavano sulla punta delle dita di una mano) e una era il suo avvocato che aveva sbrigato le ultime formalità prima di prelevarlo dalla casa circondariale e ricondurlo alla sua abitazione. Nessun colpo di scena televisivo: chi credeva di poter distinguere la figura della ex moglie, Joana Sanz, è rimasto deluso.

 

dani alves in tribunale dani alves in tribunale

(...)

C'erano soprattutto quelle della trasmissione TardeAR in onda su Telecinco che hanno catturato alcune immagini del momento in cui il giocatore è arrivato dinanzi alla sua abitazione. A distanza di un po' di tempo, s'è presentato un fattorino che aveva il compito di consegnare un regalo al giocatore.

 

Chi è il mittente di quel dono? E in cosa consisteva? La giornalista e conduttrice Beatriz Archidona non ha potuto fare a meno di commentare con grande stupore l'omaggio ricevuto dal brasiliano. "Non so come definire questa situazione… è forte, scandalosa. La cosa più sorprendente da vedere". Alimentata la curiosità, il servizio svela il cadeau misterioso: si tratta di un mazzo di fiori (come mostrato in diretta, sopra un fotogramma della trasmissione). Chi glielo avrà mai inviato?

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)