GRAN BAZAR JUVENTUS: VLAHOVIC SUL MERCATO PER FARE CASSA - IL NUOVO CORSO DELLA SOCIETA' RIPARTIRA' DAGLI ADDII ECCELLENTI DELL’ATTACCANTE SERBO (CONTESO DA CHELSEA E BAYERN), DEL CENTROCAMPISTA FRANCESE E DELL'ARGENTINO DI MARIA – IL RICCO CONTRATTO DI ALLEGRI E’ IL MOTIVO PER CUI ALLA FINE MAX POTREBBE RESTARE - GIUNTOLI E' IL PRESCELTO COME DIRETTORE SPORTIVO MA C’E’ IL MURO DI DE LAURENTIIS…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Antonio Barillà per La Stampa

 

(...)

 

DUSAN VLAHOVIC DUSAN VLAHOVIC

Non è un caso che nella notte di Empoli, tra moti di rabbia e sfoghi emotivi, Allegri abbia tracciato un quadro tanto cupo quanto realistico: «In questo momento non sappiamo per che cosa giocherà la Juve nella prossima stagione, se farà l'Europa League o se non gliela faranno giocare: queste cose riguardano la dirigenza, di sicuro non possiamo vendere quello che non è, al momento non possiamo dire che la Juventus l'anno prossimo potrà lottare per vincere».

 

Nemmeno l'allenatore è più un punto fermo, benché ribattezzato da John Elkann «riferimento dell'area sportiva»: l'antica fiducia, non solo il ricco contratto, presuppongono la prosecuzione del rapporto, però, dopo gli ultimi eventi, serve chiarezza. Se non esistono ripensamenti, se i sondaggi per Tudor e Palladino sono gossip, la società scacci i dubbi ed eviti equivoci tipo la trattativa per Giuntoli accelerata da Calvo - tutto definito, ma c'è il muro di De Laurentiis - lasciando ai margini l'allenatore. Che nulla ha contro il direttore sportivo in pectore, ma meritava obiettivamente un coinvolgimento dopo avere tenuto in piedi la baracca e condiviso un progetto non solo tecnico ma di risparmio, accettando rinunce pesanti - da Ronaldo a Dybala - e sposando la politica degli innesti giovani.

 

juve siviglia vlahovic juve siviglia vlahovic

E proprio dai giovani, al di là d'uno scenario europeo o d'una stagione di sole competizioni made in Italy, comincerà il ciclo post condanna: confermati quelli che hanno ottenuto consacrazione - Fagioli, Miretti e Iling-Junnior in testa -, altri promossi da Under 19 e Next Gen (in prima fila il turco Yildiz), richiamati dai prestiti come Cambiaso e Rovella. Attorno a loro, a garantire esperienza un nucleo guidato dal capitano Bonucci, all'ultima stagione prima del ritiro, e dal vice Danilo e arricchito da Pogba che vuole garantire il salto di qualità che gli infortuni hanno impedito: «Mi dice sempre che ha ancora tante cose da fare alla Juventus» dichiara a Calciomercato.com l'agente Pimenta.

 

Da valutare, tra i calciatori in scadenza, Di Maria (addio di nuovo vicino dopo riflessioni che avevano lasciato balenare un prolungamento fino al 2024), Cuadrado (verso il rinnovo), Rabiot (senza Champions trattenerlo diventerà quasi impossibile), Paredes (non sarà riscattato) e Milik (è un affare perché diventerebbe di proprietà con appena 7 milioni).

MASSIMILIANO ALLEGRI MASSIMILIANO ALLEGRI

 

Tra le stelle sotto contratto, in assenza di coppe, qualcuno potrebbe cedere a sirene straniere: Vlahovic, corteggiato da Chelsea e Bayern, è il maggior indiziato, nel qual caso la Juventus proverebbe a reinvestire su Hojlund dell'Atalanta, ma gli intoccabili sono pochi. Nel gruppo vanno ancora considerati Arthur, Zakaria, McKennie, Kulusevski

 

CRISTIANO GIUNTOLI CRISTIANO GIUNTOLI

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...