GOGGIA, NON C’E’ DUE SENZA TRE! A LAKE LOUISE VINCE ANCHE IL SUPERG. DOPO AVER DOMINATO LE DUE LIBERE, LA SCIATRICE BERGAMASCA TORNA A VINCERE ANCHE NELL’ALTRA SPECIALITÀ DELLA VELOCITÀ. È LA QUATTORDICESIMA VITTORIA IN CARRIERA. LARA GUT-BEHRAMI È SECONDA A 11/100, TERZA L’AUSTRIACA PUCHNER A 44/100. QUINTA FEDERICA BRIGNONE, SETTIMA ELENA CURTONI

-

Condividi questo articolo


Da gazzetta.it

 

sofia goggia sofia goggia

Straordinaria Sofia Goggia. Dopo le due vittorie in discesa, a Lake Louise vince anche il superG e firma una straordinaria tripletta, che sulla pista canadese era riuscita soltanto alla tedesca Katja Seizinger (1997) e per tre volte a Lindsey Vonn (2011, 2012, 2015). Per la bergamasca si tratta della quattordicesima vittoria, la quarta in superG a quasi due anni dall’ultimo successo in questa specialità, ottenuto nel 2019 a St. Moritz. A quota 16 ci sono Deborah Compagnoni e Federica Brignone, a 15 Isolde Kostner.

 

PERFETTA

SOFIA GOGGIA SOFIA GOGGIA

Per la terza giornata di fila Sofia Goggia dà una lezione tattica, prima che di velocità. Perfetta la sua interpretazione di un tracciato con diversi trabocchetti, con tanti cambi di ritmo, con due passaggi chiave: i curvoni tra Fishing Net e Fall Away, dove l’azzurra aveva già fatto la differenza in discesa, e l’ultimo salto in cui bisognava indovinare l’ingresso. Goggia ha fatto la differenza soprattutto in questo tratto, battendo Lara Gut-Behrami di 11/100. Terzo posto per l’austriaca Mirjam Puchner a 44/100.

 

 

BRAVA FEDE

   Resta giù dal podio, ma porta a casa un’altra prestazione convincente, anche Federica Brignone, quinta a 53/100 da Sofia Goggia. Seguono Mikaela Shiffrin ed Elena Curtoni: entrambe fino all’ultimo intermedio sembravano in grado di battere Sofia Goggia, ma hanno pagato delle imperfezioni di traiettoria nella parte finale. Più indietro Francesca Marsaglia, a 1”11 dalla bergamasca, e Roberta Melesi, a 1”81 e Nicol Delago a 2”06.

goggia goggia

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute