“DUE ANNI FA HO CONOSCIUTO ROBERTA ANDANDO IN BICICLETTA. STAVAMO INSIEME DA UN ANNO E MEZZO. ORA LA BICICLETTA ME L' HA PORTATA VIA” - MARCO VELO, IL VICE DEL C.T. DELL’ITALBICI CASSANI ED EX COMPAGNO DI PANTANI, HA VISTO MORIRE LA COMPAGNA INVESTITA DA UN CAMION – “IN QUESTO CASO NON SI PUO’ PARLARE DI SCARSA SICUREZZA STRADALE. IN 50 KM AVREMO INCONTRATO 5 MACCHINE” – PER CASSANI E’ STATA "UNA FATALITA’"

-

Condividi questo articolo

Davide Romani per la Gazzetta dello Sport

 

«Due anni fa ho conosciuto Roberta andando in bicicletta.

 

roberta agosti roberta agosti

Entrambi uscivamo da storie importanti. Stavamo insieme da un anno e mezzo. Ora la bicicletta me l' ha portata via». Straziato dal dolore Marco Velo racconta così l' incidente mortale che ha coinvolto la sua compagna, Roberta Agosti. La donna insieme al compagno - ex professionista e oggi assistente del c.t. azzurro Davide Cassani - e a un gruppo di amici, stava svolgendo un allenamento mattutino.

 

Da Madonna della Scoperta il gruppo pedalava verso Lonato, lungo una stretta strada di campagna nel bresciano. «La strada saliva all' 1%, andavamo piano, intorno ai 25 km/h. Eravamo su un lungo rettilineo senza buche. Davanti a Roberta sono caduti 3-4 compagni di allenamento e lei per evitarli ha scartato a sinistra. In quel momento è arrivato in direzione opposta il camion». Roberta, è stata investiva frontalmente dal mezzo che trasportava latte.

velo velo

 

Inutile l' intervento di un elicottero del 118. «Di solito non lasciava mai la mia ruota mentre in questo caso io mi trovavo davanti al gruppetto mentre lei era nelle retrovie. Ho provato a rianimarla ma non c' è stato nulla da fare».

 

La donna era un punto di riferimento delle bike academy di Cassani (stage sportivi organizzati a Gran Canarie, in Spagna).

 

E proprio durante questi eventi raccoglievano grande successo le sue lezioni di yoga al tramonto. Yoga che insieme all' educazione teatrale, Roberta insegnava anche ai bambini. «Eravamo in una situazione di massima sicurezza - continua il 46enne professionista dal 1996 al 2010 e compagno di squadra di Pantani alla Mercatone Uno -. Avevamo scelto quella strada in mezzo ai vigneti, in 50 km avremo incontrato 5 macchine.

 

roberta agosti roberta agosti

In questo caso non si può parlare di scarsa sicurezza stradale». Lo stesso concetto ribadito dal c.t. della Nazionale Davide Cassani. «Credo si possa parlare di una fatalità. Non stavano andando forte, la strada saliva leggermente e non c' erano curve».

 

L' incidente di Roberta segue a meno di 24 ore quello che ha coinvolto Nicolas Chiola. Il 19enne di Cepagatti (Pescara), è stato investito a Chieti Scalo da un fuoristrada guidato da una donna mentre si stava allenando. Nicolas ha battuto violentemente la testa sull' asfalto. Al momento si trova ricoverato in prognosi riservata all' ospedale Santo Spirito di Pescara per un trauma cranico.

 

Anche se quello di Roberta Agosti al momento viene catalogata come una fatalità, i due incidenti riportano d' attualità il tema della sicurezza stradale per i ciclisti. Nel 2019 sono stati 300 i morti con lo stesso Davide Cassani e Alex Zanardi che si sono spesi più volte in richiami alla sicurezza stradale e ad una maggiore prudenza per chi è alla guida.

cassani cassani

 

Un triste gioco del destino per Velo. Terminata la carriera da professionista si è proprio dedicato alla sicurezza in gara diventando il "regolatore di corsa" del Giro d' Italia e delle altre gare organizzate da Rcs. A lui il compito, insieme al direttore di corsa, di stabilire chi passa e chi no nella carovana di mezzi al seguito della corsa nei punti più delicati del percorso, dove si fermano anche i fotografi e le telecamere per provare a ridurre al massimo i pericoli per i ciclisti in gara.

CASSANI CASSANI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“PER SPIEGARE LA DISSOLUZIONE DELLA SINISTRA IN ITALIA MI SOFFERMO SU UNA FOTO DI MARIA ELENA BOSCHI” - FULVIO ABBATE: “LO SGUARDO SI RITROVA CALAMITATO UNICAMENTE DALLA “H” DORATA DELLA FIBBIA DELLA CINTURA, INIZIALE DI UN MARCHIO DI LUSSO E ORGOGLIO GLOBALE, PLANETARIO, PROVINCIALE, RIONALE, DA SABATO IN DISCOTECA. LA CONVINZIONE CHE LA SINISTRA DEBBA MOSTRARSI MUTANTE, ESTRANEA AL SUO STESSO GERME, COSÌ DA DIVENTARE CONVINCENTE AGLI OCCHI DEGLI ESTRANEI, LA RENDE RISIBILE, E NESSUNO PENSI CHE…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute