LA JUVENTUS CHIEDERÀ A ALLEGRI DI DIMETTERSI? UNA PARTE DELLA DIRIGENZA NON VUOLE PIU’ ACCIUGHINA SULLA PANCHINA BIANCONERA. IL TECNICO NON HA INTENZIONE DI FARSI DA PARTE, MA SE GLIELO CHIEDERÀ ELKANN POTREBBE TRATTARE - I RAPPORTI SONO TESI, COME PURE ALL’INTERNO DELLA SQUADRA, IL REDDE RATIONEM È PREVISTO PER IL 5 GIUGNO…

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

 

john elkann e massimiliano allegri foto mezzelani gmt 198 john elkann e massimiliano allegri foto mezzelani gmt 198

La Juventus chiederà ad Allegri di dimettersi. Lo scrive Emanuele Gamba su La Repubblica. L’orientamento di una parte della dirigenza bianconero va in questa direzione. I rapporti sono tesi, non c’è più unità. Il tecnico non ha intenzione di farsi da parte, ma se glielo chiederà Elkann potrebbe trattare sul contratto ancora in essere e sulla cifra che il club deve corrispondere al tecnico in caso di addio a Torino.

 

Ieri, in conferenza stampa, Allegri ha eluso le domande precise sul suo futuro rinviando tutto a fine stagione, all’incontro del 5 giugno con la dirigenza della Juventus. Il tecnico ha dichiarato:

 

 

«La stagione prossima la decideremo il 5 giugno, quando tutto sarà finito, perché dovremo pianificare una serie di cose».

 

 

 

La Repubblica scrive:

jaki elkann allegri jaki elkann allegri

“In quel lunedì di pianificazione gli chiederanno anche della disponibilità a farsi da parte, perché l’orientamento di una parte della dirigenza è quello. I rapporti sono tesi, come pure all’interno della squadra, perché quando ha perso presa il collante della motivazione (c’erano due trofei a portata di mano, il secondo posto, il fronte comune verso quella che era percepita come un’ingiustizia) l’unità si è sbriciolata. Allegri non ha intenzione di farsi da parte («Ho due anni di contratto e mi impegnerò perché la Juventus torni a competere per il campionato»), ma se la richiesta venisse da John Elkann, con cui ha parlato anche martedì («L’ingegnere ha voluto farci capire che niente è perduto») e con il quale ha un filo diretto, potrebbe anche sedersi a un tavolo e ragionarci sopra anche se i soldi ballo sono un’enormità, visto che nel prossimo biennio lo staff tecnico peserà sul bilancio per 43 milioni”.

 

 

Determinante sarà anche la questione direttore sportivo. Allegri non si è mai opposto all’arrivo di Cristiano Giuntoli alla Juventus, scrive il quotidiano, ma sicuramente non ha gradito il fatto di non essere stato interpellato. Ieri ha aperto all’arrivo di Giuntoli, in conferenza stampa.

agnelli allegri elkann agnelli allegri elkann

 

“Ma sarà fondamentale anche capire come si svilupperà la questione Giuntoli, uno dei motivi di contrasto tra allenatore e dirigenza. Max ha però voluto chiarire la sua posizione: «Non ho il potere, né lo voglio avere, di scegliere il ds, il magazziniere o il segretario. Non ho mai messo bocca né, soprattutto, veto. Sono molto aziendalista e collaboro con tutti». In effetti, Allegri non si è opposto alla scelta del ds del Napoli, operata da Calvo, ma non ha gradito di non essere stato coinvolto nel processo decisionale: lo riteneva doveroso, visto che a novembre Elkann lo indicò come «punto di riferimento dell’area sportiva», due mesi prima che Calvo venisse nominato chief football officer”.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?