INZAGHI, MAI NA JOYA! - LA "GAZZETTA DELLO SPORT" FA EMERGERE UN RETROSCENA DEL MERCATO ESTIVO NERAZZURRO: SIMONE INZAGHI AVREBBE RIFIUTATO DI PORTARE DYBALA IN NERAZZURRO PERCHÉ PREFERIVA PUNTARE SU CORREA! - MA CHI HA FATTO TRAPELARE LA NOTIZIA? IL TEMPISMO DELLO "SCOOP", ARRIVATO DOPO LA SCONFITTA DELL'INTER CONTRO LA ROMA (CON GOL DI DYBALA) FA PENSARE CHE...

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Rinelli per www.fanpage.it

inzaghi inzaghi

 

Il gol di Smalling ha fatto crollare tutte le certezze dell'Inter di Simone Inzaghi. La rete del difensore inglese, che ha permesso alla Roma di Mourinho di espugnare il Meazza e portarsi a casa l'1-2 che ha sancito l'ennesima sconfitta dei nerazzurri, ha aperto una falla tra l'ambiente e lo stesso tecnico dell'Inter. Le voci su un avvicendamento in panchina iniziano a rimbalzare da una parte all'altra accendendo i riflettori sulla posizione di Simone Inzaghi che al momento non è più così solida, nonostante le smentite, come all'inizio della crisi.

 

Simone Inzaghi Simone Inzaghi

L'esame Barcellona, come step fondamentale per superare questo momento, non è facile, anzi, è complicatissimo. Le colpe all'allenatore sono soprattutto riconducibili a una trama di gioco che non sembra essere più così efficace, alla discutibile gestione dei cambi evidenziata anche nella sconfitta di Udine, e a un attacco sterile che fa fatica a mettere in difficoltà le difese avversarie.

 

simone inzaghi 6 simone inzaghi 6

Con Lautaro e Dzeko a secco, ci ha infatti dovuto pensare Dimarco a mettere la palla in rete per un gol che ha però solo illuso il popolo nerazzurro. Mancano infatti i gol di Lukaku, ancora fuori per infortunio, di Correa, fortemente voluto da Simone Inzaghi e forse…anche quelli di Dybala. La Joya ha trovato il gol con la maglia della Roma proprio a San Siro davanti agli occhi di quell'Inter che avrebbe dovuto accoglierlo a braccia aperte e che invece l'ha solo sedotto e abbandonato. A tal proposito la Gazzetta dello Sport fa emergere uno scenario inimmaginabile fino a qualche mese fa: sarebbe stato Simone Inzaghi a non volere Dybala puntando forte su Correa.

 

correa correa

Un'indiscrezione che qualcuno dall'interno del club ha fatto trapelare, svelando un fronte non così compatto sul destino del tecnico, e contribuisce ad aumentare la pressione sullo stesso Inzaghi nel momento di massima difficoltà della sua gestione: la preferenza a Correa, piuttosto che a Dybala, è stata accolta con sorpresa mista a rabbia dai tifosi dell'Inter.

 

inter roma dybala inter roma dybala

Dybala era praticamente pronto a vestire la maglia dell'Inter ma poi gli intrecci di mercato non hanno consentito la chiusura di questo affare. La mancata cessione di Lautaro alle giuste cifre richieste dall'Inter, avrebbe messo Simone Inzaghi di fronte a una scelta: Correa o Dybala. Il tecnico avrebbe preferito l'ex Lazio lasciando la Joya libero di accettare la corte di Mourinho alla Roma. Anche Zhang, secondo Gazzetta, sarebbe stato d'accordo dando il suo via libera al trasferimento.

simone inzaghi 4 simone inzaghi 4

 

"Dove alleno io, aumentano i ricavi, si dimezzano le perdite e si conquistano i trofei" aveva detto alla vigilia della gara contro la Roma rispondendo a chi non lo ritenesse all'altezza della situazione e non adatto a un club con pretese di vittoria come l'Inter. Una puntualizzazione necessaria dopo quanto visto prima della sosta delle nazionali.

 

simone inzaghi 5 simone inzaghi 5

 Parole che ora stridono con quanto emerso contro la Roma e che mettono in evidenza una squadra, l'Inter, assolutamente in confusione e a caccia della sua vera identità. Forse anche a livello societario in relazione alla posizione di Simone Inzaghi, meno saldo rispetto a qualche settimana fa. Un tema su cui, evidentemente, non tutti sono d'accordo all'interno dell'Inter.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…